Domenica 21 Luglio 2019
   
Text Size

Tasse: Pellegrni propone il baratto amministrativo

baratto amministrativo

Sono tante le cose che non funzionano nel nostro paese, in questo elenco ritroviamo l'aumento della Tari che sta portando scompiglio nella cittadinanza.

Ricorderete gli innumerevoli tentativi del gruppo di Forza Italia al tavolo d'opposizione nel veder approvati in Consiglio gli emendamenti con i quali si prevedevano delle agevolazioni e sgravi fiscali per determinate categorie; ebbene queste idee sono state bocciate.

Ma il consigliere Pellegrini accusato di proporre l'improponibile, torna sull'argomento illustrando esempi concreti riguardanti idee brillanti approvate in altri comuni limitrofi non distanti.


Approvato a Cellamare.

Questa volta, afferma Pellegrini: “vi parlo del baratto amministrativo approvato a Cellamare per ciò che concerne il pagamento della Tari e i cittadini in difficoltà”.

Infatti, questa forma di ammortizzatore sociale prevede la possibilità per coloro i quali gravano in serie difficoltà economiche di sopperire al proprio debito, per ciò che riguarda l'imposta Tari, con lo svolgimento di ore di lavoro per fini sociali.

Grazie all'approvazione del regolamento, c'è la possibilità di poter partecipare al bando per poter aderire a questa forma di pagamento del debito nei confronti dell'amministrazione. Ovviamente per accedervi è necessario essere in possesso di determinati requisiti.

 

Manutenzione e pulizia aree verdi.

I progetti per la quale i cittadini sono chiamati ad operare per veder sanato il loro debito devono essere presentati da associazioni stabili e giuridicamente riconosciute e operanti sul territorio.

Nello specifico, per esempio, parliamo di interventi per l'integrazione o il miglioramento degli standard manutentivi garantiti dal comune e il miglioramento della vivibilità e della qualità degli spazi, come per esempio la manutenzione, lo sfalcio e la pulizia delle aree verdi, dei cigli delle strade e dei marciapiedi o piazze. Sono previsti nel progetto la manutenzione e la pulizia dei locali di proprietà del comune o così come anche il municipio.

Certo, afferma Domenico Pellegrini in conclusione, così come per Cellamare anche per noi potrebbe significare un esperimento dal quale prendere atto dei risultati effettuando le opportune valutazioni. Ma ad ogni modo così facendo l'amministrazione si mostrerebbe senza dubbio più attenta alle difficoltà del cittadino realizzando uno scambio equo di servizi come all'epoca del baratto”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI