Mercoledì 18 Settembre 2019
   
Text Size

Probabile rimpasto di giunta dopo l’estate

frugis

La verità’ raccontata da Francesco Frugis

Si avvicina il primo giro di boa dell’amministrazione Vitto, dopo circa due anni dall’insediamento del secondo mandato voci di paese parlano di un primo rimpasto di giunta che potrebbe confermare o ribaltare alcuni incarichi.

Siamo anche nel pieno dell’estate Polignanese e più di qualcuno fa notare poche presenze o i soliti servizi richiesti da anni e che purtroppo tardano ad arrivare.

A darci tutte le spiegazioni del caso ci ha pensato Francesco Frugis, uomo di fiducia del Sindaco Vitto e parte integrante di questa amministrazione, capace di intervenire in ogni faccenda pur di difendere l’operato amministrativo e magari anche qualche stoccata all’opposizione.

 

Consigliere, ben trovato e grazie come sempre per metterci la faccia.

“Grazie a voi per darmi la possibilità di replicare ad alcune offese infondate o imprecisioni amministrative che non fanno bene al paese, ma capisco il vostro ruolo.”

 

Dunque partiamo dal suo ruolo in maggioranza. Qualcosa inizia a vedersi e mi riferisco a qualche arredo nuovo, qualcosa ancora c’è da fare. Cosa possiamo aspettarci?

“Da pochi giorni abbiamo installato tutta una serie di arredi urbani che puntano a rendere più decorosa e sostenibile la vivibilità cittadina sia per i residenti che per i turisti. Ovviamente, cercheremo, come amministrazione comunale di implementare sempre più gli arredi a seconda delle esigenze della città.

 

A proposito di turisti, sembra che le presenze di quest'anno, fino ad oggi non siano da record. Avete cercato di capire il motivo?

“In realtà i dati di incoming turistico di questa prima parte della stagione estiva 2019 non sono, come dici tu da record complice l'andamento climatico altalenante di quest'anno. Ma va detto che i numeri come i bilanci si giudicano e tracciano a fine stagione. Comunque a ben vedere i flussi di queste ultime settimane caratterizzate dal forte caldo estivo pare proprio che quello che si potrebbe essere perso a maggior inizio giugno possa essere recuperato fino a fine estate.”

 

Consigliere Frugis, si sa bene di quanto sia uno dei più stretti collaboratori del sindaco Vitto, cosa bolle in pentola, dobbiamo aspettarci altri progetti?

“Io e il Sindaco abbiamo un ottimo rapporto, innanzitutto, umano e poi, anche amministrativo. Chi mi conosce sa che sono una persona disponibile, corretta e leale e anche per questo molto spesso capita che il sindaco Vitto mi affidi incarichi per seguire alcune questioni che io affronto con l'onestà intellettuale che mi contraddistingue e, soprattutto, guardando agli interessi della collettività con la logica di ogni buon padre di famiglia.”

 

Questa è la prima esperienza tra i banchi della massima assise, come è stata?

“Amministrare un comune è certamente un grande privilegio e onore ma al tempo stesso è un impegno che ti deve mettere al servizio della collettività privilegiando sempre gli interessi collettivi o non quelli dei singoli e ancor meno quelli politici che a volte qualcuno vorrebbe far prevalere.”

 

Cosa vede nel futuro di Polignano?

“Se devo essere onesto fino in fondo credo che Polignano continuerà a crescere come lo sta facendo negli ultimi anni. Ma, d'altra parte sono preoccupato di un certo clima di capziosa strumentalizzazione politica che certo non fa bene alla comunità e alla sua crescita.”

 

Il riferimento sembra vada nella direzione dell'opposizione. A questo proposito come giudica o risponde l'interrogazione formulata sui controlli e sui verbali emessi dalle fiamme gialle per contrastare e sanzionare l'esercizio abusivo della professione turistica?

“Per mia forma mentis anche professionale sono convinto che la sinergia tra istituzioni, forze dell'ordine e organismi di controllo è sempre un fatto estremamente positivo. In questa logica va l'accordo sottoscritto l'anno scorso tra il Comune e la Guardia di Finanza. Francamente, però, non comprendo, è come me tantissimo polignanesi e addetti ai lavori, come si possa strumentalizzare politicamente il frutto dell'operato di controllo, repressivo e sanzionatorio di un organo di polizia che porta sul territorio per salvaguardarne gli aspetti legali. Non capisco se c'è chi a Polignano vuole che tutto sia fatto secondo i crismi e le norme vigenti o chi, magari in cerca di qualche consenso, voglia chiudere un occhio o peggio favorire gli illegalismi. Io, come tutta l'amministrazione comunale non saremo mai d'accordo con la logica elettorale che privilegia l'illegalità.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI