Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

L’estate polignanese comincia a maggio

Arianna Liotino, consigliere delegata a sport e estate

Arianna Liotino: Il programma è pronto e sarà consegnato a breve”

Come procede l'estate polignanese? Lo abbiamo chiesto alla consigliera delegata Arianna Liotino, che ha così risposto:
“Molto bene siamo soddisfatti del lavoro svolto in questi mesi e siamo quindi pronti ad ufficializzare il calendario degli eventi di punta dell’Estate Polignanese 2018. Adesso il secondo step fondamentale è la promozione, bisogna intercettare i canali giusti e concentrarsi sugli obiettivi, fare in modo che tutto vada per il verso giusto e che tutto sia sotto controllo!”

 

Quando sarà diffuso il programma?

“Sarà diffuso a Maggio, mese in cui approderanno nel nostro paese due grandi eventi già previsti e cioè il Campionato Nazionale di Hydrofly (11-12-13 Maggio) e CalaponteTriweek (19-20 Maggio). È per noi questo un ottimo primo risultato, una novità o meglio io amo definirlo un esperimento, questo perché vorremmo negli anni anticipare di gran lunga i lavori e migliorare l’offerta in modo da garantire una programmazione condivisa e di successo. Ovviamente processi come questi richiedono tempo, osservazione e confronto tra le parti. Tutti elementi che ci permettono di operare con criterio, razionalità e che ci danno la possibilità di crescere e migliorare.”

 

È possibile ancora inserire degli eventi?

“Certo che lo è, ovviamente non nel calendario degli eventi di punta, a breve sarà infatti definita una seconda programmazione che verrà resa nota entro metà Maggio. La nostra volontà è stata quella di calendarizzare eventi ormai assodati e seguiti dal pubblico, conosciuti quindi a livello nazionale e internazionale e poi una minore che non significa assolutamente meno importante. Infatti negli anni l’offerta dovrà e potrà variare per cause di forza maggiore e nuovi eventi avranno la possibilità di inserirsi nella grande programmazione.”

 

Quali altre novità sugli eventi ci può anticipare?

“Non voglio anticipare nulla, quindi effetto sorpresa. Però voglio darvi qualche informazione generale, gli eventi di punta sono diciassette e personalmente ripeto siamo molto soddisfatti del lavoro svolto. Non abbiamo tralasciato nulla, c’è lo sport, la musica, il cinema, la letteratura, lo spettacolo, una programmazione dove divertimento e tradizione si fondono in una ricetta unica che ci è piaciuta fin da subito e che speriamo sia quella vincente.”

 

Che significato ha il successo dell'evento di domenica scorsa?

“In primis chiariamo un aspetto, Polignano in Festa è un evento figlio della collaborazione nata tra l’amministrazione e le associazioni di categoria, figlio dell’entusiasmo, figlio della volontà del fare, di realizzare un evento, il primo di una lunga serie. Infatti visti i risultati la cooperazione continua, non possiamo e non dobbiamo fermarci dinanzi alle difficoltà perché il lavoro di squadra divide i compiti e moltiplica il successo.”

 

State procedendo con la destagionalizzazione degli eventi?

“È evidente no? Inizio stagione anticipata a Maggio, diverse manifestazioni distribuite fuori dalla programmazione e intanto stiamo già lavorando per l’inverno. Più che destagionalizzazione l’obiettivo presto sarà portare gli eventi fuori dalle mura cittadine, nelle periferie e nelle contrade. A breve le novità, per ora concentriamoci sull’estate che è alle porte e garantiamo servizi ai turisti che hanno scelto di visitare il nostro bel paese.”

 

Che ne pensa lei della tassa di soggiorno? Per quali servizi andrebbe investita?

“Partiamo con un presupposto: l’imposta di soggiorno per un paese con una forte ambizione turistica come Polignano è necessaria ed è giusto che la nostra cittadina si sia messa al passo con i tempi. La tassa di soggiorno è da tempo, per molte amministrazioni locali, un’entrata importantissima per garantire una serie di servizi, ovviamente da studentessa di archeologia non posso che favorire gli investimenti che riguardano il recupero, la manutenzione e la fruizione di Beni Culturali ma tante sono le destinazioni. Tra queste il settore turistico, i servizi pubblici locali, l’arredo e il verde pubblico e tutti quei settori che garantiscono pulizia e decoro cittadino.”

 

A chi sostiene che domenica c'è stato il caos, come replica?

“Beh abbiamo raccolto tantissimi pareri favorevoli, critiche costruttive e meno ma necessarie. Guai non ci fossero, sale della democrazia ci permetteranno di fare sempre meglio e di rimediare agli errori! Non so a che caos si faccia riferimento in questo caso, però ogni tanto bisognerebbe (secondo me) apprezzare di più gli sforzi altrui, comunicare il proprio disappunto e dare un consiglio (sempre ben accetto)!”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI