Mercoledì 27 Marzo 2019
   
Text Size

Porto e cimitero. Lucia Brescia ci ha messo la faccia

Lucia Brescia in Consiglio nel 2016, quando mostrï le immagini degli abusi e criticitÖ

La consigliera: “Non torno indietro. Ho già denunciato tutto alla Procura”.
Il rammarico per le vie sporche del paese


Dopo la pausa estiva, anche la Consigliera Comunale Lucia Brescia, Capogruppo per la lista “Iniziativa Democratica per la Puglia”, ritorna a parlare di politica e a rispondere alle nostre domande.

Prof.ssa Brescia, i consiglieri di opposizione Laghezza e Pellegrini ripetutamente hanno chiesto su queste pagine la sua firma per la richiesta di convocazione della Commissione d’inchiesta su Porto turistico, Cala Ponte Resort e Cimitero. Cosa può rispondere?

“Dal 2012 sto portando avanti un personale studio della documentazione delle opere da lei citate, il tutto a tutela dell’interesse pubblico ad esse connesse.

Il ponticello antico scomparso

Nel corso dei miei approfondimenti ho riscontrato, ad onor del vero, diverse criticità, che mi hanno indotta a formulare numerose interrogazioni consiliari ai dirigenti comunali di riferimento, nonché una mozione proprio sul Porto turistico che fu inserita nell’ordine del giorno di un Consiglio comunale dall’allora presidente del Consiglio, Modesto Pellegrini, ma discussa tra mille difficoltà. Non avendo ottenuto risposte alle mie domande, ad un certo punto ho inviato tutto il fascicolo alla Sovrintendenza, alla Guardia Forestale e, infine, alla Procura della Repubblica.

Insieme a tutti i cittadini sono ancora in attesa di risposte che, sono certa, non tarderanno ad arrivare.

Con questo voglio dire che di firme io ne ho già messe parecchie, e se proprio vogliamo essere precisi, io “ci ho messola faccia” con tutto quello che ne consegue.

Richiedere una commissione d’inchiesta su questi argomenti è legittimo, ma per me è una “diminutio”, un tornare indietro. Voglio ricordare, infatti, a tutti che, per esempio, esiste già una delibera di Giunta con una memoria sull’argomento “Cala Ponte Resort e Porto turistico” a firma dell’Assessore Mariella Annese, la quale a suo tempo sposò in pieno le mie tesi e invitò gli Uffici comunali ad intervenire per quanto di propria competenza. Bisogna solo darvi seguito e per questo mi sto adoperando.

I miei colleghi consiglieri d’opposizione potrebbero andare oltre la commissione d’inchiesta e, dopo un semplice accesso agli Atti, presentare presso gli organi competenti qualche esposto o denuncia mirata. Ciò rafforzerebbe quanto è già stato avviato e portato avanti fino ad oggi, grazie al mio personale interessamento.

Aggiungo che nel frattempo non sono rimasta con le mani in mano. Anche se sono stata eletta in maggioranza, ho continuato la mia azione politica iniziata quando ero all’opposizione. Ne ho parlato spesso con il Sindaco e con i miei colleghi di Amministrazione i quali, vi assicuro, sono in linea con il mio pensiero. A breverenderemo pubblici gli ultimi atti formali, cronologicamente parlando, che insieme al Segretario Comunale, dott. Nuziante, stiamo stilando. Il tutto nell’interesse supremo della comunità polignanese che, continuo a ripetere da anni, merita rispetto da parte degli amministratori e degli imprenditori che investono sul territorio. Polignano, lo tengano a mente tutti, non è territorio di conquista. Per questo continuerò a battermi con tutte le mie forze, insieme a quanti vorranno fare altrettanto”.

 

La raccolta rifiuti e il decoro urbano. Come stanno procedendo?

“Il lavoro fin qui svolto è stato immane, una grande fatica, grazie alla quale abbiamo superato la fase del boom estivo di presenze turistiche, con tutto quello che ne è conseguito in tema di raccolta rifiuti e di pulizia del paese. Adesso, però, va fatto il punto della situazione, che, invero, si presenta piuttosto critica.

Ci giungono, infatti, da parte di cittadini molte segnalazioni, per esempio, di abbandoni selvaggi di sacchetti o, addirittura, di ingombranti negli angolo più disparati del paese, che talvolta vengono trasformati in vere discariche abusive. Dalle zone di campagna e dalle periferie ci giungono continue lamentele per il mancato rispetto delle frequenze settimanali programmate per il ritiro di rifiuti, nonché per il degrado in cui versano certe zone del paese.

A tutto ciò va aggiunto il mio personale disappunto per il mancato lavaggio quotidiano del mercato orto-frutta giornaliero, della zona interessata al mercato settimanale, nonostante il capitolato lo preveda espressamente. Senza parlare dello stato in cui versano i mezzi della Ditta, che circolano per il paese emanando spesso cattivo odore.

Di concerto con il Sindaco e il DEC,arch. Vito Mariano, ripetutamente abbiamo formulato ordini di servizio ben precisi alla Ditta, perché effettui, per esempio, lavaggi assidui, come da capitolato, del ponte Lama Monachile, del Lungomare Modugno, del Centro Storico, di Via Roma, Piazza Moro, perché provveda allo spazzamento di strade e vie, che spesso lascia molto a desiderare.

Su questo punto, devo essere sincera, sono molto contrariata, come amministratore, ma soprattutto come cittadina e contribuente, alla pari di quanti in più modi e a più riprese, anche sui social, hanno “alzato la voce” perrichiamare l’attenzione su un servizio dovuto alla cittadinanza e pagato dal Comune con i soldi dei contribuenti.

Evidenziato ciò a carico della Ditta, molto va rimproverato di contro anche a taluni cittadini ed esercenti attività commerciali.

È vergognoso vedere sacchi di rifiuti che “lasciano la scia”, spesso pure maleodorante, dinanzi a qualche attività commerciale e al di fuori degli orari consentiti. È indecoroso abbandonare cartoni o cassette di legno nell’angolino, incuranti del fatto che nessuno passerà a breve a ritirarli, lasciandoli lì a far bella mostra di sé, con tutti i turisti che ancora oggi, grazie a Dio, ci onorano della loro presenza.

Io mi chiedo: ma ci vuole molto a capire che così facendo, oltre a suscitare il giusto disappunto dei vicini o dei passanti e a rischiare una multa da parte della Polizia Locale, offuschiamo l’immagine del paese, ormai noto in tutto il mondo?

Dovremmo tutti farci un esame di coscienza e tenerci di più al decoro urbano. Dovremmo sforzarci di “prenderci cura” veramente e seriamente del nostro paese, ognuno nell’ambito del proprio ruolo e del proprio campo di azione”.

 

Come intendete procedere per risolvere la questione abbandono selvaggio dei rifiuti?

“Siamo in attesa di firmare un protocollo d’intesa con la Polizia metropolitana, redatto dalla dott.ssa Maria Centrone per tutti i Comuni della Città metropolitana. In base a tale documento potremo usufruire di un certo numero di telecamere mobili da posizionare nei punti critici del paese. Grazie a questi strumenti potremo individuare i responsabili di molte azioni incivili, che opportunamente sanzionati, siamo certi ci penseranno due volte prima di sbagliare ancora. Occorre pugno di ferro nei confronti di chi mostra scarso senso civico, non solo abbandonando i rifiuti, ma anche andando in giro in costume da bagno, bivaccando sulle scalinate delle chiese o sulle panchine delle piazze, portando a spasso il proprio cane nelle aiuole o nelle aree verdi adibite a parco-giochi per i bambini, senza preoccuparsi di raccogliere le deiezioni e di collocarle negli appositi contenitori che si trovano ovunque in paese… e quanto altro ancora stigmatizzato nel regolamento di convivenza civile.

C’è molto da fare. A breve organizzeremo degli incontri con commercianti e cittadini, per ricordare a tutti le regole della raccolta differenziata e del decoro urbano. Inoltre stiamo lavorando su azioni didattiche per supportare e coadiuvare l’azione educativa degli insegnanti nelle scuole del territorio. A breve renderemo nota tutta la programmazione autunnale”.

 

Quali iniziative per l’ambiente in cantiere?

“Il Circolo Hyppocampus di Polignano ha programmato quattro domeniche ecologiche nell’ambito del progetto “Puliamo il mondo” indetto da Legambiente e che il Comune ha patrocinato, per la grande rilevanza educativa e sociale degli eventi in questione. In particolare mi riferisco a:

-Domenica 7 ottobre u.s. - pulizia della Lama Monachile ;
-Domenica 14 ottobre u.s. -pulizia di Ponte dei lapilli;
-Domenica 21 ottobre p.v. – pulizia della spiaggia di San Vito;
-Domenica 28 ottobre p.v. – pulizia di Portalga.

Azioni veramente preziose e lodevoli dei soci di Legambiente e dei volontari che numerosi hanno partecipato alle iniziative già svolte eche parteciperanno nei prossimi appuntamenti, per riportare all’originario splendore dei luoghi bellissimi e molto frequentati d’estate, ma anche in questo caldo autunno.

Solo una nota di rammarico! Tutto quello che si raccoglie in queste occasioni è “indifferenziata”, che aggiunta a quella che si raccoglie abitualmente in paese, fa abbassare la percentuale di raccolta differenziata. Per la serie: Oltre il danno la beffa!” Occorre, quindi, stare attenti e cercare tutti i modi possibili per far desistere quanti abbandonano ogni sorta di rifiuto su cale, spiagge e scogliere, incuranti delle conseguenze che ne derivano”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI