Lunedì 15 Luglio 2019
   
Text Size

Decreto Crescita: per Polignano altri 90mila euro per l’efficientamento energetico

Decreto-crescita

“Dopo i 100mila euro previsti dalla Legge di Bilancio e su cui finora l’Amministrazione Vitto non ha ancora chiarito come intende spenderli (nonostante i richiami della consigliera 5 Stelle La Ghezza), con il Decreto Crescita a Polignano giungono altri 90mila euro. Questa volta, l’obiettivo è realizzare opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile sul territorio.

Con la Norma Fraccaro inserita nel Decreto Crescita, infatti, il Governo Conte ha stanziato 500 milioni di euro per avviare un piano straordinario di investimenti per tutti i Comuni italiani, auspicando l’avvio di almeno 8mila cantieri diffusi sul territorio nazionale.”

Un decreto con impostazione espansiva che dovrebbe bilanciare la crescita 0 dell'Italia ed evitare una manovra correttiva dopo la presentazione del prossimo DEF (Documento di Economia e Finanza).

Le novità contenute nel decreto riguardano la reintroduzione del super ammortamento al 130% per i titolari di reddito d'impresa, arti e professioni che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi entro il 31.12.2019, la proroga e rafforzamento del credito d'imposta per ricerca e sviluppo; oltre che alle modifiche al regime dei forfetari in quanto dovranno effettuare le ritenute sui redditi da lavoro dipendenti; aumento deducibilità IMU: passaggio della deducibilità dal 40 al 50% per il 2019 e al 60% per il 2020, nuovo bonus per le società che acquisiscono un edificio, lo demoliscono e lo ricostruiscono con riduzioni delle imposte ipo-catastali, misure di sostegno allo sviluppo dell’attività dei liberi professionisti e per l’assunzione di personale nelle regioni a statuto ordinario e nei comuni.

Ma nel decreto crescita sono state inserite delle misure al fine di sostenere le attività libero professionali e inserimento di giovani professionisti nel mondo del lavoro. La norma prevede che gli enti di previdenza per i liberi professionisti, nel rispetto dei principi di autonomia, possono prevedere a favore degli iscritti forme di tutela di natura socio-assistenziale, di promozione e sostegno del reddito e dell’esercizio della libera professione.

“Dopo anni di tagli e austerity, gli Enti locali potranno finanziare progetti per dotare i paesi di impianti per il risparmio energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre, le risorse potranno essere impiegate per mettere in sicurezza strade, scuole, edifici pubblici. O, ancora, si potranno rimuovere le barriere architettoniche e realizzare progetti di mobilità sostenibile – dichiara la consigliera comunale Maria La Ghezza (M5S) – Pertanto, invito ancora una volta l’Amministrazione Vitto a farsi trovare pronta ed a cogliere questa opportunità utile per Polignano. Invece di aumentare le tasse, sarebbe il caso di usare sapientemente i fondi che vengono stanziati”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI