Martedì 16 Luglio 2019
   
Text Size

Mancano i servizi per i turisti. Dove sono i bagni pubblici?

bagni pubblici

Non si placano le polemiche su Meraviglioso Natale, l’evento in corso nella città di Polignano a Mare. Ogni giorno, per l’associazione organizzatrice Gpuglia e per l’Amministrazione polignanese vi è un cavillo o un problema al quale fare fronte.

Dopo la questione dei tornelli e degli accessi controllati, e le polemiche dei residenti del centro storico sulla libertà di circolazione, diverse sono le segnalazioni dei visitatori che arrivano a Polignano riguardo la gestione dell’evento e dei servizi offerti.

Ad oggi, risultano insufficienti i servizi igienici predisposti lungo il percorso.

“Riceviamo segnalazioni da parte di bar e altri esercenti, per la richiesta di utilizzo dei propri bagni - afferma il consigliere Domenico Pellegrini. Non che gli imprenditori locali si rendano indisponibili, ma per i disagi che vengono provocati, a livello igienico. In effetti, utilizzando i bagni delle attività locali, senza consumazione, oltre a ingorghi di file, ci si ritrova con delle immagini raccapriccianti a livello di sporcizia. Allora ci si chiede: perchè non sono state previste maggiori postazioni dei servizi igienici? Non solo lungo il percorso, ma anche nelle zone dei parcheggi?

Trovare il visitatore dell’evento Meraviglio Natale, dietro un angolo della città, magari poco illuminato, ad espletare le proprie esigenze fisiologiche, non crediamo faccia parte dello spettacolo natalizio. Oltre ai bagni chimici, c’è bisogno di bagni pubblici, che devono essere realizzati una volta per tutte. Non si può più rimandare se vogliamo davvero essere una città turistica. La soluzione non sta nei bagni chimici, abbiamo bisogno di bagni pubblici e l’Amministrazione ha il dovere di intervenire.

Non è accettabile vedere pullman che arrivano al campo sportivo con i visitatori che scendono e sono lasciati allo sbaraglio. Da questo tipo di servizi si vede se una città è turistica oppure no. E questi grandi eventi mettono in luce quelli che sono i limiti di questa città, dove manca un indirizzo politico in ambito turistico. Il turismo vero è ben altro: sono i servizi, l'accoglienza e la convivenza dei cittadini e non le vetrine autoreferenziali”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI