Martedì 16 Luglio 2019
   
Text Size

Prima di Vitto, i politici a teatro non pagavano il biglietto

biglietti omaggio teatro polignano

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese - edizione Polignano (uno dei 10 comuni del network)" nelle edicole da venerdì 29 gennaio.


Ecco le carte che svelano i “retroscena” della passata amministrazione:

“Politici, dirigenti, revisori dei conti e membri del Nucleo entravano gratis!”

 

 

La Stagione Teatrale 2016 di Polignano è già un successo. I numeri parlano. Infatti, dopo il successo della prima con Leo Gullotta, ci sono già oltre 200 biglietti prenotati per lo spettacolo con Lina Sastri (‘La Lupa’ di Giovanni Verga). Inoltre, gli abbonamenti sono raddoppiati rispetto al 2015: da una settantina a 140.

Ma la vera novità, è che rispetto alle precedenti amministrazione, da quando si è insediata l’amministrazione Vitto, tutti pagano il biglietto. Tutti, anche i soliti politicanti, amici dirigenti e dipendenti comunali, amici degli amici, e tutti quelli che improvvisamente, solo in quei giorni, riscoprono la passione per la cultura.

Quando l’assessora alla Cultura Marilena Abbatepaolo ha risposto alle nostre domande, ci siamo cercati le carte ed effettivamente è così: Prima della Amministrazione Vitto i politici, i dirigenti, i revisori dei conti e tutti i membri del Nucleo di valutazione entravano gratis (vedi le carte).

  

Assessora Abbatepaolo, qualcuno sostiene che già da molti anni i politici pagano gli abbonamenti… È così?

“Guarda, da molti proprio non direi. Anzi, siamo stati proprio noi ad abolire queste regalie quando abbiamo iniziato il nostro mandato, dal 2012. Prima della Amministrazione Vitto i politici, i dirigenti, i revisori dei conti e tutti i membri del Nucleo di valutazione entravano gratis. Non lo dico io, ma lo dimostrano le carte, regolarmente protocollate e conservate negli Uffici. Durante le stagioni teatrali del 2009, 2010, 2011 i biglietti gratuiti erano la regola. Quando siamo arrivati noi, dal 2012, la prima cosa che abbiamo chiesto è stata proprio quella di abolire le gratuità, conservando un costo basso dell’abbonamento. Il motivo? La cultura ha un valore. Questo valore deve essere riconosciuto. Inoltre, bisogna superare il concetto di cultura = spesa. La cultura è investimento sulle persone. Lo ha ben raccontato Leo Gullotta durante il suo incontro nel foyer. Quanto poi alle vendite, quest’anno abbiamo avuto veramente un raddoppio. Tra l’altro, basta andare sul sito www.biglietti.it , cercare lo spettacolo di Polignano e aprire la piantina del Vignola per rendersene conto direttamente”.

 

E quel suo posto in prima fila allora?

“Questa storia della prima fila, è forse una battuta infelice. È vero che uno può scegliere i posti che vuole, ma nel mio caso non ho molta scelta. Mi rendo conto che bisogna passarci in prima persona per capire cosa significa non essere udenti e, quindi, avere necessità di leggere le bocche. Quel posto in prima fila è motivato solo da questo. Un non udente per leggere bene le bocche deve stare a una distanza massima di un metro, altrimenti non si riesce. Già così, in prima fila, siamo ben oltre il metro”.

 

Questa Commissione Cultura. Che confusione! Il sindaco avrebbe umiliato Franco Mancini. Che ne pensa?

“Lo hai detto tu, una confusione. Sai cosa penso? In quella riunione tutti parlavano e nessuno ascoltava l’altro. Per quanto mi riguarda, è stato un pessimo spettacolo. Ho chiesto espressamente di far terminare il discorso prima di intervenire a controbattere. Credo sia la prima cosa che si insegna a scuola: si interviene dopo che il compagno ha terminato di parlare. Questo non è avvenuto. Ognuno parlava per sé; il sindaco ha solo confermato quanto stiamo organizzando per la Giornata della Memoria e quanto io avevo detto. Non credo ci sia alcuna umiliazione in questo”.

biglietti omaggio teatro polignano

Commenti  

 
#8 cara Assessora 2016-02-14 16:20
l'altra sera il tuo biglietto ,in prima fila al teatro,l'hai pagato?Non dire BUGIE noi non siamo dell'era glaciale:ne'tu,ne'Vitto ne'Colella...e compagnia bella PAGATE I BIGLIETTI....La prossima volta non fare false DICHIARAZIONI
 
 
#7 X com 6 2016-02-06 00:12
Fai mettere anche le foto dell'asfalto che si sta sbriciolando avunque. Crede che se comincia a piovere sul serio le strade torneranno ad essere in stabilizzato come negli anni '70. N.B. almein statv citt.
 
 
#6 trasparenza 2016-02-04 10:52
Caro direttore Nicola cortesemente vuoi mettere le foto dell'ingresso ARCO MARCHESALE cosi sono contenti tutti quanti. Potevano aspettare a lavori ultimati prima di parlare a vanvera.
 
 
#5 quantoèbravoLei. 2016-02-03 14:30
Perché non lascia pure lo stipendio da Sindaco visto che non ne ha di bisogno?
 
 
#4 proverbio polignanes 2016-02-03 09:21
Quando si scioglierà la neve si vedranno di stronzi! Per ora e tutto oro!
 
 
#3 allibito 2016-02-03 01:57
Questa di Vitto e' un'amministrazione di BUGIARDI anche per il teatro...infatti la suocerra di Vitto con sua figlia ha pagato il biglietto...infatti la moglie di Salvatore Colella e marito ha pagato il biglietto....E"LA STESSA COSA DEI BIGLIETTI CHE GESTI"IL SINDACO PER LA SERATA DEDICATA A MODUGNO
..MA A CHI VOGLIONO PRENDERE ANCORA IN GIRO?
 
 
#2 Bene! 2016-02-02 14:40
Prendiamo per buona quanto detto dalla Ass., ma, per amor di verità, il tutto, se è vera la eliminazione degli ingressi gratis, era in vigore anche per un pezzo del loro periodo di amministratori.
 
 
#1 Antonio C 2016-02-02 13:23
L'assessore Abbatepaolo probabilmente non è stata informata bene, ne il sottoscritto compreso i direttivi i segretari della precedente amministrazione hanno ricevuto un biglietto per le stagioni teatrali che si sono svolte in passato. Probabilmente vogliono giustificare i loro biglietti gratis.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI