Lunedì 25 Maggio 2020
   
Text Size

Anche Polignano tra i progetti del Bando Ecoscuola

facciamoscuola-blog-852x438

L’iniziativa è stata finanziata con il taglio degli stipendi dei politici pentastellati

A partire da venerdì 8 maggio fino alle ore 12:00 di giovedì 14 maggio tutti gli iscritti del MoVimento 5 Stelle potranno visionare sulla piattaforma Rousseau (all’interno della sezione “Vota”) i progetti presentati dagli istituti scolastici della propria regione per l’iniziativa “Facciamo Ecoscuola”, lanciata lo scorso 13 ottobre dal palco di Italia 5 Stelle, con la quale i parlamentari 5 Stelle hanno deciso di donare alle scuole italiane gli oltre 3 milioni di euro derivanti dal taglio degli stipendi. Per la Puglia c’è un budget di 250 milioni di euro e tra questi c’è anche il progetto presentato dalle scuole di Polignano dal titolo #NoPlasticInNature.

“Siamo contentissimi che gli istituti del nostro paese abbiano colto questa importante opportunità e siano riusciti a superare la prima fase – dichiara la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – Ora è necessario sostenere il progetto e farlo votare sulla piattaforma Rousseau. Ricordo che l’iscrizione al portale è assolutamente gratuita. Invito tutti i polignanesi a sostenere con il proprio voto questo splendido progetto”.

Il progetto presentato dalla scuola San Giovanni Bosco, come capofila, coinvolge tutti gli istituti di Polignano e consta di tre azioni. La prima - “mensa plastic free” - prevede la sostituzione dei piatti e delle stoviglie usa e getta in plastica con lunch box ermetici con 3 scomparti e posate senza bpa per tutti i 700 alunni del nostro paese. La spesa è preventiva in 9.100 euro. La seconda parte del progetto, denominata “water4future – acqua a scuola”, prevede l’eliminazione delle bottiglie di plastica attraverso l’installazione di dispenser automatico di acqua a km zero, controllato a distanza, evitando così uno spreco di 500 kg di plastica l’anno. Manutenzione inclusa per 10 anni con un cambio filtro e un’analisi acqua all’anno per un costo stimato di 10.000 euro.

Infine, il progetto sarà promosso mediante una campagna di sensibilizzazione attraverso i social network, materiale divulgativo (brochure, manifesti), la stampa locale e brevi video dimostrativi. Gli alunni accompagneranno le “buone pratiche” nell’ambiente scolastico con l’apprendimento di nozioni fondamentali sul riciclo, riuso e il rispetto dell’ambiente per un costo di circa 896 euro, che porta il sostegno a 20.000 euro totali.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI