Sabato 23 Marzo 2019
   
Text Size

DI GIORGIO NON SI CANDIDA ALLE REGIONALI

simonedigiorgiodimissioni

ESCLUSIVO

Simone Di Giorgio (Partito Democratico) non sarà più il candidato alle prossime regionali. Manca ancora l’ufficialità, notizia peraltro non ancora confermata. Un coup de théâtre che getta nello scompiglio parte dello scenario politico locale.

LA REAZIONE DI VITTO - Intanto, si dice molto dispiaciuto Domenico Vitto che, contattato telefonicamente dalla redazione, ha annunciato un incontro inter nos di partito entro giovedì 25: “Solo allora si scioglieranno tutte le riserve e si farà chiarezza”. C’è da dire che il consigliere provinciale aveva energicamente sponsorizzato la candidatura dell’ex sindaco di Polignano, rilasciando anche interviste sulla stampa locale per esprimere a chiare lettere il proprio appoggio. Noi, al contrario, abbiamo sempre rispettato i condizionali del caso; le ultime dichiarazioni rilasciate a Polignanoweb da Di Giorgio, il primo febbraio, pensate, suonano oggi un tantino profetiche:

“Sono un po’ preoccupato - dichiarò - può sembrare una cosa bella, perché non facile e attesa da molto tempo, tuttavia vi sono delle candidature decisamente fuori dalla mia portata, sia economica che in termini di consenso”. Al confronto di questi candidati più facoltosi, il dottore ammise di sentirsi “otre in terracotta”.

E ancora. Lunedì primo febbraio: “Giovedì mattina incontrerò Boccia, domenica abbiamo l’appuntamento conclusivo allo Sheraton di Bari, resta il tavolo regionale di lunedì prossimo con la chiusura definitiva delle candidature. Se il tavolo non si rompe…è fatta”. Quel tavolo non si è rotto, lo sapremo presto, non avrà retto il sostegno delle gambe o forse, Di Giorgio ha semplicemente ritirato la sua candidatura.

A breve aggiornamenti sul caso Di Giorgio.

I CANDIDATI ALLE REGIONALI - Restano confermate le candidature di Luigi Scagliusi (Udc), Onofrio Torres (I pugliesi per il presidente), Carmen Centrone (Partito Socialista – SEL), Mimmo Lomelo (Verdi, Rifondazione Comunista).

___________

VEDI ANCHE DI GIORGIO CANDIDATO, CONFUSO E FELICE

 

Commenti  

 
#5 Geppetto 2010-02-25 16:14
@ciccio penso che dall'ibernazione non esca più ormai è politicamente morto......!!!!!!!! E non dirmi che la sua massima aspirazione è quella di rifare il sindaco a Polignano. Questo schema è da smontare, bisogna uscire dal duopolio Di Giorgio-Bovino. Il paese ha sicuramente risorse migliori soprattutto in dinamismo ed il paese ha bisogno di persone dinamiche e politicamente preparate. Sforziamoci e vedrete che ne troveremo tante. Basta con i pachidermi supportati e trainati dalla forze politiche. Insomma basta con gli opportunisti, non è possibile che si intenda la politica come cosa al proprio servizio,ci sono anche candidature di bandiera o di servizio,ma questo tipo di candidature per chi è senza ideali come Di Giorgio non vengono prese in considerazione. Purtroppo per Di Giorgio vale l'ego e non gli ideali.
 
 
#4 ciccio 2010-02-25 01:18
meglio in frigorifero che sulla graticola e ...bruciato definitivamente...... Il Dr Di Giorgio deve essersi reso conto dell'impossibilità di una vittoria e piuttosto che bruciarsi definitivamente( a tutto giovamento di Vitto), ha deciso di rimanere in frigorifero in attesa di ulteriori eventi. In bocca al lupo Dottore!!!
 
 
#3 Geppetto 2010-02-24 18:49
Concordo con te Pitecus
 
 
#2 PITECUS 2010-02-24 14:51
E' chiaro che una candidatura così impegnativa elettoralmente parlando sarebbe stata una impresa quasi impossibile
 
 
#1 Giuseppe Giuliani 2010-02-23 20:36
Se la notizia fosse confermata sarebbe l'ennesimo disastro della sinistra locale, provinciale, regionale e nazionale! Come si può essere così incapaci? E sarebbero questi quelli che preparano l'alternativa alla destra? Credetemi mi auguro che il Dott. Di Giorgio venga confermato come candidato altrimenti almeno per un pò di tempo non proferite in vano sia in questi spazi che in altri perchè la politica è una cosa seria!"ALMENO PER ME"
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI