Domenica 15 Settembre 2019
   
Text Size

Pericolo elettrodotto: il Comune di Polignano vince al Consiglio di Stato

elettrodotto polignano casamassima

ESCLUSIVO - LA VOCE DEL PAESE


Ora l'Enel sarà costretta ad individuare un altro sito

La scelta di ricorrere al Consiglio di Stato, contro la sentenza del TAR del maggio scorso, si è rivelta vincente.

 

Nel maggio 2015, il TAR (Tribunale Amministrativo Puglia) rigettava il ricorso presentato dal Comune di Polignano contro il Progetto dell’elettrodotto Enel “Albania-Italia”, i cui tralicci dovevano passare da Polignano, impattando fortemente su una delle zone a forte attrazione turistica tra San Vito e Cala Ponte, per collegarsi alla stazione terminale di Casamassima.

Tra mille polemiche, il Comune di Polignano (Ufficio Contenzioso, dott.sa Maria Centrone) d’accordo con l’Amministrazione Vitto, decideva di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR. Si parlava di strategia inutile e perdente. Invece, scopriamo ora che martedì 7 luglio 2015 il Consiglio di Stato ha dato ragione al Comune di Polignano e all’Amministrazione Vitto. Quindi ricorrere è stata una scelta vincente, che chiude per ora il capitolo più triste di una vicenda che perdura dal lontano 2009, da quando l'Amministrazione targata Bovino, con la sua nota inerzia, decise di non inviare neppure i pareri alla Regione Puglia.

L’avvocato difensore del Comune, Elio Pappalepore, ha comunicato la lieta novella: all'esito di una approfondita ed articolata discussione, il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza cautelare proposta contestualmente al ricorso in appello, sospendendo l'efficacia della sentenza di prime cure.

L’ordinanza del Consiglio di Stato che dà ragione al Comune di Polignano, è stata depositata mercoledì 8 luglio. Precisamente, il 7 luglio la Camera di Consiglio di Roma (Sesta Sezione) ha accolto l'istanza cautelare (Ricorso numero: 4708/2015), per effetto della quale ora viene sospesa l'esecutività della sentenza del Tar impugnata appunta dal Comune di Polignano. Così è stato deciso dal magistrato Giuseppe Severini (Presidente), e dai Consiglieri Maurizio Meschino, Roberto Giovagnoli, Gabriella De Michele, Maddalena Filippi.

Le memorie difensive del Comune hanno convinto i giudici. Inoltre, nell’ordinanza si possono comprendere le motivazioni che hanno spinto a tale decisione:

“Visti gli atti di costituzione in giudizio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, nonché del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Viste le memorie difensive (del Comune di Polignano); Visti tutti gli atti della causa; Vista la domanda di sospensione dell'efficacia della sentenza del Tribunale amministrativo regionale di reiezione del ricorso di primo grado, presentata in via incidentale dalla parte appellante; Rilevato che sulla medesima questione, in relazione ad altri Comuni, il T.A.R. Puglia ha disposto, a suo tempo, istruttoria al fine di acquisire ulteriore documentazione, fissando a breve la data per la discussione del merito, non ancora avvenuta; Ritenuta la sussistenza dei presupposti per l’accoglimento della presente istanza di sospensione in vista di una valutazione coerente ed unitaria dell’intera vicenda, anche in considerazione della necessità di un approfondimento in ordine all’individuazione dell’autorità competente a provvedere sulla VIA, tenuto conto della dimensione anche transfrontaliera dell’intervento complessivo; Ritenuti i presupposti di legge per dichiarare le spese della presente fase cautelare interamente compensate tra le parti…” “Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) accoglie l'istanza cautelare (Ricorso numero: 4708/2015) e, per l'effetto, sospende l'esecutività della sentenza impugnata”.


Che succede ora?

Intanto, sarà sospesa la sentenza del TAR. Inoltre, bisognerà individuare un altro sito dove far passare l’elettrodotto. Un sito che sia lontano da quel tratto di costa. Probabilmente sarà l’Enel stessa a convocare una specie di Conferenza di Servizi per individuare un sito alternativo, di concerto con il Comune di Polignano. 


* in basso, foto esclusiva di Nicola Teofilo che idnica il passaggio dell'elettrodotto che ora andrà ricollocato per effetto dell'ordinanza del Consiglio di Stato. 

elettrodotto polignano casamassima

 

LINK CORRELATI AL NOSTRO ARCHIVIO STORICO DAL 2009 A OGGI:

CLICCA QUI: IL BOTTA-RISPOSTA VITTO-M5S

2013: LA LETTERA DI LUCIA BRESCIA AL PRESIDENTE VENDOLA

2013: IL PASTICCO DEL CAVIDOTTO - IL COMUNE SAPEVA?

LA DENUNCIA DI FOCARELLI NEL 2010: IL COMUNE NON HA INVIATO PARERI ALLA REGIONE

LA QUESTIONE CAVIDOTTO NEL 2009

LA DENUNCIA DI GIALLUISI NEL 2010

I COMMENTI E LE ACCUSE ALL'EX ASSESSORE COLELLA

2010: LA REPLICA DELL'EX ASSESSORE RAFFAELE SCAGLIUSI

2010: LE POLEMICHE SUI PAESI LIMITROFI

IL DIBATTITO AL CONSIGLIO COMUNALE DI CASAMASSIMA

 

VEDI ANCHE: PERICOLO TRIVELLAZIONI - LO SCOOP CLAMOROSO DE LA VOCE DEL PAESE

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI