Sabato 23 Marzo 2019
   
Text Size

"Meraviglioso Natale", Vitto risponde alle polemiche

Domenico Vitto Natale 2018

“Smorzate i toni, è un’occasione per stare insieme e far crescere
il nostro territorio anche d’inverno”

Un attacco mediatico senza precedenti per Polignano a mare. Due testate giornalistiche si sono accaniti nei confronti del paese in occasione dell'inaugurazione di “Meraviglioso Natale”.

Un weekend da incubo per i polignanesi che si sono visti infangare il proprio paese per un evento organizzato da un’associazione privata. Articoli che hanno dato spazio ai peggiori “leoni da tastiera” che hanno additato i cittadini con le peggiori parole, qualcuno ha provato anche ad organizzare un boicottaggio nei confronti del paese. Paese che in fondo non ha nessuna colpa, se non quella di aver creduto in un progetto che in altri paesi è stato bocciato, sottovalutando le condizioni di disagio che in questi giorni vivranno gli stessi cittadini.

In difesa del paese si è espresso il primo cittadino, Domenico vitto affidando alla bacheca di Facebook il suo sfogo.

""Eravate il paese delle patate!"
"Ladriiiiiiii!"
"Andate a Monopoli che è vicino!"

“To', chi si rivede! - inizia così il comunicato del sindaco- abbiamo passato anni a promuovere il concetto di rete territoriale, a liberarci dai pregiudizi e dai campanilismi, e adesso torna il riferimento alle patate che mi farebbe pure piacere se solo non avesse intenti offensivi. Sotto i post quotidiani di un quotidiano che ha preso a cuore Meraviglioso Natale va in scena il più becero campanilismo. Per cosa?

Per un accesso regolato ad un evento nei soli fine settimana e nel periodo natalizio, in alcune fasce orarie, gratuito per i diversamente abili e per i bambini fino ai 6 anni, al costo di 5 euro in cambio di frittelle, un cono di caldarroste e una bevanda.

Sembra che ci sia un algoritmo per cui se spendi soldi pubblici parte in automatico il commento "e io pago!", se lasci ai privati la possibilità di non andare in perdita sei un traditore dei principi costituzionali.

Alcuni parlano di ritorno al Medioevo, di scelta liberticida, altri criticano addirittura l'utilizzo di Babbo Natale che ci rende, automaticamente, un parco divertimenti esempio della più becera omologazione culturale.

L'intento di Meraviglioso Natale è quello di portare persone lì dove, negli anni scorsi, non c'era nessuno. Di vedere una pizzeria che fa 200 coperti il venerdì dell'accensione, quando l'anno scorso era chiusa. Di accogliere, perché abbiamo fatto dell'accoglienza la nostra carta vincente, migliaia di persone e condividere tutti insieme la magia del Natale. Vi invito-conclude Vitto- a smorzare i toni e a prendere questo evento per quello che è: un'occasione per stare insieme e far crescere il nostro territorio anche di inverno. Per quanto riguarda le patate... venite ad assaggiarle!”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI