Lunedì 18 Giugno 2018
   
Text Size

Anche i non residenti potranno parcheggiare sulle strisce gialle

L'assessore Chiara Pepe

Modifiche al PUM. Chiara Pepe: “Necessarie”.
L’opposizione insorge: “Snaturato il PUM”


Nella riunione dei capigruppo si è deciso di apportare delle modifiche al PUM (piano urbano della mobilità): anche i non residenti potranno parcheggiare sulle strisce gialle riservate ai residenti, con un parcometro. L’assessore alla Polizia Municipale, Chiara Pepe, spiega nelle righe che seguono le motivazioni e i dettagli di questa decisione. Mentre l’opposizione insorge e non condivide affatto questa scelta, poiché snatura l’essenza stessa del PUM e crea ulteriore confusione e limita ancora di più i già pochi posti auto delimitate dalle strisce gialle.

“Nel corso delle ultime settimane – spiega l’assessore Chiara Pepe – sono state portate alla nostra attenzione diverse esigenze inerenti al PUMda parte dei cittadini. Con il PUM (piano urbano della mobilità)è stata istituita una zona di rilevanza urbanistica (ZRU) con posti auto riservati ai residenti.

Il piano urbano della mobilità è un ottimo strumento elaborato al fine di migliorare la vivibilità del paese. Tra gli altri obiettivi del piano, figura quello di garantire ai residenti delle zone del centro urbano maggiormente interessate dall’afflusso turistico la possibilità di usufruire di stalli per la sosta nei pressi della propria abitazione.

Durante i mesi scorsi, presso il Comando di Polizia locale i cittadini hanno ritirato, previa formalizzazione dell’istanza propedeutica al rilascio, i contrassegni per la sosta negli stalli gialli. I contrassegni sono di tre diverse tipologie: quelli contrassegnati dalla lettera “R”, quelli con la lettera “P” e quelli con la dicitura “AP”. La validità dei contrassegni contraddistinti dalla lettera “R” e dalla lettera “P” è stagionale, ovvero dal 1° aprile al 31 ottobre di ogni anno (come riportato nell’apposita segnaletica verticale), mentre i pass contraddistinti dalla dicitura “AP” hanno validità permanente. Il Contrassegno con la lettera “R” è rilasciato a coloro che risiedono nella Z.R.U. e ai titolari nelle medesime aree di attività commerciali, artigianali, pubblico esercizio e/o studio professionale. Il contrassegno con la lettera “P” è rilasciato ai proprietari di immobile libero - e non destinato ad usi diversi- con residenza in altro Comune e limitatamente ai periodi di soggiorno. Il contrassegno con la dicitura “AP” è, invece, rilasciato ai residenti e/ o titolari di attività commerciali, artigianali, pubblico esercizio e/o studio professionale ubicati nell’area pedonale.

Dunque, come accennavo all’inizio, mentre si procedeva al rilascio dei pass, presso il Comando giungevano anche richieste presentate da numerosi cittadini che risiedono nelle zone non interessate dagli stalli gialli. I richiedenti rappresentavano l’esigenza di poter sostare negli stalli gialli per necessità quotidiane, quali la possibilità di raggiungere studi medici, farmacie, supermercati. La risposta più immediata sarebbe stata invitare tali richiedenti a utilizzare mezzi alternativi all’auto, tra cui la bici, anche per contribuire al miglioramento della salubrità dell’aria. Tuttavia, molti dei richiedenti sono cittadini anziani che, per questioni di deambulazione, hanno necessità di spostarsi con l’auto. Le casistiche presentateci sono diverse. Dopo aver consultato il pareredei tecnici, abbiamo valutato la possibilità di apportare delle integrazioni al PUM, con l’obiettivo di andare incontro anche alle esigenzedei cittadini che risiedono nelle aree “extra ZRU”.

 

LE MODIFICHE AL PUM

A tal proposito, infatti, abbiamo preso in considerazione l’opzione di introdurre un ulteriore contrassegno che permetta ai cittadini che risiedono nelle zone “extra ZRU” di sostare negli stalli gialli. Il pass sarà utilizzabile solo con disco orario all’interno di precise fasce orarie.

Il sistema delle fasce orarie con disco orario ci sembra essere una buona soluzione che risponde alle esigenze dei residenti dell’area “extra ZRU”, tutelando allo stesso tempo i residenti della ZRU.

Stiamo, infatti, cercando di individuare, per il nuovo pass, fasce orarie limitate alle ore diurne e pomeridiane, in modo tale che, da una precisa ora in poi, gli stalli gialli siano riservati solo ai possessori di pass “R”, “P” e “AP”.

Ovviamente, i dettagli sono da definire. Il dialogo con i cittadini e con le categorie è aperto. Quello che vorrei evidenziare è che l’intento dell’amministrazione era e resta, appunto, quello di tutelare “tutti” i cittadini. Le osservazioni e il confronto sono, pertanto, sempre auspicabili, al fine di trovare la soluzione più consona alle diverse esigenze”.

Commenti  

 
#9 Piepoli 2018-06-10 22:53
Cari Tecnici, che ne direste di regolamentare ed agevolare con una rotonda o almeno con degli specchi l'uscita dal parcheggio San Francesco (davanti alla Baita, dove non c'è visibilità) e dal lato di Via Lepore con una rotonda ? E di Via Conversano col Ponte Lama Monachile chiuso, vogliamo parlarne ? Per arrivarci conviene fare il giro da San Vito (quindi dalla Statale fino a Polignano Nord) ed ignorare un paio di transenne... oppure prenderla contromano e sperare di non essere beccati. Probabilmente basterebbe invertire il senso di marcia su Via Conversano, così chi arriva dal parcheggio gira subito a destra e, sempre avendo il Ponte chiuso, può proseguire a sinistra verso San Vito senza percorrere quel "mostro" che sta diventando via Martiri della Resistenza. Via Martiri della Resistenza diventerebbe a senso unico per chi arriva da via san Vito per andare verso Via San Francesco: così i due flussi si affiancherebbero solo dove le strade sono un po' più larghe senza di fatto incrociarsi. Peccato che questo non lo dica un Tecnico ma un cittadino prigioniero di questa "bellissima -come la definiscono i forestieri - cittadina" che, tra aree pedonali, chiusure al traffico, strisce blu, strisce gialle e passi carrabili non permette ai residenti di circolare senza infrangere qualche regola. Non ultimi i parcheggi per disabili spesso sono occupato da qualcuno che non ha il contrassegno, ma ha parcheggiato "un attimo e con le quattro frecce accese" ! Ah dimenticavo, sono anch'io disabile da poco, e mi sto facendo un esame di coscienza. Spero lo facciano tutti, compresi i nostri amministratori !
 
 
#8 De Donato Giuseppe 2018-06-09 14:32
Caro sig.commento n.3. Aspetta e spera l'asfalto in via Corridoni, l'importante è l'aver asfaltato via Neapolis e viale Rimembranze nei punti di interesse particolarmente cari a qualcuno! Sono oltre quarant'anni che via Corridoni non viene asfaltata.....VERGOGNA!!!
 
 
#7 SOLO CHIACCHIERE 2018-06-09 10:04
Esiste un divieto d'accesso nel parcheggio San Francesco che nessuno rispetta!!! dove sono i vigili??? inoltre la strada di via Padre Pio (che rientra nella zona PUM) si presenta con delle enormi voragini, senza segnaletica verticale ed orizzontale (strisce gialle e cartello ZRU) come mai??? più volte segnalato!!! mi sembra tutto una presa in giro :-(
 
 
#6 Delfino Azzurro 2018-06-08 19:57
In tantissime località turistiche in Italia il piano prevede esclusivamente strisce gialle per i soli residenti mentre gli ospiti hanno ampi parcheggi a ridosso del centro e nei giorni di maggiore affluenza navette gratuite. A Polignano abbiamo auto disorientate e traffico in tilt quasi tutti i giorni. A chi dobbiamo tanta competenza?
 
 
#5 è una barzelletta 2018-06-07 15:39
E' tutto da ridere.Ai residenti un solo pass perchè altrimenti non ci sarebbero stati parcheggi per tutti (bugia)e ai non residenti pass a gogo.(chi controllerà il disco orario?)
 
 
#4 solita solfa 2018-06-07 15:22
E' sempre la stessa storia:si crea una regola (già sbagliata in partenza:un solo pass ai residenti che hanno due auto) e la si annacqua con provvedimenti spot assurdi. In questo modo i turisti continueranno a parcheggiare(senza i vigili non c'è regola che tenga),i residenti continueranno a maledire il sindaco e gli assessori, e si distribuiranno pass extra a pioggia (i parcheggi non sono infiniti) e nessuno sarà soddisfatto.
 
 
#3 Lamanna Giovanni 2018-06-07 13:51
Via Corridoni, una strada completamente dissestata, con buche enormi e che da anni aspetta un rifacimento del manto stradale. Questa mattina stanno facendo le strisce gialle......ma poi la asfaltiamo e nuovamente rifacciamo le strisce gialle...e nel frattempo l'umidità delle piogge si infiltra nella case dei residenti . Che grande sperpero di denaro pubblico. Questi soldi li farei pagare all'assessore e intanto aspettiamo l'asfalto... ma quando????
 
 
#2 up 2018-06-07 10:22
un piccolo esempio di come dalla improvvisazione possa nascere un mostriciattolo burocratico di norme regolamenti adempimenti.
 
 
#1 Revolution 2018-06-07 09:51
Solo un gran pasticcio il piano urbano della mobilità
Un gran smog ????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI