Lunedì 14 Ottobre 2019
   
Text Size

Domenico Pellegrini torna ad interrogare l’amministrazione sul Pum

Domenico Pellegrini

Il Pum continua a essere un fardello per i cittadini polignanesi. Infatti, soltanto pochi mesi fa, alcuni cittadini hanno sottoscritto un’istanza che è stata protocollata al comune.

Entrato in vigore per il secondo anno consecutivo dal 1° aprile, il Pum ha complicato la vita quotidiana dei cittadini polignanesi, tanto che è stato appunto costituito un comitato spontaneo, formato dai cittadini polignanesi rappresentativi dei vari quartieri, rioni, agri e contrade dell’area extra-pum.

E’ stato questo comitato a protocollare una mozione con delle proposte di modifica dell’attuale PUM. L’istanza è stata accolta dai consiglieri di opposizione di Forza Italia, insieme a Forza Polignano e M5S, che si sono fatti portavoce delle istanze e delle osservazioni proposte dai rappresentanti del Comitato.

“I cittadini sono stanchi del Pum e dopo tante promesse si aspettano delle soluzioni definitive – spiega il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Forza Italia – come si aspettavano che la mozione presentata, scaturita dalla loro istanza protocollata, fosse oggetto di discussione nel corso del consiglio comunale. Il Pum, così com’è, non soddisfa i bisogni dei polignanesi, anzi, ha complicato la loro vita.

Molti si chiedono a che punto è la mappatura tecnica sulla sosta che il consulente esperto sta preparando. E’ stato affidato un incarico ma quali sono i risultati raggiunti? La mappatura è stata completata? Oppure è l’ennesima trovata per prendere tempo e rimandare tutto all’anno prossimo? Quali sono i risultati che sono stati prodotti dal sondaggio che è stato pubblicato sul sito del comune di Polignano?

I cittadini pretendono di essere informati sui risultati e sulle iniziative che si intendono adottare. Inoltre, va detto che i cittadini sono molto delusi anche del fatto che la mozione presentata non sia stata inserita tra i punti all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale. Condividono l’idea che sia un tentativo di boicottaggio di una iniziativa popolare, ma questo episodio è soltanto l’ultimo caso di bavaglio. Ormai sono diverse le istanze protocollate dai cittadini ma mai prese in considerazione da questa amministrazione”.

Il comitato si è costituito per dar voce ai tanti problemi che affliggono i cittadini dell’area extra pum, in quanto hanno difficoltà a svolgere le più normali azioni quotidiane come andare a fare la spesa in centro, o andare a trovare i propri famigliari anziani o affetti da handicap, o ancora ricevere assistenza da parte di tecnici, artigiani, falegnami, che invece di girare per ore per trovare parcheggio e rischiare una multa, preferiscono rifiutare l’assistenza presso un domicilio situato nella ZRU.

L’amministrazione ha affidato un nuovo incarico di 3mila euro ad un tecnico per uno studio più approfondito sulla sosta.

“Dopo mesi siamo in attesa di vedere i risultati di questo nuovo ennesimo studio – conclude Pellegrini - L’Amministrazione ha il dovere di dare risposte chiare e precise. Siamo tutti in attesa. E’ bene che Vitto e i suoi sappiano che non ci sono scappatoie o vie di fuga. Questo problema deve essere risolto una volta per tutte in tempi rapidi”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI