Mercoledì 18 Settembre 2019
   
Text Size

Marilu Callea è tra i banchi della maggioranza

Callea

Il suo discorso integrale

Marilù Callea è entrata ufficialmente in consiglio comunale, sostituirà l’ex assessore alla cultura Marilena Abbatepaolo. Sarà seduta tra i banchi della maggioranza essendo la prima dei non eletti alle scorse votazioni tra le file del PD. Vi riportiamo integralmente il discorso di insediamento:

“Consentitemi di salutare tutti i consiglieri di maggioranza e minoranza e mi auguro che con tutti voi si riesca ad instaurare un clima di piena collaborazione e di reciproco rispetto. Spero che non prevalga in me l'emozione perché essere qui per la prima volta, a rappresentare sia i cittadini che mi hanno votato, ma anche tutti coloro che non mi hanno votato, non solo è motivo di orgoglio ma mi carica di una pesante responsabilità, per le problematiche più diverse, alcune anche impellenti, che andremo ad affrontare.

In questo mio inizio di percorso istituzionale, saluto con affetto la consigliere uscente Marilena Abbatepaolo, che ha svolto con dedizione ed impegno i due mandati amministrativi. Per Marilena ho sempre nutrito stima e apprezzato il lavoro che ha svolto in modo efficace per il nostro paese. Entrare in Consiglio Comunale a rappresentare la mia cittá che amo, che promuovo da sempre , mi riempie il cuore di gioia, un sogno che si avvera e che da sempre avevo accarezzato, ma spero di trovare le condizioni ideali per poter esprimere al meglio le mie idee e la mia voglia del fare. Fino ad oggi ho guardato la politica come alla più alta forma di servizio verso i cittadini, ma essere qui in Consiglio Comunale, diventa per me, neofita della politica, un impegno importante che affronterò con la passione, il cuore, la dedizione.

Entro in punta di piedi, con l'umiltà di chi vuole imparare, conoscere al meglio la macchina amministrativa e burocratica e documentarsi su tutti gli atti amministrativi che andremo ad affrontare, per la tutela dei nostri cittadini.

Arrivo qui, in questa importante assise, dopo circa due anni dalle elezioni e siccome non mi nascondo dietro un dito, affermo che all'indomani della consultazione amministrativa, la classe dirigente avrebbe potuto fare di più e coinvolgermi prima in questa nuova avventura. Ma per chi mi conosce non guardo indietro, esigo rispetto e mi auguro che nei miei confronti ci sia un un atteggiamento distensivo e di reale coinvolgimento.

Sono stata eletta nel PD e per rispetto agli elettori continuerò a rappresentare il partito in consiglio comunale, ma chiedo nel contempo che i vertici amministrativi di questa bellissima città, facciano compiere a Polignano un salto di qualità che guardi agli interessi generali, ai bisogni reali dei cittadini, a migliorare la nostra cittadina.

Mi rendo conto che dal di fuori è facile esprimere giudizi, ma mi sento come un alunno al primo giorno di scuola, voglio imparare in fretta per mettermi a completa disposizione della nostra comunità. Non ho interessi da difendere ma il mio impegno può rappresentare un'opportunità per tutti.

Con il mio insediamento il caso ha voluto che alle dimissioni di una donna subentrasse un'altra donna, nella continuità di un contributo di genere, che possa generare più attenzioni non solo alle donne della nostra città, ma la nostra diversa e più acuta sensibilità, potrà rappresentare, un valore aggiunto al servizio della città.

Voglio scommettere sulle grandi possibilità di crescita della nostra cittadina ma per farlo dobbiamo essere uniti, pensare davvero al bene dei cittadini, valorizzare i talenti che sono le migliori risorse che abbiamo, dare una speranza in più ai nostri giovani. Io ce la metterò tutta con l'entusiasmo, la passione e il grande amore per la mia città. Ma anche confidando nel sostegno e nella collaborazione di tutti voi.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI