Martedì 20 Agosto 2019
   
Text Size

Furti e droga a Polignano

La consigliera comunale Maria La Ghezza

L’Anci stanzia fondi per la videosorveglianza

Continuano i furti, in paese e nelle campagne, e lo spaccio di droga a Polignano con grande dispendio d’energie per le poche forze dell’ordine che presidiano il territorio ma le politiche di contrasto alla criminalità stentano a decollare. La delibera del Consiglio monotematico fortemente richiesto dal Movimento 5 Stelle che mirava ad istituire una task force per comprendere le misure da mettere in atto è stata dapprima bocciata dalla maggioranza Vitto e poi annacquata dal Presidente De Donato. Ma sembra essere tuttora al palo. L’ultima spesa relativa alla videosorveglianza è quella dello scorso 31 dicembre, pari a 7.472 euro, per la manutenzione delle 14 telecamere presenti nel centro storico e in Largo Ardito (inclusa la sostituzione di 5 di queste).

“Ma quella che davvero manca – ammonisce la consigliera Maria La Ghezza (M5S) – è una vera e propria strategia da mettere concretamente in atto. Pericolo di infiltrazioni mafiose, incendi, furti d’auto, case svaligiate non smuovono di un centimetro questa amministrazione. Né si fa il minimo sforzo per andare ad intercettare quei fondi che potrebbero risultare molto utili per scoraggiare gli eventi criminosi sul nostro territorio”.

La consigliera comunale 5 Stelle fa riferimento al decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14 recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 aprile 2017, n. 48 “Patti per l’attuazione della sicurezza urbana e installazione di sistemi di videosorveglianza”. Si tratta di patti che tengono conto anche delle esigenze delle aree rurali confinanti con il territorio urbano e definiscono concretamente gli interventi da mettere in campo incidendo su specifici contesti territoriali. Tra gli obiettivi: la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria attraverso l’installazione di sistemi di videosorveglianza per i quali è stata autorizzata una spesa complessiva di 37 milioni di euro per il triennio 2017-2019.

“Insomma, un sacco di soldi a disposizione per le Amministrazioni di buona volontà in grado di programmare – continua Maria La Ghezza (M5S) – Il Segretario Generale dell’ANCI Veronica Nicotra, in merito, ha anche inviato una comunicazione formale a tutti i sindaci italiani inerente la circolare del Ministero dell’Interno dello scorso 28 marzo con la quale si dirama lo schema di Patto per la sicurezza urbana dedicato ai sistemi di videosorveglianza e relativo alla concessione dei contributi con scadenza il prossimo 30 giugno. Paghiamo all’associazione dei comuni di cui Vitto è Presidente per la Puglia circa 3.000 euro l’anno di quota d’iscrizione, ma per fare cosa?– si chiede la consigliera 5 Stelle – Per permettere al Sindaco di farsi i selfie o per, magari, intercettare opportunità? Io ancora non l’ho capito e intanto le notizie di furti, spaccio e malavita a Polignano si susseguono. Ho anche perso la fiducia – conclude La Ghezza (M5S) – che questa Amministrazione possa intercettare i fondi che le segnaliamo: sembra quasi farlo a dispetto ad ignorarli. Contenti loro...”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI