Lunedì 25 Maggio 2020
   
Text Size

Lo sport fa figli e figliastri

calcio_a_5_02

La Serie A può partire, per i dilettanti ancora nessuna risposta

Tutto pronto per il 18 maggio. Giorno in cui è prevista l’apertura anche per le attività sportive di base oltre che allo sport dilettantistico. In attesa della ripresa degli allenamenti della Serie A, il calcio dei dilettanti si lecca le ferite del lockdown dovuto al coronavirus. Difficile che il campionato riprenda. E mentre si sta lavorando ad una serie di riforme contingenti, il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti ha rilasciato una dichiarazione all’Unione Sarda.

“Più passa il tempo, più è difficile che i Dilettanti possano tornare in campo”

Parola di Cosimo Sibilia. Il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti e vicepresidente della Figc, intervistato ai microfoni de ‘L’Unione Sarda’, è tornato a parlare della possibile ripresa del campionato, al momento sospeso a causa dell’emergenza Coronavirus.

“La decisione? Subito dopo il Consiglio federale, che spero venga convocato al più presto quello direttivo, dopo quello rinviato dell’8 maggio. In quella sede otterremo delle indicazioni che poi trasferiremo ai nostri territori in seguito al confronto con tutti i Comitati regionali della Lega Nazionale Dilettanti. Ho sempre coltivato la speranza di poter concludere la stagione in campo, ma allo stesso tempo non ho mai nascosto le difficoltà per le nostre società di attuare le misure di sicurezza richieste dall’emergenza sanitaria. Il tempo sta passando inesorabilmente e credo sia quasi impossibile per i Dilettanti pensare di tornare a giocare. La speranza è che non ci siano tanti ricorsi perché sento molte società pronte ad adire alle vie legali”, sono state le sue parole.

“La crisi socio-economica del Paese si ripercuoterà anche nel nostro settore dove le piccole realtà sostenevano la squadra. Aiuti dal Governo? Spadafora ha confermato fondi per 400 milioni, considerati i nostri numeri importanti penso che una buona fetta sia destinata a noi. Sardegna? Sono convinto che il Comitato regionale guidato da Gianni Cadoni saprà intercettare le istanze dei club e che, in sinergia con le amministrazioni, riuscirà a trovare delle soluzioni in grado di sostenere il movimento regionale. Senza dimenticare che la LND farà la sua parte: da quando ne sono alla guida l’attenzione al territorio è sempre stata massima”, ha concluso Sibilia.

La Lega Nazionale Dilettanti, competente dalla Serie D fino all’attività di base, non ha ancora preso una decisione ufficiale.

Mentre per quanto riguarda il calcio a 5 è stato rinviato il prossimo Mondiale di futsal, che sarà organizzato dalla Lituania. E’ stato rinviato di un anno e si giocherà dal 12 settembre al 3 ottobre 2021. Lo ha deciso il Consiglio FIFA, a seguito di una valutazione approfondita dell’impatto della pandemia da coronavirus e delle successive raccomandazioni formulate dal gruppo di lavoro COVID-19 delle Confederazioni FIFA.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI