Lunedì 21 Settembre 2020
   
Text Size

Barriere architettoniche, continua il silenzio dell’Amministrazione

barriere

Per Maria La Ghezza (M5S) il tema resta nel dimenticatoio

Si è tenuta domenica 6 ottobre la XVII edizione del FIABA DAY, la Giornata Nazionale per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche. L’evento ha riportato l’attenzione su un tema che a Polignano continua a rimanere nel dimenticatoio dell’operato dell’Amministrazione Vitto, scrive in una nota il Movimento 5 Stelle Polignano.

“Il 18 ottobre saranno passati due anni da quando il MoVimento 5 Stelle Polignano ha presentato una mozione per l’adozione del PEBA (Piano per l’eliminazione delle Barriere Architettoniche) – dichiara la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – Un atto sottoscritto anche dai consiglieri d’opposizione di Forza Italia e Forza Polignano e che, almeno a parole, ha raccolto anche l’adesione della consigliera di maggioranza Lucia Brescia. Da allora, però, si attende ancora la calendarizzazione della mozione. Chiedo pertanto al Presidente Franco De Donato di accelerare i tempi per una serena e condivisa discussione sul tema in aula consiliare”.

Nonostante siano trascorsi 30 anni dalla legge 41/1986 che prevedeva che i Comuni avrebbero dovuto adottare i PEBA entro il 28 febbraio 1987, Polignano risulta infatti tuttora inadempiente. E le pressioni della minoranza, sinora, non sembrano aver scalfito alcun effetto sulla (dormiente) Amministrazione Vitto.

“Eppure a soli 7 km da noi, non in Alto Adige ma a Monopoli, c’è un’Amministrazione che si adopera su queste tematiche – continua Maria La Ghezza (M5S) – Dopo aver adottato il PEBA con una delibera di Giunta del 31 gennaio 2019, l’Assessore ai Lavori Pubblici ha deciso di rimuovere gli alberi che danneggiano strade e marciapiedi per sostituirli con altri con radici meno invasive, ripristinando i parcheggi e i marciapiedi pertinenti. Maggiore sicurezza così sia per i pedoni che per biciclette, motori e autovetture nonché, ovviamente, per le persone con disabilità motorie”.

Il PEBA a Monopoli si è posto come obiettivi: classificare il patrimonio immobiliare e i percorsi urbani di un’area di interesse; eseguire una diagnosi dell’accessibilità della città e del patrimonio pubblico; programmare gli interventi di graduale eliminazione delle barriere architettoniche; progettare e realizzare i lavori sugli edifici e gli spazi pubblici in modo che sino fruibili da un’utenza il più possibile ampia per un maggior comfort urbano e una maggiore attrattività e fruibilità della città pubblica; promuovere gli spostamenti a piedi e con il trasporto pubblico; coordinare il piano con gli altri strumenti pianificatori dell’Ente; integrare il Regolamento edilizio.

“A Polignano quando accadrà tutto questo? Eppure in passato sono pervenute richieste di risarcimento danni al Comune per incidenti causati dalle radici degli alberi e si è dovuto mettere mani al “portafogli”, indi abbiamo pagato tutti noi! – conclude la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – È chiedere troppo a questa Amministrazione?”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI