Giovedì 24 Gennaio 2019
   
Text Size

PIP, BOVINO APRE AGLI ARTIGIANI

bovino-angelo-conferenza

AL CONVEGNO PER LA RINASCITA DELLA CONFARTIGIANATO DI POLIGNANO SI PARLA DEL PIP

Bovino agli artigiani: 'Studiamo insieme una zona artigianale'

I rappresentanti regionali della Confartigianato, il sindaco Angelo Bovino, il presidente del Consiglio Eugenio Scagliusi, l’assessore al bilancio Matteo Colella e il titolare all’urbanistica e attività produttive Fabio Collela si sono riuniti ieri, in sala consiliare per invitare e chiedere la collaborazione degli artigiani di piccole e medie imprese locali all’apertura di una nuova sede della Confartigianato a Polignano.

Gli artigiani locali erano presenti in numerosi e ciò dimostra il loro reale interesse alla questione e il fermento che anima il desiderio di crescere come impresa. Un’apertura dei rappresentanti di questa categoria che sta risente certamente della crisi nazionale che si consuma nel quotidiano e nell’economia reale.

In questo momento di crisi l’associazionismo è fondamentale per  sostenere la categoria e informare gli addetti al settore artigianale su particolari agevolazioni di cui si può usufruire per crescere e superare il momento delicato. “Credito agevolato per il rilancio dell’economia locale piccole medie-imprese” è il tema che ha dominato nel corso dei lavori.

LE IMPRESE A POLIGNANO - “La crisi economica è un dato di fatto anche a Polignano”. Il Dott. Bastiani rappresentante della Confartigianato ha esordito con una quadratura della situazione locale: a Polignano si registra la presenza di 356 imprese artigianali, di cui 29 sono nuove iscritte nel 2009 contri i 34 depennati dal registro delle imprese.

“Questo convegno rappresenta la nuova pagina dell’artigianato di Polignano a Mare”. Bastiani e D’Alonzo vorrebbero riaprire una sede della Confartigianato locale, ponendo due obiettivi fondamentali: intensificare le attività di controllo sulle imprese non regolari e affidare un maggior quantitativo di lavori pubblici locali alle imprese artigianali di Polignano.

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE IMPRESE - Al convegno hanno partecipato anche diversi direttori  bancari che operano nel territorio, che insieme ai rappresentanti della Confartigianato hanno illustrato le varie agevolazioni di cui le piccole-medie imprese possono usufruire grazie ai fidi regionali, facilitando tutto l’iter burocratico e le garanzie economiche che la  banca esige alla richiesta di credito da parte di un imprenditore.

QUESTIONE PIP - Ai ringraziamenti della Confartigianato per l’ospitalità, il sindaco ha risposto con la promessa di appoggiare l’iniziativa e di esser pronto a collaborare con gli artigiani polignanesi per studiare e individuare insieme, nell’ambito del piano urbanistico, il luogo più adatto per la realizzazione di una zona artigianale o zona Pip, la cui assenza, come ha evidenziato l’artigiano Ignazio Dell’Edera, ha costretto numerosi artigiani locali, nel corso degli anni, a migrare nelle zone artigianali di paesi limitrofi. Dichiarazioni, quelle del primo cittadino, che riaccendono ora i riflettori sul caso Pip, oggetto di contesa con le opposizioni in sede di consiglio comunale, dopo mesi di assenza dall'agenda politica.

 

Per approfondimenti su leggi, casi individuali di imprese e altro: Artigianfidi scrl Tel. 080 540610 – Fax 080 5417196

Cooperativa Artigiana Garanzia di Bari Tel. 080 5540460 – Fax 080 5501523

Visitare il sito www.confartigianato.it o recarsi presso gli uffici a Bari in Via De Nicolò 20.

Link correlati e articoli sul dibattito PIP:

L'OPPOSIZIONE SULLA QUESTIONE PIP

SCAGLIUSI SULLA QUESTIONE PIP

 

Commenti  

 
#3 SEMPRE IO FRANCPAPE 2010-04-25 14:20
Comunartigianato.....sarebbe il nome più adatto per la nascita di questa associazione.....;-);-);-)
 
 
#2 candelora 2010-04-20 19:33
io ora chiederei ma dove può sorgere la zona artigianale a Polignano se tutte le aeree del paese periferiche e non sono state occupate da costruzioni, dal momento che a Polignano si approvano solo progetti per costruire case che fà sì lavorare artigiani ma solo imprese edili e gli altri come fanno a lavorare se non sanno nemmeno la possibilità di un PIP...!!!
 
 
#1 Claudio 2010-04-20 17:08
perchè è stato abbandonato il progetto iniziale del Pip. In tutti questi anni abbiamo perso troppo tempo, ora gli artigiani e imprenditori lavorano in altri paesi. possibile che polignano non sia ancora pronta per un Pip? qualcuno parlava di finanziamenti regionali, un altro treno che abbiamo perso.
perchè?
claudio
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI