Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

La questione cimitero tornerà in Consiglio comunale

Il sindaco Vitto e il vicesindaco Salvatore Colella

Salvatore Colella si difende dalle accuse: “L’argomento non trovava mai una maggioranza numerica”


Ricorrendo il 2 novembre, giorno dedicato ai defunti, non si può far a meno di guardare con rammarico alle condizioni di abbandono del nostro cimitero e alle opere promesse e previste dall’accordo, ma mai realizzate. Non c’è la cappella, i nuovi loculi sono stati persino pagati in anticipo e mai realizzati. Inoltre, alcuni fabbricati contenenti i loculi, stanno cadendo a pezzi. Il vicesindaco e assessore alle Opere Pubbliche, Salvatore Colella, da queste colonne replica alle accuse rivoltegli, ossia di non aver fatto nulla in questi sei anni di amministrazione Vitto. “L’argomento non trovava mai una maggioranza numerica, ma ora dovremmo finalmente farcela” – assicura. E accusa anche la vecchia amministrazione Bovino.

Assessore, quali sono le opere che andranno in cantiere a breve?

“Sicuramente a brevissimo inizieranno i lavori del progetto a favore del miglioramento delle periferie che comprende le aree di via V.C.Basile e Via kennedy. A breve inizieremo anche i lavori della nuova biblioteca già finanziata e appaltata in zona C2”.

 

E quali le opere che si stanno per concludere?

“Abbiamo da poco collaudato il cavalcavia di Pozzovivo, in questi giorni stiamo completando il rondò di via Conversano. Inoltre stiamo approfittando delle belle giornate per fare un po’ di manutenzione, dalle ringhiere affacciate al mare che soffrono degli attacchi della salsedine marina, a partire dal lungomare (campo sportivo) fino nei pressi del ristorante "Tuccino" in via S.Vito.Sono state manutenute tutte le panche in legno distribuite in tutto il paese. La fioriera di via S. Vito della pista ciclabile e via via con tutte le esigenze che si manifestano attraverso gli immobili e le strade comunali”.

 

La rotatoria di via Conversano è completa, o sarà messa ulteriormente in sicurezza?

“Il rondò, secondo i lavori programmati e appaltati,è completo. Sta riscuotendo un grande successo nella cittadinanza. Tanti sono i cittadini che si congratulano con noi per il risultato, sia sotto il profilo della sicurezza che sotto la qualità costruttiva”.

 

Tornando alla questione porto e cimitero, la accusano di non aver fatto nulla in questi sei anni. È così?

“Assolutamente no. Sul porto vi è una questione aperta soprattutto per le denunce dell’amica consigliera Lucia Brescia, ma trattasi di questioni urbanistiche che come è noto non sono di mia competenza. Per quanto riguarda il cimitero invece ho lavorato moltissimo insieme al resto della maggioranza tanto è che nella scorsa legislatura per ben 5 sedute di Consiglio comunale, il cimitero è stato iscritto all'ordine del giorno senza trovare mai una maggioranza numerica disponibile ad assumersi la responsabilità di votare un provvedimento fatto incancrenire dalla vecchia amministrazione e all’epoca dei fatti sotto inchiesta dalla Corte dei conti. Solo per questi motivi veniva chiesto il rinvio dell'argomento al fine di conoscere le determinazione dell'organo contabile. Ad inizio di questo nuovo mandato la maggioranza si è arricchita di nuove personalità che a loro volta chiedono ulteriori miglioramenti del progetto che stiamo facendo. Se non ci saranno altri problemi spero che entro l'anno possiamo portarlo in Consiglio comunale”.

 

La squadra di maggioranza la vede unita?

“La squadra di maggioranza è super coesa e non corre nessun rischio. Forte di una buona amministrazione che offre alla città”.

 

L'opposizione ha accolto con favore l'evento di Natale. Che ne pensa?

“Se il progetto piace alla opposizione a noi fa piacere. Un riconoscimento per un buon lavoro non può che fare piacere. Ora bisognerà lavorare per i risultato”.

 

Parliamo del governo nazionale. Che ne pensa di questa manovra?

“Io penso che ad ogni governo vada dato il tempo necessario per mettersi alla prova per poi giudicarlo. Pur tuttavia non nascondo una mia personale delusioneiniziale. Per la quota cento per le pensioni ogni giorno viene data una versione diversa, la quota 41 ormai è stata rinviata agli anni futuri. L’eliminazione delle accise in campagna elettorale avevano il decreto già pronto, adesso non se ne parla più. Il reddito di cittadinanza promesso a 6 milioni e mezzo di italiani tanto da fargli affermare che avevano abolito la povertà, adesso si scopre che con i soldi messi nel decreto, non supererà il milione e mezzo di italiani, e gli altri 5 milioni? I 5 stelle avevano parlato sempre contro i condoni, adesso pur di racimolare un po’ di soldi ne fanno due, uno edilizio a Ischia e un altrofiscale. Il gasdotto TAP in Salento non si doveva fare, in due settimane lo dovevano cancellare e invece hanno cambiato idea, adesso si farà. L'Ilva doveva essere chiusa e poi si sono accorti che non si poteva chiudere. Adesso attendiamo che si ricredino sulla TAV.

È la prima volta dopo anni che la crescita di quest’ultimo trimestre è pari a ZERO. L'occupazione dopo anni di crescita in questi mesi, anziché continuare nella crescita, registra una perdita di posti di lavoro di 30 mila unità e la disoccupazione sale dopo anni oltre il 10%.

Potremmo andare avanti a lungo, l'unica cosa certa è, che, il nuovo appena cominciato è peggio del vecchio.Ora non ci resta che sperare, sperare che i danni siano correggibili in futuro e non siano irreversibili”.

 

Secondo lei questo governo durerà fino a scadenza naturale di mandato?

“Penso che dopo le elezioni Europee del maggio 2019 potrebbero implodere, soprattutto se, come dicono i sondaggi, la Lega superi i 5stelle. Non dimentichiamo che a marzo la Lega aveva concluso con il 17% a fronte di oltre il 32% dei 5stelle. Se alle Europee si invertono i rapporti di forza a spese dei polli a 5stelle non vedo nessuna possibilità che possano continuare questa esperienza”.

 

E dei nostri due onorevoli polignanesi? Che ne pensa del loro operato?

“Non mi piace dare giudizi sugli altri, soprattutto se si tratta di avversari politici. Penso che facciano del loro meglio. Non è semplice fare politica con un partito, o movimento che sia, che cambia idea facilmente sulle questioni di merito”.

 

Che ne pensa delle prossime elezioni regionali? Lei personalmente ci sta facendo un pensierino?

“Io candidato alle Regionali? Non ci penso proprio”.

 

E per le prossime elezioni comunali? Si è aperto il dibattito sul futuro e sul dopo Vitto. Chi dovrebbe essere il prossimo candidato sindaco?

“Abbiamo appena cominciato questa legislatura. Per cui, preoccupiamoci del lavoro che c’è da fare. Del resto se questa squadra riesce a stare insieme come fa ormai da più di sei anni, come ho già detto in altre occasioni non ce n’è per nessuno”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI