Giovedì 23 Maggio 2019
   
Text Size

Francesco Frugis: “Il cambiamento continua”

Francesco Frugis

Arredo urbano, progetto politico e obiettivi da raggiungere

Tralasciamo tutto quello che è successo in materia di incarichi assessorili o di deleghe fuori giunta, che sicuramente ha provocato tanta confusione nell’immaginario collettivo sociale. E parliamo di un ruolo coperto a pieno ritmo e con tanto senso di appartenenza da Francesco Frugis.

L’arredo urbano è qualcosa che negli anni passati è sempre stato sottovalutato o addirittura dimenticato, ma con una funzione importante nell’andamento del paese. Anche perche il turismo passa anche dall’arredo urbano.

Secondo un decalogo ben preciso, altre città, come ad esempio Milano usa la “carta del decoro”. Dieci comandamenti che il responsabile deve seguire affinché una paese o città che sia possa vivere bene. Si va dalla cura dell’arte, intesa come piazze e aree attigue, passando dalla gestione e manutenzione dei manufatti abbandonati o mal curati presenti in alcuni posti della città, fino ad arrivare alla promozione di eventi per la qualità urbana.

 

Dunque un ruolo molto importante che in questo momento vive quasi al primo giro di boa della tua avventura politica. Ci tracci un bilancio di questi anni in maggioranza?

“Un bilancio molto positivo condiviso pienamente con il nostro gruppo “VITTO PER POLIGNANO”. Le opere finanziate dall’attuale maggioranza sono tante, basti ricordare: Progetto “Smart – in Puglia” per la realizzazione della nuova biblioteca comunale, per un importo interamente finanziato di 690 mila EURO circa dove sono cominciati i lavori da qualche giorno; Lavori di pulizia, sistemazione e messa in sicurezza della “Lama Monachile”, per un importo interamente finanziato di 190 mila Euro circa ; Ristrutturazione dell’immobile a scopo sociale “ex casa custode” della scuola Istituto comprensivo De Donato – Sarnelli, per un importo interamente finanziato di 600 mila Euro circa; Realizzazione della palestra annessa all’edificio pubblico della scuola primaria S. Giovanni Bosco, per un importo interamente finanziato di un milione e 200 mila Euro; Lavori di recupero, restauro e valorizzazione del “Palazzo di S. Giuseppe” per la realizzazione di un centro di eccellenza per la musica d’autore, per un importo interamente finanziato di un milione di Euro; Lavori di ristrutturazione e completamento della piscina coperta nel centro sportivo comunale “Gino D’Aprile”, per un importo di un milione e mezzo di Euro (intervento finanziato con il credito sportivo) Lavori di manutenzione del campo sportivo “Madonna D’Altomare”, per un importo di 450 mila Euro (intervento finanziato con il credito sportivo). Ci sono tante altre opere finanziate, interventi in fase di esecuzione, in fase di progettazione ed in fase di finanziamento che comunicheremo tra qualche mese ai cittadini.”

 

Forse sarebbe il caso di mettere a tacere un po' di voci di corridoio, come sta la maggioranza?

“Non so a quale voci lei fa riferimento, comunque le confermo che la maggioranza è unita e nello stesso tempo lavora sugli obiettivi che ci siamo prefissati.”

 

Il tuo ruolo sembrerebbe quasi secondario, ma possiamo dire che se fai qualcosa il paese si accorge. Come vorresti abbellire il paese in vista della bella stagione?

“Preferisco lavorare in silenzio per il mio paese e non apparire a differenza di altri. Questa amministrazione è sempre sul pezzo e, di attività per migliorare il paese, ne sta realizzando tante. Con delibera di giunta del mese di luglio 2018 abbiamo rinnovato con la società IPAS il contratto per l’impiantistica pubblicitaria accordandoci di ottenere 110 mila di lavori ed opere in tre anni. L’IPAS ha destinato circa 60 mila euro al vivaio La Pietra (scelto autonomamente dalla ditta), dove quest’ultima ho provveduto a rifare i diversi ingressi del nostro paese. La rimanente cifra è stata destinata ad impianti di pubblica utilità (panchine, tabelle affissionali, porta biciclette, cestini per rifiuti e deiezioni canili) dove il montaggio è cominciato la scorsa settimana. Stiamo rinnovando l’arredo urbano a costo zero per i nostri cittadini.

Altra opera portata a termine dalla maggioranza per l’arredo urbano è in arrivo. Con una variazione di bilancio di 90/100 mila euro presi dalla tassa di soggiorno concordata con l’associazione Albergatori, l’Ufficio Tecnico ho provveduto ad un progetto con barriere mobili e fisse per consentire di creare isole pedonali in alcuni periodi dell’anno eliminando l’impiego delle transenne della Polizia Locale. Fioriere, panche, rastrelliere, cestini porta rifiuti e cestino, fanno parte di un sistema unificato la cui finalità è quella di mettere ordine, sostituendo oggetti di materiali differente attualmente presenti nel nostro paese. Queste fioriere dotate di ruote devono fungere da transenne e sbarramento nelle strade quando vengono chiuse al traffico.”

 

Tutto pronto per l’estate 2019? Che estate dobbiamo aspettarci?

“Riteniamo con l’intera maggioranza di puntare anche quest’anno sugli eventi principali che caratterizzano il nostro paese a cominciare dalla tappa Italiana red bull clifdiving in programma per il 1 e 2 giugno, festival del libro possibile dal 3 al 6 luglio, Meraviglioso Modugno per il 6 agosto, il 70° anniversario della Targa Crocifisso. Intorno a questi eventi si sta lavorando ad un calendario che senz’altro sarà di gradimento per i nostri residenti e per i turisti.”

 

Il centro-destra sembra si sia ricompattato, vi spaventa?

“Personalmente non mi interessa e nello stesso tempo non mi spaventa. Peccato che per denigrare l’operato della maggioranza, leforze politiche di opposizione, Forza Italia in primis, hanno scelto una pericolosissima deriva giudiziaria. Chi di “procura” ferisce di “procura” perisce. In più, l’utilizzo delle procure in politica rende completamente inaffidabili: bontà loro, ci spiace ma, come si dice in un famoso quiz, noi l’accendiamo e andiamo avanti!!! Tutto questo non fa bene alla grande visibilità che ha acquisito il nostro paese. I cittadini, però, sono saggi e al momento giusto sapranno scegliere chi non li danneggia.”

 

Sei uno dei pochi fedeli rimasti a Vitto. Siete pronti per il dopo Vitto?

“Non mi sento l’unico fedele al Sindaco Vitto, vedo l’intera maggioranza che ha in lui grande fiducia e stima. Troppo presto per pensare al futuro, mancano tre anni e mezzo di governo.”

 

Per il tuo progetto Politico invece, cosa ci racconti?

“Il mio progetto politico rimane quello condiviso alle ultime elezioni comunali, dove al centro di tutto, c’è la crescita della nostra Polignano nel solco del motto della nostra campagna elettorale: il cambiamento continua.

Commenti  

 
#1 Roberto Mancini 2019-02-28 11:43
Grazie per la tua immensa disponibilità. Continua così.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI