Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Nuovo movimento politico InnovAttivo. Parla Domenico Pellegrini

Domenico Pellegrini 2

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese - edizione Polignano (uno dei 10 comuni del network)" nelle edicole da venerdì 16 ottobre.

 

 

"Il movimento e la presenza di mio padre in Amministrazione non sono incompatibili"

Parla Domenico Pellegrini, portavoce del nuovo Movimento InnovAttivo

 

Si spegne la polemica. Ci scrive uno dei componenti, Domenico Pellegrini


Spett.le Direttore,

Le chiedo di poter dare spazio sul suo giornale a questo mio intervento.

È noto a gran parte della cittadinanza che, insieme ad altri, abbiamo intrapreso un nuovo percorso di partecipazione alla vita pubblica, formando un movimento culturale-politico per il quale a breve avremo anche nome e sede.

Questa fase iniziale per noi richiede un grande impegno collettivo, per mettere a punto ogni aspetto, da quello organizzativo a quello programmatico. È una fase iniziale molto delicata, durante la quale possono nascere dei fraintendimenti nell’opinione pubblica come nell’informazione.

Vorrei, perciò, puntualizzare alcuni aspetti che caratterizzano il movimento e, in secondo luogo, la mia persona.

La nostra esperienza è nata intorno all’idea di un movimento, non di un partito, essendo lo scopo primario che ci siamo proposti quello di contribuire alla crescita della nostra comunità. Se i nostri contributi dovessero tradursi nella parola “politica” ciò dovrà avvenire nella considerazione più alta di questo termine. Ma questo è un aspetto che affronteremo al momento opportuno, perché non dobbiamo precorrere i tempi.

La gente dovrebbe immaginare questo nostro movimento come una struttura orizzontale, che non richiede né vuole cariche verticistiche, cariche che, nell’esperienza comune, finirebbero per creare privilegi e situazioni di egemonia dell’uno rispetto all’altro. Gli esempi intorno a noi non mancano.

Una struttura orizzontale, quindi, in cui non si avverte l’esigenza della presenza di un leader, in cui il movimento viene sempre identificato nella sua interezza e non in un nome. Mi sono accorto che talvolta c’è stato chi ha erroneamente associato in questo senso il movimento, definendolo “il movimento di …”. Non è assolutamente questo lo spirito che ci unisce, il singolo non deve contare più del gruppo, del quale, invece, ne deve essere portavoce e rappresentante.

Capisco che col passare del tempo all’esterno possa essere avvertita l’esigenza di dare in alcune circostanze un volto a questo movimento; ma al nostro interno rimane sempre fortemente radicata l’idea che solo un intento collettivo può costruire qualcosa di serio e duraturo.

Aver puntualizzato questo aspetto dovrebbe fugare ogni dubbio in chi volesse tendenziosamente ricondurre il movimento a una persona, snaturandolo dell’elemento costitutivo fondamentale.

Ritengo, inoltre, di dover fare una precisazione, a questo punto necessaria, che riguarda la mia sfera personale.

La mia presenza all’interno del nostro movimento è stata, spesso e frettolosamente, associata e ricondotta alla presenza di mio padre all’interno dell’amministrazione di questo paese, nelle vesti di Presidente del Consiglio, come se tra queste due presenze ci fosse una sorta di incompatibilità. Sono state libere analisi che rispetto come qualsiasi altra forma libera di pensiero. Tuttavia, mi preme sottolineare che tali analisi non tengono conto di alcune sostanziali diversità e del libero arbitrio che va rispettato per ognuno di noi.

Ritengo che sarei stato eccessivamente e ingiustamente penalizzato se la sola presenza di mio padre in amministrazione non mi consentisse di esprimere liberamente le mie volontà e i miei pensieri, anche in altri realtà associative e/o politiche. Le scelte politiche di mio padre, che rispetto come rispetterei quelle di chiunque altro, non possono essere di ostacolo per un percorso libero e senza vincoli che ho deciso di intraprendere all’interno del nostro movimento.

Qualsiasi pensiero dovessi esprimere in qualsiasi circostanza, non sarebbe a sostegno o in contrapposizione delle scelte di mio padre o più in generale di questa amministrazione, ma sarebbe solo a difesa degli interessi della nostra comunità e volto a dare un contributo costruttivo per la crescita del paese. È una precisazione che sento di dover fare molto chiaramente.

Anche il mio essere parte del Partito Democratico e al contempo di questo nostro movimento non vuol dire essere a priori contro questo stesso partito o contro l’amministrazione. A questo riguardo la cosa giusta sarà valutare con attenzione ogni fatto, ogni scelta. Un partito non lo vedo come un recinto chiuso dal quale viene impedito di uscirne per aderire anche ad altre esperienze.

Non sarebbe democrazia se no. Sono percorsi che vanno visti distinti, e lo sono ancor più se si considera un’ottica locale, dove, per la soluzione dei propri, problemi alla gente non interessa se appartieni a questo o a quel colore politico; un’ottica locale che spesso nei partiti manifesta quell’egemonia di cui parlavo all’inizio e da cui vogliamo stare lontani in questa nostra esperienza.

Ciò che conta, ciò che deve contare sono solamente le idee e gli uomini che le mettono in pratica.

Sicuro della Sua attenzione, la saluto cordialmente.

DOMENICO PELLEGRINI

Commenti  

 
#16 giuseppe b. 2015-10-27 14:49
spett.le direttore......................................................................................................................................................................................................................se il buon giorno si vede dal mattino.........................................
 
 
#15 Per commento 12 2015-10-25 16:10
Bravo....bel commento, fatti riconoscere senza palle
 
 
#14 belin 2015-10-25 12:43
ma quali sono stati le capacita' di tale lomelo? oltre a prendere una bella pensione per lui, politicamente è stato zero, vederlo ancora nel giro, è sconfortante
 
 
#13 furbetto/i! 2015-10-25 10:07
Pellegrini e company, non puoi e non potete prendere in giro una intera comunità fra accelerate e frenate improvvise: Se Papà serve, lo utilizzate per i vostri fini politici ed amministrativi oltre che elettorali -ultime regionali, finite male per voi-. Se crea imbarazzo, dubbi e domande fra gli elettori, visto che continua a reggere il gioco a vitto-colella-lomelo, fate finta di non essere d'accordo con lui e concionate di libertà di pensiero e d'azione! Pensate che gli elettori siano tutti stupidi e bisognosi di pratiche sindacali? Vi mettete a cincischiare di libertà fra voi e lui nelle sue vesti di presidente ben remunerato e consigliere C.le che zitto e silente approva tutto quel che gli viene chiesto di mettere all'ordine del giorno e di portare in aula. Non abbiamo ancora visto una vostra critica o consiglio verso quel che fa e continua a fare! Adesso, avete una buona occasione per dimostrare la vostra libertà di giudizio: il rimpasto della giunta. Con curiosità aspetteremo che diciate qualcosa circa quel che sta accadendo. Scusate il nostro pessimismo e la poca fiducia verso di voi. A pghgnen s dic: "rafanill fatt i facitv accate da ci non t/v canosc!".
 
 
#12 Igattttdprtacg 2015-10-24 23:54
Caro Domenico, diventerai credibile solo quando tuo padre tirerà fuori le palle e si dimetterà da quel ruolo di finto presidente del caxo.
 
 
#11 vai 2015-10-23 10:20
PROVATE FINO IN FONDO A SCONFIGGERE LA TRIADE VITTO-LOMELO-COLELLA SE SIETE CAPACI.....AHAHAHAH
DIFFICILE RIUSCIRCI CON LO STILE DI POLITICA DA LORO ESEGUITA.....E POI SONO PERSONE CHE HANNO TEMPO DA DEDICARE ALLA POLITICA X OGNI DETTAGLIO. QUASI UN PACCHETTO VOTI BLINDATO.... SI POSSONO TOGLIERE SOLO SE ISOLATI. IL CONSIGLIO è DI ANDARE AVANTI E RECUPERARE QUELLE PERSONE CHE NON VANNO A VOTARE E TORNARE A FARLE CREDERE IN QUALCOSA E QUALCUNO SCONFIGGENDO LE FALSE PROMESSE... MAGARI UN ALLEANZA CON I GRILLINI....TRA MOVIMENTI NON SI SA MAI..... VI VOTEREI
 
 
#10 bimbosveglio 2015-10-22 12:09
pure i gatti hanno capito che strada vuole percorrere.....e chi dietro lo sostiene.i movimenti devono essere fatti per uno scopo solo sociale e non di preparazione a una futura campagna elettorale. Chi fa politica la deve fare con dignità e serietà senza cambiare e voltare la bandiera. Porta vanti il movimento ma non presentarti a sindaco.,..rischi il flop politico...
 
 
#9 x aridatece il puzzo 2015-10-21 15:58
E si perché ci vuole la.la.simpatia per amministrare ora. Tenetevi quindi il fenomeno da baraccone
 
 
#8 UN LABBATE 2015-10-21 15:24
DA UN ALBERO DI MELE, PUO' NASCERE SOLAMENTE UNA ...MELA...DA UN MODESTO CHE STA LI'A FARE LO ZIMBELLO DI QUESTA MAGGIORANZA...IN TACITO SILENZIO...CI SI PUO' ATTENDERE SOLAMENTE...UN TACITO E ASSORDANTE ...SILENZIO...
 
 
#7 cipollino 2015-10-21 12:49
Una bella minestra riscaldata...gente in mano ai soliti burattinai...dinosauri alla ribalta!...se è questa la novità, stiamo freschi!Pellegrini giù la maschera e confessa le tue reali intenzioni,così facendo anche tu sarai da rottamare quanto prima!
 
 
#6 aridatece il puzzone 2015-10-21 12:23
avanza pellegrini, simpatico come una martellata sul mignolino. se questa è l'alternativa, tanto vale tenersi stretto vitto coi suoi congiuntivi e annesso linguaggio da bar
 
 
#5 forza domenico 2015-10-21 11:21
Ma perchè Polignano è un paese che non crescerà mai? invidiosi a bizzeffe....caro Domenico vai avanti, non ti scoraggiare!
 
 
#4 paolo elle 2015-10-21 08:07
Siamo ormai alla frutta..il democristianesimo ritorna sotto nuove forme.
 
 
#3 Ultimo 2015-10-20 20:24
Una vocazione ed una propensione familiare all' interesse per la "cosa pubblica". Polignano e i suoi cittadini non aspettano altro che un nuovo movimento, un nuovo volto e altri generosi quanto altruisti propositi. Tutto cambia perché nulla cambi... Fare del salubre volontariato a zero gettoni, aiutare qualcuno piuttosto che illuderne tanti conviene poco vero? Tutti in politica per far del bene al prossimo! I risultati poi di questi benefattori li vediamo tutti i giorni. Al paese serve ben altro!
 
 
#2 INDIETROTUTTA! 2015-10-20 18:38
Pellegrini!, sei stato costretto a fare una, se non precipitosa, alquanto svelta, ritrattazione e riposizionatura politica e programmatica! Altro che: "Cacciamo Vitto" del fiero fascista che ti sei scelto come camerata di viaggio. Le ambizioni vanno gestite meglio e con più cura.
 
 
#1 Condor 2015-10-20 18:21
Hanno voluto tastare la cittadinanza presentandosi come nuovo movimento, pellegrini inizia dalla base forma una lista e presentati alle elezioni come consigliere, e poi piano piano inizia a camminare fino a raggiungere il tuo vero Obiettivo il Leader.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI