Lunedì 27 Maggio 2019
   
Text Size

A Polignano le prime nozze gay

L'annuncio di Domenico Vitto su Facebook

Articolo pubblicato su 'La Voce del Paese - edizione Polignano' del 27 maggio 2016.

 

 ESCLUSIVO

Ecco le prime nozze gay a Polignano

Il sindaco Domenico Vitto annuncia su Facebook la lieta novella

 

Da quando è stata approvata la legge Cirinnà sulle unioni civili, il giorno 11 maggio scorso, sono numerose in tutta Italia le richieste di matrimoni tra coppie dello stesso sesso pervenute negli uffici anagrafe dei comuni. Anche a Polignano è stata depositata una richiesta di matrimonio tra una coppia dello stesso sesso, presumibilmente non di Polignano, e che il sindaco Domenico Vitto – ha spiegato in un post su Facebook – sarà ben lieto di celebrare.

L'unione civile è nell'ordinamento italiano l'istituto giuridico di diritto pubblico, analogo al matrimonio, comportante il riconoscimento giuridico della coppia formata da persone dello stesso sesso, finalizzato a stabilirne diritti e doveri reciproci. Tale istituto estende alle coppie omosessuali la quasi totalità dei diritti e dei doveri previsti per il matrimonio, incidendo sullo stato civile della persona. L'istituto è introdotto appunto dalla legge denominata "Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze" approvata definitivamente dal Parlamento l'11 maggio 2016, ma di fatto non ancora in vigore, finché non sarà depositata in Gazzetta Ufficiale.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi a Polignano, dove il post del sindaco ha catalizzato l’attenzione da tutta Italia. Molti sindaci vogliono saperne di più, inoltre la nostra città è meta ormai gettonatissima per tutti i matrimoni in generale.

 

L'annuncio di Domenico Vitto su Facebook

Cosa sono le unioni civili? Si definiscono unioni civili tutte quelle forme di convivenza di coppia, basata su vincoli affettivi ed economici, alla quale la legge riconosce attraverso uno specifico istituto giuridico uno status giuridico analogo, per certi aspetti, a quello conferito dal matrimonio.

Si definiscono coppie di fatto quelle coppie che pur avendo una certa stabilità basata sulla convivenza non accedono volontariamente a nessun istituto giuridico (né matrimonio, né unione civile) per regolare la loro vita familiare. L'ordinamento può tuttavia ricollegare al semplice fatto della convivenza dei limitati effetti giuridici relativi alla regolazione della convivenza. Laddove gli ordinamenti statali prevedono esclusivamente il matrimonio quale unico istituto per regolare la vita familiare l'espressione coppie di fatto può far riferimento anche a coppie che non possono accedere a nessun istituto giuridico familiare come nel caso delle coppie omosessuali o a coppie che non possono accedere a un istituto alternativo a quello matrimoniale come nel caso delle coppie eterosessuali che scelgono di non sposarsi, ma vorrebbero accedere a un'unione civile.

La classe delle unioni civili è molto variegata nel mondo e comprende un'estrema varietà di regole e modelli di disciplina: in particolare, le unioni civili possono riguardare sia coppie sia di sesso diverso che dello stesso sesso (come nel caso dei PACS in Francia), sia esclusivamente coppie di sesso diverso (come in Grecia fino alla riforma del 2015 che ha aperto l'accesso dell'istituto anche alle coppie omosessuali), sia esclusivamente coppie di sesso uguale (come nel caso delle Lebenspartnerschaft in Germania).
Laddove le unioni civili sono un istituto riservato alle sole coppie formate da persone dello stesso sesso l'espressione "unione civile" può essere usata impropriamente per riferirsi alla coppia omosessuale (fonte Wikipedia).

Il diritto non è rimasto indifferente all'evoluzione dei costumi ed esiste un gran numero di provvedimenti legislativi che disciplinano le nuove unioni.

Commenti  

 
#17 IL MITICO THOR 2016-06-09 15:23
fatevene una ragione,dio non esiste, non è mai esistito e di conseguenza non ha mai avuto moglie nè figli, quindi se volete credere alle vostre favole fatelo ma senza imporre le vostre stupide fiabe facendole passare per verita assolute, il matrimonio è un diritto universale.
 
 
#16 AMICA 2016-06-08 22:38
Chiediamoci se fossimo noi stessi omosessuali o i nostri figli. Giudicare e' difficile.Io ho amici omosessuali. Ci sono quelli isterici ( come gli etero),quelli dolci (come gli etero),quelli brillanti (come gli etero),quelli che fanno uso di sostanze oppiacee (come gli etero). Io non giudico il loro orientamento sessuale,valuto invece se sono brave persone. Se parliamo di morale,beh...chi e' senza peccato,scagli la prima pietra.
 
 
#15 Fa 2016-06-08 13:20
il matrimonio è quello davanti a Dio, il resto è un enorme pastrocchio architettato da legislatori che pensano solo al ritorno elettorale.
le unioni civili sono cosa a parte, non chiamatele matrimonio.
 
 
#14 IL MITICO THOR 2016-06-07 20:58
alcuni commenti fasciocattolici estremi farebbero impallidire Torquemada...andate a farvi vedere da uno bravo, visto che il vostro dio di cartone e il vostro pelato non vi hanno dato il dono del neurone
 
 
#13 nuio 2016-06-07 20:00
che strana la religione...dice di non giudicare ma poi sta li pronta ad intervenire e a fare la morale (avete confessato che avete fatto l'amore prima del matrimonio???)... abbiamo capito che in Chiesa non sono ammessi i matrimoni omosessuali e nessuno ne discute. State tranquilli. Poi questo fatto di tirare fuori i versi della bibbia... tirate fuori solo le cose che vi convengono... io non dico "viva l'amore", piuttosto sono contrario ai giudizi e pregiudizi. Gli omosessuali esistono e, se c'è un Dio, li avrà voluti anche lui/lei.
 
 
#12 ALETHEIA 2016-06-07 13:00
L'Unione è solo quella sancita davanti a Dio. Il resto è abominio. La parola di Dio è Eterna, Immutabile. Non si adatta ad alcuna moda umana. L'uomo non separi ciò che Dio ha unito.
 
 
#11 Littorio 2016-06-07 09:22
Di cosa vi meravigliate ? A cala incina sguazzano e pascolano indisturbati,occupando abusivamente un posto meraviglioso,e commettendo a tutte le ore atti osceni in luogo pubblico! E non interviene nessuno!
 
 
#10 mimmo 2016-06-07 06:31
X comm.6
Commento precisissimo
 
 
#9 arcobaleno 2016-06-06 22:10
Non è la specie più forte a sopravvivere, e nemmeno quella più intelligente ma la specie che risponde meglio al cambiamento.
Charles Darwin
 
 
#8 #vanna 2016-06-06 21:19
Poveri coloro che non comprendono gli affetti...quelli veri e non quelli come il matrimonio fatte di corne e di tutto il resto...w l'amore di qualunque forma essa sia...
 
 
#7 Bah 2016-06-06 20:40
Quante minchiate scrivete nei commenti , contento delle decisioni del sindaco ... I gay ubriachi e drogati esistono come esistono gli etero ubriachi e drogati... Viva l'amore ! In qualsiasi forma!
 
 
#6 aspettando godot 2016-06-06 20:20
gli ultimi giorni di sodoma e gomorra.......arriverà il kaos e piangeremo lacrime amare.
 
 
#5 Cirinna 2016-06-06 20:06
Ueeee Aletheia come la mettiamo con Caino ed Abele??? Erano due maschietti e gli unici al mondo....come sarà successo il tutto?
 
 
#4 Isabella 2016-06-06 18:16
Sinceramente io preferisco chi decide di rispettarsi con un legame monogamo,leale e sincero, firmando un documento che un minimo sancisce tale legame, piuttosto che vedere gay che volano di bar in bar,vestiti da donna,drogati e sbandati!!
Gente che cerca l'attenzione in malo modo,perchè magari sono stati sempre emarginati.(o perchè sono tarati di loro,non lo so) :-)
Da polignanese dico: onore al merito del Sindaco,è giusto che se due persone possono vivere insieme,devono poter anche avere i diritti che questa scelta comporta.
La parte spirituale,biblica ecc,è meglio lasciarla ai "bravi e onestissimi preti",qui si parla di semplice burocrazia.
 
 
#3 tonia 1961 2016-06-06 14:03
Infatti non è un matrimonio, è improprio utilizzare il termine nozze o matrimonio. È un unione civile, ma a quanto pare di civile nel pensiero e nelle parole di molti, non ce ne è molto
 
 
#2 mimmo 2016-06-06 12:16
La mannaia Divina non tarderà ad arrivare
 
 
#1 ALETHEIA 2016-06-06 12:13
“L’uomo lascerà suo padre e sua madre e si dovrà tenere stretto a sua moglie e dovranno divenire una sola carne” (Genesi 2:24).
Il matrimonio è solo tra uomo e donna. Il resto non esiste.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI