Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Vito Carrieri fa il bilancio del primo anno di amministrazione

Vito Carrieri e Modesto De Girardis

“Un pessimo inizio”.
‘Mazzate’ anche per l’assessore Chiara Pepe e il consigliere Mazzone

 

“Tra le tante porcate che il governo M5S/Lega sta producendo, il Decreto di questa settimana con le norme antiimmigrazione forse raggiunge il primato! Una di queste prevede la chiusura dello strumento SPRAR!! Rivendico la paternalità dell’allora gruppo SeL di aver portato lo SPRAR a Polignano...ora chiedo a tutti di informarsi liberamente, non attraverso le parole dei politici, sulle conseguenze che ciò comporterà. Domenica ascoltavo Elly Schlein a Bari e lo stesso sindaco De Caro, fortemente preoccupato su questa cosa. Mi piacerebbe anche una posizione forte del Presidente dell’ANCI Puglia, ovvero nostro sindaco a riguardo. Infine ne approfitto a nome dell’intero gruppo Sinistra per Polignano(SpP) per esprimere solidarietà verso l’aggressione subita a Bari da parte di estremisti di Casapound verso manifestanti del corteo anti-Lega. Gente che nel 2018 va in giro con tirapugni in tasca (se li trovavano per caso??) e mazze, non ha scuse e non può essere tollerata”. Così, Vito Carrieri, segretario politico di SpP, ai nostri microfoni.

Segretario, a che punto è il vostro partito? Ci sono incontri, riunioni, discussioni?

“Tra l’estate, gli impegni lavorativi di molti di noi negli ultimi mesi, miei in primis, ed il grave “vuoto” politico a sinistra a livello nazionale, è stato complicato indire riunioni in questimesi con tutta onestà. Tuttavia con gli amici più stretti di Sinistra per Polignano (SpP) mantengo ancora contatti costanti per fare il punto della situazione, in attesa dei nuovi sviluppi. La discussione oggi non può prescindere da due livelli, quello delle Elezioni Europee a breve-media scadenza, e l’altro a livello locale, sia a breve che a lungo termine”.

 

Che ne pensa di questo primo anno di attività amministrativa?

“Qualche mese fa dissi che erano trascorsitroppi pochi mesi, oggi penso che quelle sensazioni negative ahimè sono conferme. I tre partiti di centro che compongono l’Amministrazione (il Pd non è di sinistra) vengono dalle passate esperienze, per cui una macchina già rodata che dopo 12 mesi non produce nulla di nuovo mi sembra un pessimo inizio”.

 

Quali sono i settori più deficitari?

“Capovolgi la domanda. Non vedo settori che brillano. Il cartellone della stagione estiva è stato delundente, il Libro Possibile ed i tuffi sono eventi di altri, che il Comune gestisce soltanto sull’ordinario. L’anno scorso c’era stata la scusa che l’amministrazione si era insediata in ritardo, ma quest’anno? Le associazioni sportive hanno il solito mal di pancia, pochi spazi e scarse sovvenzioni, se penso allo sport, sulla Polizia Municipale mi fa sorridere il PUM (parcheggi) rimesso in discussione assieme all’attribuzione dei parcheggi con le strisce gialle in centro. Roba da matti, come Penelope tessono di giorno e disfano di notte!! Io abito in estrema periferia, ma avevo accettato il PUM fin dall’inizio così come lo approvammo. Continuo, vi faccio un personale invito da cittadino a redigere un reportage sullo stato della pavimentazione delle principali piazze del paese (la vetrina di ogni città turisitica) o di molte lastre del centro storico, o ancora delle panche e del lungomare Grotta Ardito. La situazione è pessima. E gli infpoint a che punto sono? Il bando di assegnazione dei chioschi non doveva essere pronto? Mi piacerebbe capire perchè il Piano delle Coste sia ancora fermo e del perchè non ci si attivi per un intervento straordinario di pulizia del parco giochi in attesa di definire chi lo deve gestire. Il sindaco, da sempre molto attento al parere dei cittadini, non percepisce il mal di pancia crescente e il dissenso galoppante tra i residenti, verso questa amministrazione?”.

 

E dell'attività assessorile di Chiara Pepe? Che ne pensa?

“Il compito si sta rivelando quello che temevo, una trappola all’orizzonte, o quanto meno molto più arduo e duro di quanto sventolato come “premio” al nostro gruppo politico. All’assessore, chiunque esso sarebbe stato, serviva un gruppo alle spalle per difendere le istanze e le scelte durante l’attività amministrativa. È questo che fa la buona politica. Nei passati cinque anni, quando c’erano da portare avanti punti importanti per i servizi sociali, in maggioranza abbiamo sempre, con le argomentazioni giuste, convinto i compagni di viaggio. L’assessore era supportato dal gruppo ed ha portato a casa SPRAR, mensa e molti altri punti sociali. Oggi la Polizia municipale continua ad essere sotto organico, e mi chiedo il motivo per cui non venga potenziato il settore in un paese turistico; Polignano ha pochi vigili da sempre, ma ci semba normale? Il turismo cresce, i visitatori pure e noi sottodimensioniamo il Corpo dei Vigili. Addirittura ci si è impantanti con il PUM. Non conosco i dettagli dello stop per la Velostazione, che mi pareva davvero un bel progetto, ma dai giornali leggo che anche lì rischiamo di perdere i soldi ed i finanziamenti. A ciascuno la propria valutazione!”.

 

Da esperto in agricoltura che ne pensa di questo settore?

“Non c’è assessore al ramo, non un delegato, una attività o una posta in bilancio dedicata. Segno evidente che per questa amministrazione Polignano è solo un paese turistico. Non è l’amministrazione che può salvare il comparto, ma il segnale di dedicare una somma in denaro, dotarsi di un professionista per promuovere e comunicarei prodotti locali, o semplicemente informare gli agricoltori locali sul terribile rischio xylella alle porte, sarebbe stato il minimo indispensabile. Avvicinare gli agricoltori al mondo degli aiuti comunitari e proporre nuove soluzioni ed idee, con l’aiuto del marketing …nulla, ancora una volta il mondo agricolo dovrà essere indipendente e senza aiuto”.

 

Ha più chiarito con il consigliere Paolo Mazzone?

“Non c’è nulla da chiarire, la vita è fatta di scelte e ciascuno con convinzione ha fatto la propria. Abbiamo parlato già tanto prima delle scelte. Io sono certo ad oggi di aver pensato con estrema coerenza e deciso con visione lucida, Paolo Mazzone (e l’assessore Chiara Pepe aggiungo) credo pensino lo stesso di loro stessi. Il tempo come ho sempre detto è giudice insindacabile, vedremo quanto entrambi porteranno a casa a fine mandato, visto che se ricordo bene entrambi all’epoca giustificarono la loro permanenza in maggioranza, come fondamentale per poter raggiungere obiettivi per il bene della comunità. Sono in maggioranza, assessore e consigliere, quale maggiore opportunità? Ad oggi sarò miope ma...”.

 

E Modesto De Girardis è solido con il vostro partito?

“Anche De Girardis fa parte di quegli amici alle prese con tanti impegni personali nell’ultimo periodo, tuttavia trova l’occasione per mandarmi messaggi e segnali di vicinanza politica”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI