Consiglio comunale molto caldo, non certo per il clima esterno

consiglio polignano

Parte con le interrogazioni del movimento 5 stelle il consiglio comunale scorso, e subito Maria La Ghezza torna a chiedere spiegazioni sui lavori del parcheggio San Francesco. Dimostra piena soddisfazione per l’attenzione dell’amministrazione dopo la segnalazione presentata proprio dalla “grillina” sulla mancanza di scivoli sui marciapiedi e che in questi giorni è stata realizzata, ma chi paga ora questi lavori? E poi la La Ghezza chiede dove sono finiti gli alberi esistenti in quel parcheggio? Sono stati rimossi per ripristinare il manto stradale e i rispettivi marciapiedi, ma che fine hanno fatto?

Diverse invece le interrogazioni del gruppo di forza Italia, che insieme hanno chiesto la situazione della fogna in località San Vito, del bando dell’illuminazione a led e il bando dei famosi cinque chioschi promosso e mai affidato.

La maggioranza non fa in tempo a rispondere che subito si accendono gli animi sulla pressione da parte dell’opposizione che accusa il Sindaco Vitto di averli querelati sul famoso manifesto delle tasse. Ne nasce una discussione molto accesa che nulla ha a che vedere con i punti all’ordine del giorno, segno di un clima teso che va oltre i semplici argomenti politici.

Inevitabile il riferimento della consigliera La Ghezza sulla diffida che l’amministrazione ha avuto dal prefetto proprio perche non è stato approvato il rendiconto di gestione nei termini. Rendiconto che è stato lungamente discusso è approvato con i voti della maggioranza.

Polignano ha rispettato tutti i parametri messi in campo dal nuovo decreto – è il commento del dirigente Vitto - quindi secondo la maggioranza l’ente non è strutturalmente deficitario. Per quanto riguarda il risultato di amministrazione di programmazione è pari a 17 milioni di euro con un avanzo di amministrazione di circa 1.300 euro dimostrazione che la programmazione dell’anno scorso è andato a buon fine.

Non è dello stesso parere invece l’opposizione, soprattutto per Maria La Ghezza che ha spulciato al centesimo il rendiconto dibattendo molto sul motivo per il quale l’amministrazione abbia aumentato le tasse. Accusa che l’assessore al bilancio Francesco La volpe ha risposto a tono, momento in cui si sono riaccesi gli animi rispondendo che le tasse sono aumentate solo ed esclusivamente per le attività commerciali e i possessori della seconda casa, mentre la tari è diminuita sul conto delle famiglie ed è aumentata sulle attività commerciali, dati che sono venuti fuori secondo i dati Istat.

Molto più fluida invece la discussione sui debiti fuori bilancio che sono stati approvati tutti con i voti della maggioranza e riguardano i più svariati casi, partendo dal debito con l’agenzia delle entrate su cartelle che non sono pervenute nei tempi giusti, fino ad arrivare a incidenti o guasti ad autovetture dovute per la maggior parte dei casi a strade dissestate e che quasi sempre hanno visto il comune risarcire i danni ai cittadini. Da qui la discussione sulla manutenzione delle strade che per l’opposizione non c’e abbastanza attenzione e cura e sono pochi i soldi che vengono destinati.

L’assise si è conclusa con la discussione del regolamento del tavolo del turismo. In un primo momento la discussione si pensasse potesse essere rinviata, perche la bozza consegnata all’opposizione non era coerente con quella presente e discussa agli atti. Alla fine si è deciso per qualche minuto di pausa per poter rettificare l’errore e il punto è stato approvato.