Mercoledì 13 Novembre 2019
   
Text Size

Tari, in arrivo i solleciti per il 2017

Gabriella Ruggiero

Solleciti Tari per l’anno 2017 in arrivo. Infatti, l’Amministrazione ha pubblicato in questi giorni sull’Albo Pretorio una determina per approvare il preventivo di spesa della ditta Posta In per il servizio di postalizzazione e consegna dei solleciti di pagamento.

A marzo del 2017 l’amministrazione ha definito il numero delle rate e le relative scadenze di pagamento per il versamento dell’acconto Tari dell’anno d’imposta 2017. Successivamente, sono state approvate le tariffe della Tassa sui Rifiuti per l’anno 2017. A dicembre dello stesso anno, è stata fissata al 29 gennaio 2018 la scadenza di pagamento relativa alla quarta rata a saldo della Tassa Rifiuti per l’anno 2017. A seguito dei controlli sulla regolarità dei versamenti Tari dell’anno 2017 è emerso che che diversi contribuenti non hanno versato la tassa dovuta. Da qui appunto l’esigenza di inviare i solleciti, per permettere ai contribuenti di sanare la propria posizione.

L’Amministrazione ha affidato il servizio di postalizzazione e consegna dei solleciti Tari per l’anno di imposta 2017 alla ditta Posta In di Monopoli, al costo totale di 915euro.

“L’Amministrazione fa bene a procedere con degli accertamenti – spiega la consigliera comunale Gabriella Ruggiero di Forza Italia – però nell’ambito della Tari, la stessa Amministrazione farebbe bene ad ammettere i propri errori e ad effettuare un ricalcolo delle tariffe. Ricordo che noi di Forza Italia abbiamo effettuato una petizione popolare dove hanno firmato mille e 500 polignanesi. Non abbiamo ricevuto nessuna risposta, al contrario, peggio, la volontà di rivedere le tariffe di mille e 500 cittadini è stata definita populista. Questa Amministrazione non è abituata a rispondere alle istanze dei cittadini”.

Commenti  

 
#1 pop 2019-02-11 15:07
sovrattassa usuraia del 30% sugli importi non pagati con aggiunta di interessi di mora
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI