Lunedì 27 Maggio 2019
   
Text Size

Forza Italia chiede la realizzazione di un canile sanitario

randagismo

Servono misure adeguate a contrastare il randagismo

Il fenomeno del randagismo è poco diffuso nella città di Polignano, talvolta però ci si può imbattere in un cane randagio. Negli ultimi giorni, infatti, nei pressi dell’Arco Marchesale, una coppia di turisti si è trovata in difficoltà, proprio a casa di un cane randagio. La coppia al guinzaglio aveva il proprio cagnolino. Tutto andava per il meglio, fino a quando non si sono trovati dinanzi il randagio, che ha aggredito il cagnolino al guinzaglio. Fortunatamente non ci sono state gravi conseguenze.

“Il randagismo è un problema serio – spiega il consigliere comunale di Forza Italia Domenico Pellegrini – che non va sottovalutato. Soprattutto adesso, che l’ASL Veterinaria Bari Sud ha bloccato le sterilizzazioni per mancanza di farmaci. La Lav e l’Enpa hanno denunciato la situazione critica che riguarda tutto il territorio. Di fatto sono state bloccate sia la normale procedura di transito in canile sanitario per i cani vaganti che prevede la sterilizzazione e la successiva reimmissione sul territorio, piuttosto che l’adozione o il trasferimento in canile rifugio, sia la sterilizzazione dei gatti di colonia con il risultato di un accrescimento incontrollato del numero dei felini. Questo reca un grave danno al lavoro svolto nel tempo dai volontari per cercare di contenere le nascite e di tenere sotto controllo il numero degli animali vaganti”.

Il randagismo è un fenomeno che va contrastato con ogni mezzo. “Il progetto dell’Amministrazione Vitto per stimolare l’adozione è un progetto apprezzabile – ha spiegato il consigliere comunale Domenico Pellegrini – però è insufficiente. Perché non realizzare un canile sanitario, che opera nel rispetto dei compiti e delle funzioni previste dalle normative nazionali e regionali?”

Il canile sanitario si occupa del recupero dei cani vaganti presenti sul proprio territorio e loro eventuale restituzione ai proprietari, se correttamente identificati, della gestione post traumatica dei gatti feriti privi di proprietà, degli interventi di controllo demografico dei cani risultati privi di identificativo al termine del periodo di osservazione sanitaria e prima di affido e di quelli sul controllo demografico dei gatti di colonia presenti sul proprio territorio e di assistenza veterinaria. Inoltre, il canile sanitario funge anche da sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all'anagrafe degli animali da affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà, affidi, cessioni, decessi, rilascio passaporto, controllo animali morsicatori).

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI