FITTO DIMESSO. A POLIGNANO: 'NON VOTATE ADRIANA'

bovino-fitto-di-staso

Aveva imposto il suo ex assessore al bilancio della giunta regionale pugliese Rocco Palese come sfidante a Nichi Vendola, nonostante i diktat severi del premier Berlusconi. E così, a poche ore dalla debacle in Puglia, il mantra accusatorio che serpeggiava negli ambienti di centrodestra - ‘Tutta colpa di Adriana e dell’Udc!’ - si è rivoltato contro il ministro per gli affari regionali Raffaele Fitto che ora, ha presentato le dimissioni dall'incarico.

PRIMA DELLE DIMISSIONI - "Oggi sconfitto Fitto? Questo è indubitabile. Spero che non lo dicano troppo perché non vorrei che Fitto subisse una estromissione dai luoghi del potere. Perché Fitto è stato per me un alleato troppo prezioso. La sua idea della lotta politica è talmente primitiva e insultante". Così Nichi Vendola, aveva rilasciato proprio stamane delle dichiarazioni provocatorie alla stampa che suonano, col senno di poi, un bel po’ profetiche.

"La prima causa della crisi del centrodestra in Puglia si chiama Raffaele Fitto. Per quello io - aveva rincarato la dose Vendola - ho fondato questa associazione: 'Nessuno tocchi Raffaele'".

FITTO A POLIGNANO - Proprio a Polignano, due settimane fa, Fitto, accolto trionfalmente dal sindaco Bovino, mise le mani avanti e lanciò un ultimo appello alle urne, dicendo che il voto alla Poli Bortone sarebbe stato inutile. Oggi, alla luce del risultato in Puglia, si scopre che il voto alla Poli Bortone ha fatto più danni al centro-destra di quanto si pensasse. Da stamani, infatti, dagli ambienti vicini a Palese si sta cercando in qualche modo, di elaborare il lutto: 'E' tutta colpa di Adriana!' - mormorano i più. E lei, come un Sansone, si gode la sconfitta dei filistei. Vede la città che brucia e sorride al finale dell'ultima tragedi-commedia questa volta tutta salentina. Del resto, la Poli aveva davvero messo tutti in guardia, della serie 'se affondo io, affondiamo insieme', pretese la candidatura nel centro-destra, ma Fitto non le dette ascolto. Così è stato.

VEDI ANCHE LA VISITA DI FITTO A POLIGNANO