Venerdì 20 Settembre 2019
   
Text Size

Il centrodestra polignanese si sta riorganizzando

DOMENICO PELLEGRINI

Domenico Pellegrini: “Lavoreremo per una valida alternativa a questa Amministrazione, mettendo da parte incomprensioni passate”

 

Il centrodestra polignanese è in fase riorganizzativa. I vari esponenti, giovani e veterani, partecipano compatti ai vari appuntamenti del paese. Un segnale positivo per il centrodestra, che sta lavorando per imporsi come alternativa all’Amministrazione, così come ci conferma fiducioso Domenico Pellegrini, candidato sindaco e consigliere.

 

Consigliere Pellegrini, cominciamo dal Consiglio comunale. Quali sono i suoi interventi?

“I nostri interventi saranno puntuali in ognuno degli otto punti previsti nella seduta di venerdì. Conseguenziali ad una fase di studio e approfondimento, nonostante l’esser stati messi nelle condizioni di esaminare le carte in pochi giorni. Salti mortali per noi consiglieri di minoranza, ma per fortuna ci siamo preparati, nel limite del possibile, e proveremo ad avanzare importanti emendamenti e a dire la nostra soprattutto sulla sanità e sulla sicurezza. Argomenti per i quali avevamo chiesto, dato l’importanza, consigli comunali monotematici”.

 

Che ne pensa di questo bilancio di previsione?

“Parto dalla premessa che siamo stati messi nella condizione di studiare un bilancio di previsione in una settimana. Ma quello che mi preme sottolineare, pur riconoscendo che oggi non vi sono in questa materia, per vincoli, restrizioni e limitazioni, possibilità di ampie manovre, èche la maggioranza è voluta andare contro lo Statuto Comunale. Ovvero non vi è stato nessun coinvolgimento delle associazioni di categoria, Caf, Patronati e commercialisti. E poi approvare un bilancio dopo aver ricevuto una diffida dal Prefetto per ritardo, racchiude il quadro di una macchina amministrativa molto approssimativa”.

 

E delle imposte?

“Cosa vuole che le dica sulle imposte. Oltre non possiamo andare…. Sono state confermate le stesse aliquote ed in alcuni casi, vedi la Tari, è pure aumentata. Praticamente tutto il contrario di un’amministrazione di centrosinistra. Vitto da quando si è insediato ha messo le mani nelle tasche dei polignanesi e non le ha più tolte. Aggiungerei poi che siamo il Comune che prevede meno esenzioni e riduzioni di imposta!”.

 

Le opere pubbliche si fanno in questo paese. Cosa c'è che non va?

“Guardi, il concetto è semplice. Preferirei che si realizzassero poche opere, utili, indispensabili e fatte bene. Troppa carne al fuoco per non cuocerla adeguatamente non serve.

Prova ne è, che proprio in consiglio comunale approveranno una variante allo strumento urbanistico generale vigente per inaugurare il sovrappasso di località Pozzovivo. A tal proposito, direttore si ricorda quando mesi fa realizzai un video-denuncia su quel ponte e lei come altri giornali raccolse la riposta secca della maggioranza, la quale annunciava un’immediata apertura senza intoppi? Eccoci qui invece….chi aveva ragione?

Ciò nonostante non voglio addossare responsabilità oltre misura, quanto tornare al concetto iniziale: meglio poco ma fatto bene”.


Quali sono le strategie per evitare il pericolo di infiltrazioni mafiose?

“Noi abbiamo presentato una delibera di realizzazione di una task force composta da istituzioni e forze dell’ordine al fine di proporre strategie, implementazione della videosorveglianza ed altre misure che mi auguro verranno fuori da un collaborativo dibattito in Consiglio. Bisognerà poi, con il contributo di tutti, con una certa cadenza, monitorare l’operato svolto e lo stato dell’arte sul territorio cittadino”.


Che ne pensa degli abusi edilizi su Via San Vito, denunciati da Focarelli e Lomelo?

“Io vorrei che voi rivolgeste questa domanda al sindaco. Non si è mai espresso e sarebbe interessante ascoltare il suo punto di vista. Guardi, le suggerisco di intervistarlo sul prossimo numero sulla B4, e poi mi riservo di dire la mia. Sono curioso di conoscere la sua risposta”.


Quali altre iniziative programmerete come opposizione?

“Siamo sul pezzo, questo è quello che conta! Ascoltiamo i cittadini, diamo eco alle loro proposte, alle loro esigenze. Siamo garanti della legalità e lo abbiamo già dimostrato. Cerchiamo di portare avanti alcuni punti del nostro programma con mozioni e interrogazioni. Lo posso tranquillamente affermare, un’opposizione del tipo mancava da tanti anni!”.


A che punto è il centrodestra polignanese?

“In fase di riorganizzazione… lavoreremo come altri per una valida alternativa a questa Amministrazione, mettendo da parte incomprensioni passate. Sono fiducioso!”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI