Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

Si pensa a un programma per il Natale Polignanese

Da sinistra i nuovi assessori Giuseppe Modugno Mariella Annese e il sindaco Vitto

Intervista pubblicata in anteprima su "La Voce del Paese - edizione Polignano (uno dei 10 comuni del networK) nelle edicole da venerdì 6 novembre.

 

 

Dopo il rimpasto, il panettone…

prima intervista al nuovo assessore-filosofo Giuseppe Modugno

 

Dottor Modugno, lei è l'assessore di Api (Alleanza per l’Italia). Qualcuno sostiene che comanda Salvatore Colella. Insomma, quanto Colella inciderà sulle decisioni che prenderà da assessore?

“Proprio perché sono l’assessore di Api credo che sia poco rispettoso sostenere che comandi Salvatore Colella. Innanzitutto Api ha due consiglieri in maggioranza e il consigliere Maiellaro ha lo stesso peso di Colella; in secondo luogo Api racchiude altre persone ed opinioni che, pur non avendo una vita pubblica visibile, partecipano assiduamente alla vita democratica interna al partito. Per quanto mi riguarda sono convinto della totale autonomia con cui posso gestire le mie iniziative per il semplice fatto che con me il partito ha scelto un pacchetto di competenze che non aveva al suo interno. Quale altro scopo potrebbe avere una scelta simile se non quella di arricchirsi di nuove iniziative? E che senso avrebbe bloccare, stravolgerle o non considerarle?”.

 

Entriamo nel concreto amministrativo. Cosa riuscirà a fare in 18 mesi? Deve elencarci almeno gli obiettivi e le azioni che è convinto di riuscire a portare a termine...

“Spero che mi rifacciate questa domanda tra qualche mese; mi sembra un po’ prematuro dare delle indicazioni precise. Una linea organizzativa ad ampio raggio c’è e ad essa sono legati degli obiettivi che riguardano in maniera trasversale le tre deleghe che mi sono state assegnate. Il paese sta vivendo un periodo di crescita soprattutto turistica. In merito a questo, ho per ora in mente due parole che si trasformeranno in fatti, opere ed eventi: destagionalizzare e delocalizzare”.

 

Invece nell'immediato, cosa farà nei prossimi giorni?

“Ho l’agenda già abbastanza piena di appuntamenti e di incontri di varia natura. Le cosiddette priorità sono dettate dal calendario, le feste natalizie si avvicinano ed è necessario mettere a punto una piccola stagione di eventi. Ciò riguarda lo spettacolo ma anche la Polizia Municipale. Eventi, spettacoli, cerimonie etc. vogliono dire servizio pubblico e il problema più grande che stiamo cercando di risolvere è la proroga o la nuova assunzione di alcune unità di Polizia Municipale per garantire il corretto svolgimento del servizio nelle festività natalizie. Per quanto riguarda lo sport sto cercando di risolvere dei problemi relativi alla gestione degli spazi pubblici e di organizzare una serena convivenza delle società che le utilizzano”.

 

In cosa si differenzierà rispetto al suo predecessore?

“Quale predecessore? Potremmo individuarne due ma in entrambi i casi c’è una differenza di deleghe rispetto a quelle che mi sono state assegnate. Paolo L’Abbate oltre ad esercitare la delega alla Polizia Municipale occupava il ruolo di vicesindaco, con Daniele Simone ho in comune la gestione della delega allo sport e allo spettacolo. Credo che Simone abbia fatto un ottimo lavoro, le Associazioni e società sportive con cui ho potuto già confrontarmi sono tutte soddisfatte del lavoro da lui svolto e mi pare che anche dal punto di vista della riuscita delle stagioni estive non si possa dire che non abbiano funzionato. Per quanto riguarda l’altro predecessore, Paolo L’Abbate, la Polizia Municipale necessita di alcuni interventi a sostegno e tutela della cittadinanza come l’approvazione e la messa in atto dei nuovi Piani della Mobilità e della sosta; per quanto riguarda la protezione civile sarebbe auspicabile la preparazione di un piano programmatico ed organizzativo data la sua importanza negli interventi straordinari dovuti alle calamità naturali, alluvioni, nevicate e grandinate che si succedono sempre più spesso”.

 

Esclude una sua possibile candidatura alle prossime elezioni comunali?

“Anche a questa domanda preferirei rispondere fra qualche mese. Al momento non è una mia priorità, non ci ho pensato neanche per un attimo e credo che non sia il caso di pensarci. Voglio dedicarmi al lavoro a tempo pieno ed evitare qualsiasi distrazione. C’è tempo per decidere e valutare attentamente un’eventuale candidatura”.

 

Quali sono gli errori commessi dalla precedente giunta in generale e che secondo lei bisognerà evitare?

“Normalmente non amo molto decostruire o, come più spesso si fa, distruggere il lavoro degli altri. A maggior ragione in questi caso non mi sento di farlo per almeno due motivi. Innanzitutto credo non sia mio principale compito il giudizio sul passato, bensì la costruzione e il pensiero del presente e del futuro. In secondo luogo, se non condividessi almeno in generale la linea della giunta precedente non avrei forse neanche accettato l’incarico. Del resto ho già detto di Simone e L’Abbate. Per quanto riguarda Paolo Mazzone e Marilena Abbatepaolo credo che siano stati entrambi in grado di offrire alla cittadinanza iniziative di qualità e per questo sono orgoglioso di lavorare con loro”.  

 

Che effetto le fa la presenza di alcuni veterani come Lomelo, Colella, De Girardis? Ne sente il peso?

“L’effetto che fa ad ogni novizio il confronto con decenni di esperienza impersonificata, oserei definire questa sensazione un misto di fascino e terrore, curiosità e paura; tuttavia, oltre questo iniziale shock psicologico che paralizza e fa provare imbarazzo stagliandosi intorno come un recinto, c’è una gran voglia di apprendere, capire e andare avanti. Bisogna superare il recinto e approfittare dell’esperienza di cui i veterani dispongono”.

 

Non teme di fare la fine di Paolo L'Abbate?

“Quale fine? Credo che almeno per il momento il destino che mi aspetta, se così si può dire, sia peggiore del suo. Lui ha avuto tre anni per svolgere il suo ruolo; a me sono concessi solo diciotto mesi, se tutto va bene. Questo ruolo comporta l’essere sempre sotto la lente di ingrandimento, un continuo essere messi alla prova e l’importante è lavorare per la comunità”.

 

Le hanno già chiesto qualche favore da quando è assessore? O comunque alcune richieste le sono già pervenute?

“Certo. La gente ha bisogno sin dal primo momento di testare, mettere alla prova la disponibilità, la preparazione, la capacità delle figure politiche di essere vicine alla cittadinanza. Non bisogna mai dimenticare che il dovere di un politico è il bene comune e in questo momento per me si tratta di ascoltare e tentare di risolvere i problemi che mi vengono posti”.  

 

 

Commenti  

 
#8 Votantonio 2015-11-15 22:05
Novembre e terminato e mancano 17 mesi alla fine della passeggiata amministrativa.
 
 
#7 zappatrill 2015-11-13 20:56
MAGARI IL SINDACO SE NE ANDAVA A CASA X NATALE CI DOVEVA FARE IL MIGLIOR REGALO.
 
 
#6 trasparenza 2015-11-12 19:05
x programma di Natale almeno hanno fatto qualcosa tra pista di ghiaccio, piero pelù ecc. Viceversa i tuoi amici in tre anni hanno dato posti di lavoro a figli dei figli, parenti e affini.
 
 
#5 programma di natale 2015-11-12 11:17
In tre anni e mezzo di legislatura hanno invitato parenti di Fidel Castro,di Che Guevara,Piero Pelu probabilmente oltre alla pista di ghiaccio invieranno qualche altro comunistoide!
 
 
#4 Il filosofo. 2015-11-11 19:08
Intanto, dopo due settimane, caro ass.re, non è il caso di prendere qualche decisione che dia il segno di un qualsiasi cambiamento gestionale e comportamentale degli uffici e del personale di P.M., a cominciare da Comandante e vice, per finire a vigil/i/esse? In caso contrario e se continuerà a non far niente, avranno ragione quelli che pensano che a lei hanno dato uno stipendio per tirare avanti, mentre a loro serviva uno innocuo per garantire continuità con il passato!
 
 
#3 famolla 2015-11-11 17:47
terno secco bari, tutte e nazionale. vincita sicura!!!!
 
 
#2 arturo 2015-11-11 17:14
natale ??? ma se non sanno organizzare l'estate figuriamoci l'inverno......
 
 
#1 Cunctator 2015-11-11 16:04
bellissimo: " le hanno già chiesto qualche favore?" Certo!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI