Lunedì 13 Luglio 2020
   
Text Size

Forza Italia: “La fogna di San Vito è ancora incompiuta”

forza Italia

Le opere pubbliche non terminate continuano ad essere sotto la lente di ingrandimento dell’opposizione consiliare. Infatti, il vice segretario di Forza Italia, Onofrio Torres, torna nuovamente a porre l’attenzione sul tracciato della fogna di San Vito che, dopo anni, è ancora da completare. L’impianto di sollevamento, che si trova di fronte a Calaponte e che dovrebbe servire tutta l’area, non è mai entrato in funzione, così come quello che si trova in una stradina tra San Giovanni e San Vito.

“Erano state destinate centinaia di migliaia di euro per completare tutto il sistema della fogna a San Vito – spiega il vice segretario Onofrio Torres di Forza Italia – ma a distanza di tanto tempo, l’opera resta ancora incompiuta. Non sappiamo quando tutto il sistema sarà in grado di funzionare e quindi di servire i cittadini residenti. Adesso è tutto fermo. Vorremmo sapere dai nostri amministratori cosa c’è che manca per far funzionare il sistema fognario. Sarebbe opportuno intervenire senza perdere ulteriore tempo, anche in vista della prossima stagione estiva.

Dopo una trafila durata 16 anni dall'approvazione del progetto esecutivo dei lavori di costruzione della rete di fogna nera e del collettore di collegamento all'impianto di depurazione nelle frazioni di San Vito e San Giovanni, il Comune si decise di affidare l'incarico all'acquedotto Pugliese. Ma ad oggi facciamo davvero fatica a vedere cosa è stato prodotto. L’amministrazione deve dirci a che punto sono i lavori e quando i cittadini vedranno finalmente l’opera realizzata. La stessa sorte pare subire anche il campanile di piazza Vittorio Emanuele, da anni ormai ingabbiato in una struttura senza che l’Amministrazione prenda reali e concreti provvedimenti”.

”Su tutto questo noi continueremo a vigilare – conclude Onofrio Torres. Il gruppo di Forza Italia con i consiglieri Domenico Pellegrini, Gabriella Ruggiero, Onofrio Lilla, Dino Lamanna di Forza Polignano non mollano”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI