Mercoledì 08 Luglio 2020
   
Text Size

Bike sharing, Forza Italia: “Vitto prenda esempio da Monopoli”

bike_sharing_01

Il sistema di bike sharing è diventato uno degli strumenti di mobilità sostenibile più diffusi e popolari degli ultimi anni e che sempre più città italiane mettono a disposizione dei propri cittadini e dei turisti. Si tratta di un incentivo all’utilizzo di un mezzo decisamente pratico e green pur senza possederlo. Questo sistema di condivisione della bici, tramite diverse postazioni diffuse nel territorio, porta con sé non solo notevoli vantaggi ambientali, ma riduce i costi di trasporto e risolve parte del problema legato al traffico. In Puglia, il bike sharing sta conoscendo una sempre maggiore diffusione. Dopo Bari, anche il comune di Monopoli ha deciso di far ripartire il progetto “Monopoli Bike”, che sarà gestito da Gestopark, con la App BicinCittà, che permetterà ai cittadini, ma soprattutto ai tanti di turisti che frequentano Monopoli, di poter utilizzare la bicicletta in totale tranquillità e rapidità. Dopo la registrazione alla App, sarà possibile sganciare la propria biciletta direttamente con lo smartphone. Le postazioni previste sul territorio di Monopoli saranno 6.

Sul progetto del bike sharing mai avviato a Polignano, è intervenuto più volte il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Forza Italia. Da tempo, il consigliere sottolinea il fallimento del progetto del Sac Mari tra le Mura. “Negli ultimi anni, i nostri amministratori si sono vantati di aver ricevuto il vessillo giallo di Comune Ciclabile – spiega il consigliere Pellegrini – ma chissà se alla Fiab, la Federazione Internazionale Ambiente Bicicletta, che attribuisce questo riconoscimento è stato detto che le postazioni del bike sharing previste dal Sac sono marcite sotto le intemperie senza mai essere utilizzate. Le due postazioni, una nei pressi del Museo Pascali, l’altra nei pressi della Stazione, non hanno mai visto una bicicletta. Negli altri comuni, invece, i progetti si fanno. Da noi si annunciano soltanto, e si sprecano i fondi pubblici. Le due postazioni, installate a pochi giorni prima del voto alle ultime elezioni amministrative, erano state presentate alla cittadinanza dagli attuali amministratori come un successo del Sac, il progetto finanziato dalla Regione Puglia che aveva il compito di sviluppare una serie di azioni e interventi per potenziare il sistema turistico del territorio dei comuni di Polignano, Conversano, Rutigliano e Mola. Il finanziamento ottenuto dalla Regione è stato di 1milione 600 mila euro, ma a più di 7 anni dall'avvio del progetto si fa molta fatica a trovare risultati concreti e tangibili di questo progetto. Forse Vitto dovrebbe prendere esempio dal suo collega di Monopoli. Da noi, il sistema di bikesharing rappresenta il fallimento totale delle iniziative indirizzate alla mobilità dolce e al potenziamento del sistema turistico del territorio. Basta guardare la postazione dedicata alle bici che si trova alla stazione: è diventata una postazione per il parcheggio delle macchine”.

“Sono mesi – incalza il consigliere di Forza Italia – che chiediamo di sapere che fine hanno fatto le biciclette. È davvero assurdo. In tanti anni, e in quasi due Amministrazioni, Vitto non è ancora riuscito a realizzare questo progetto. È così che si vuol fare turismo?”. Il Sac ha fatto discutere da sempre tutta la cittadinanza per l’inconsistenza dei risultati raggiunti. “Rappresenta il modo su come non vanno mai utilizzati i soldi pubblici – afferma il consigliere comunale Pellegrini – e pertanto vorremmo sapere che uso è stato fatto e si continua a fare di quel milione e 600 mila euro finanziato dalla Regione con fondi del Piano Operativo Fesr 2007-2013. Un finanziamento sostanzioso, che di fatto non ha ancora prodotto nulla di concreto, se non delle postazioni inutilizzate per delle biciclette, che di fatto non ci sono. A fronte di un finanziamento di un milione e 600 mila euro – conclude Pellegrini – adesso è arrivato il momento per l’amministrazione Vitto di dare delle spiegazioni”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI