Martedì 25 Febbraio 2020
   
Text Size

L’opposizione attacca Vitto sulla questione tasse

manifesto tasse

Affisso un manifesto per le vie del paese, ma a firmarlo manca qualcuno

Di tutt’altro parere invece le opposizione sulla questione tasse. Un manifesto affisso in paese parla chiaro e accusa l’amministrazione Vitto di aver alzato le tasse al massimo consentito. Secondo l’opposizione dunque si registra per i cittadini di Polignano un aumento del dell’IMU del 10% sulla sulle seconde case e del 40% su terreni agricoli, oltre ad una “stangata” sulla tari per tutte le attività commerciali e con un’irpef al massimo. Dunque secondo l’opposizione carte alla mano tirano fuori altri conti, e qui effettivamente i conti non tornano.

Secondo l’opposizione, per la quale è portavoce il consigliere di forza Italia Gabriella Ruggiero le tasse sono aumentate per tutti, ma nascoste in annullamenti o accorpamenti, “il danno non sembra”.

Nel 2018 dunque la percentuale di IMU/TASI era di 9,60 punti percentuali, mentre dal nuovo consiglio comunale è venuto fuori che la TASI è realmente sparita ma l’IMU è stata portata a 10,60. Dello stesso tenore è anche la discussione sui benefici della TASI per l’occupante degli immobili in locazione, secondo l’assessore La Volpe un passo fondamentale e un aiuto alle famiglie. Per la Ruggiero invece si tratta di un’agevolazione già in uso da anni.

“Gli unici ad averne un piccolo beneficio – Commenta la consigliera di Forza Italia – saranno solo le locazioni commerciali e tutte quelle diverse dalla locazione ad uso abitativo, a cui – termina la Ruggiero – arriverà la stangata della TARI”. Come anche i proprietari dei terreni agricoli, esentati dalla TASI ma con un aumento sull’IMU.

In cambio di questi aumenti si legge nel manifesto esposto per le vie del paese si ha “un paese sempre più sporco, con le strade piene di buche e i marciapiedi impraticabili”. “Intanto al comune – continua il manifesto – non si controllano i grossi evasori, si continuano a dare incarichi per redigere progetti che mai saranno realizzati e si assumono nuovi dirigenti con stipendi faraonici.”

Un manifesto firmato non da tutti i componenti dell’opposizione che comunque siedono tra i banchi dell’assise, ma in alternativa ne appaiono due nuove come la neo nata “Lega Salvini” e “Fratelli D’Italia”, oltre a “Forza Italia.”

manifesto tasse

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI