Domenica 16 Giugno 2019
   
Text Size

Gli anti-Vitto stanno facendo la grande ammucchiata. Intervista a Salvatore

vitto salvatore colella

Articolo pubblicato su 'La Voce del Paese - edizione Polignano' del 8 aprile 2016.



Elezioni comunali Polignano 2017

Gli anti-Vitto stanno facendo la grande ammucchiata

Salvatore risponde: “Noi siamo compatti. Non temiamo nessuno!

Tanto è ancora vivo il ricordo di come dis-amministrarono la nostra Polignano”


Ci stiamo organizzando. Stiamo arrivando. Sono queste le voci fatte circolare in questi giorni dagli ‘avversari’ della maggioranza Vitto o semplicemente da chi sta alzando la posta per il proprio tornaconto. Ci manca solo il motto sempreverde grillino: Siete circondati, arrendetevi!

Davanti a queste voci che corrono spedite verso le elezioni comunali del 2017, il consigliere comunale Salvatore Colella (delegato ai Lavori Pubblici), sorride: “Ma chi, quello? Parliamo di cose serie per favore!”. 

 

Consigliere Colella, addirittura per qualcuno il Palazzo Marchesale è a rischio crollo. È la fine di un impero? Scherzi a parte, dobbiamo passeggiare col casco in testa?

“Sì, c'è un problema sul retro del Palazzo, ma prontamente è intervenuto il tecnico della contessa. D’intesa con l'Ufficio tecnico stanno sistemando l'inconveniente. Nessuna tragedia!”.   

 

Intanto le cattive puzze al depuratore sono tornate. Ma a metà novembre del 2015 il problema non era risolto?

“Anche se al depuratore le puzze di tanto in tanto si fanno sentire, i lavori importanti sono conclusi. E io che vivo da quelle parti ne so qualcosa. Nei prossimi giorni, d’intesa con il sindaco, convocheremo l'Acquedotto pugliese e chiederemo spiegazioni, oltre che chiederne la soluzione definitiva”.

 

Si è sgonfiata la polemica sulla mafia a Polignano. C'è chi sostiene che andrebbero analizzati gli appalti e i lavori pubblici, e che proprio su questo la Corte dei Conti avrebbe tirato le orecchie. Che ne pensa? Possiamo stare al sicuro?

“Ma guardi, se la mafia non c'è… di questi tempi è difficile dirlo. L'unica cosa che posso dirle e che siamo sereni e consapevoli del pericolo che si corre. Naturalmente essere sereni non significa cullarsi, bisogna comunque mantenere alta la guardia per evitare infiltrazioni. Pensi che per anni il sud è stato additato quale terra di mafia. Certo, era vero, ma il nord non era immune da tale catastrofe e neanche il centro Italia, basti pensare a mafia capitale. Il malaffare si annida dove c'è il benessere, dove è conveniente concludere loschi affari. Polignano vive un periodo economicamente felice nel settore del turismo, quindi occhio!

Per quanto riguarda la Corte dei conti, per prassi invia circolari chiedendo spiegazioni sulle procedure. È normale anche ricevere rilievi in una materia cosi complessa e continuamente emendata dallo Stato. Ma confido molto nella scrupolosa attività del dirigente responsabile che cura il Settore della Trasparenza. Sui Lavori pubblici è facile sparare, visto il compito delicato che viene svolto. Gli operatori del settore sono gli stessi e lavorano da tanti anni… hanno operato con tutte le amministrazioni che si sono succedute e mai è stato riscontrato un comportamento scorretto.

Perciò confido molto nel loro operato e li ringrazio per lo straordinario lavoro che svolgono quotidianamente assumendosi grosse responsabilità. Prima di affidare appalti, l’Ufficio chiede sempre alla Prefettura il certificato antimafia delle aziende, proprio come prescrive la legge”.

 

Lei voterà Sì al prossimo referendum. Comprende comunque le ragioni di chi voterà No?

“Sì, certamente voterò sì. Un SÌ indipendentemente dalla qualità del quesito che è limitato e poco chiaro. Il mio è un voto di principio: mai più trivelle nel nostro mare. Non riesco a immaginare un mondo con la più bella risorsa che ha, il mare, inquinato e non fruibile. Le ragioni di chi vota diversamente da te, pur non condividendole, si rispettano. È un principio di democrazia irrinunciabile”.


A proposito del referendum, ieri sera Emiliano intanto ha detto 'NO' a Renzi alla direzione nazionale del PD. Che sta succedendo nel PD? Da esperto e stratega politico qual è lei, qual è l'obiettivo di Emiliano?

“Sicuramente Emiliano è un fuoriclasse a cui probabilmente il ruolo di amministratore locale gli sta stretto. Per il resto, sul referendum ha ragione da vendere. Quando per ragioni ambientali abbiamo limitato la produzione dell'Ilva di Taranto rischiando di farla chiudere, e comunque sacrificando posti di lavoro, il premier Renzi non ha battuto ciglio. Ora che la cosa riguarderebbe una perdita occupazionale nella terra di Romagna, allora Renzi alza gli scudi e sull'altare dell'occupazione sacrifica l'ambiente chiedendo di disertare i seggi elettorali e boicottare il referendum. Per quanto riguarda il Partito Democratico, essendo un grande partito è intriso di tante anime spesso assai inquiete”.


E a livello locale invece, dove sta andando il PD? 

“Che io sappia esiste ed è ben rappresentato, e in ogni campagna elettorale mantiene largamente il primato. Per il resto non mi compete essendo io di altro partito”.

 

A proposito di strategie, facciamo anche a lei la stessa domanda da noi rivolta a Lomelo. Lei si candiderebbe in una lista unica di candidati veterani alle prossime elezioni comunali?

“No, io non mi candiderei in una lista di veterani. Credo molto nei giovani e soprattutto all'integrazione fra giovani e veterani. L'esperienza è utile a formare i giovani che rappresentano il futuro del paese. Questo è il ruolo che sento di rivestire in questa fase. Peraltro da anni, come partito, nominiamo assessori giovani affinché facciano abbastanza esperienza da poter camminare da soli”.

 

Comunque il suo record di presenze in Consiglio dovrebbe essere imbattibile. Si candiderà senza dubbio con Vitto sindaco? O ci sono dubbi a riguardo...

“Il record di presenze, come dice lei, è difficile da eguagliare. Ma non è questo che mi interessa. In questo momento mi interessa mettere in piedi una squadra competitiva di giovani capaci di portare avanti le migliori tradizioni del nostro pragmatismo e contribuire a migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini. Per quanto riguarda le alleanze credo che il problema non si ponga: la coerenza ti impone di continuare il percorso soprattutto se si è lavorato bene”.

 

Alcuni esponenti avversari giurano che perderete e che si stanno organizzando. Presto ci saranno sorprese... Cosa si aspetta?

“Onestamente non ho il tempo per badare agli avversari che minacciano di organizzarsi. Noi siamo già organizzati, siamo omogenei, abbiamo un sindaco su cui convergono tutti e, in funzione del buon lavoro che abbiamo fatto in questi anni, non temiamo nessuno. La loro disomogeneità e la fame di potere che li contraddistingue non gli consentirà di essere credibili agli occhi della opinione pubblica. Peraltro è ancora vivo il ricordo dei cittadini di come dis-amministrarono la nostra cittadina”.

Sostengono inoltre che parte delle responsabilità della possibile sconfitta siano sue...

“Sì, fino a poco fa dicevano che il mio lavoro lanciava in positivo l'amministrazione, tanto da definirmi il sindaco ombra. Ora hanno cambiato strategia, perché la prima non funzionava ed era diventata ormai patetica e inutilmente ripetuta fino allo sfinimento. Non funzionerà neppure questa!”.

 

Che ne pensa della strage di multe a Largo Ardito?

“Penso bene. Se la segnaletica non viene rispettata è giusta la sanzione. Nessuno può venire nel nostro paese pensando di fare quello che vuole”.

 

E dell'invasione di Pasquetta che ne pensa? Del turismo?

“Una bella prova di affetto verso il nostro paese a cui bisognerà dare sempre una buona risposta organizzatrice. Il turismo per la nostra città è molto importante. L’economia principale rimane l'agricoltura, ma in questo momento è in profonda crisi”. 

 

La tassa di soggiorno: favorevole o no?

“Sicuramente favorevole. Ma in questo momento non è applicabile per volere del governo… non appena sarà possibile la istituiremo”.

 

Perché i lavori a scuola ‘Rodari’ sono fermi?

“I lavori alla ‘Rodari’ sono momentaneamente sospesi in attesa che la Regione ci sottoponga il disciplinare di impegni che ha già deliberato alcuni giorni fa in Giunta regionale. Mi preme sottolineare che sono stati già realizzati lavori pari alla quota del cofinanziamento comunale”. 

Commenti  

 
#3 autista - umberto 2016-04-13 21:33
io come uno scemo credevo che era vitto il sindaco. bravo bravo salvatore
 
 
#2 GRANDE SALVATORE 2016-04-12 11:50
sei un grande Salvatore, hai fatto credere a Vitto che era lui il candidato sindaco ed alla fine il vero sindaco sei tu, per ogni cosa si deve parlare con te. Povero Domenico sei riuscito a farla sotto al suo naso. GRANDE.
p.s. stà finendo per tutti.
 
 
#1 vecchiaguardia 2016-04-11 13:28
Sigaro in bocca stà e non ci stà il vero sindaco sei tu grande salvatore.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI