DIRIGENZA MIOPE: NOI SCEGLIAMO LA DOPPIA TESSERA

socialisti-e-sinistra
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Partito Socialista Italiano della Sezione di Polignano a Mare.

I socialisti di Polignano riunitisi in assemblea, in merito alle tematiche politiche attinenti la strategia futura del Partito che lo vedrebbe svincolato dal soggetto politico costituito in Sinistra e Libertà, dopo ampia ed approfondita discussione assumono all’unanimità l’impegno di continuare il percorso di Sinistra e Libertà in Polignano.

La motivazione di fondo è dovuta prima alla coerente interpretazione del documento politico approvato all’unanimità dal congresso fondativo del Partito Socialista in terra di Bari, nel quale i valori del socialismo avrebbero dovuto considerarsi “lievito” per la crescita futura dell’intera sinistra riformista e di governo.

In secondo luogo riteniamo che sia giunto il momento di rilanciare, con nuova forza e nuovo vigore, con un progetto politico innovativo e di più ampio respiro, che vada oltre gli steccati dei nostri perimetri, la prospettiva riformista.

Tesi, queste che abbiamo pienamente condiviso e fatte proprie avviando processi di crescita politica sul nostro territorio, così come ha fatto la Federazione di Bari su tutto il territorio della Provincia, ottenendo risultati che non possiamo correre il rischio di vedere vanificati, poiché tanto impegno è stato profuso dai nostri compagni:  percorsi che non vogliamo abbandonare ritenendo le scelte della dirigenza nazionale miopi di qualsivoglia progetto politico concreto.

Pertanto, così come riportato anche dal documento del Direttivo Provinciale della Federazione PSI di Bari, del 14 Novembre u.s., auspichiamo il superamento delle incomprensioni e delle polemiche che si sono alimentate in questi giorni, convinti che all’interno di Sinistra e Libertà si possa trovare lo spazio per le istanze dei socialisti che devono contribuire attivamente e da protagonisti  alla costruzione di una nuova sinistra.

Inoltre i socialisti di Polignano promuovono l’adesione a Sinistra e Libertà non rinunciando alla propria appartenenza, perché da socialisti vogliono confrontarsi e “contaminarsi”, partendo dall’assunto che non è più tempo dell’autosufficienza né dell’autoreferenzialità, e pertanto condividono e fanno propria la scelta della doppia tessera.