Martedì 19 Marzo 2019
   
Text Size

Fabio Leli (M5S): Informa giovani chiuso, elettrodotto inutile!

fabio leli candidato m5s

“L’onestà tornerà di moda” è il motto della campagna elettorale per le regionali del Movimento 5 Stelle. Uno fra i candidati più giovani della competizione è il 28enne barese Fabio Leli, già candidatosi al consiglio comunale di Bari nelle ultime amministrative. Laureato in Informazione e Sistemi Editoriali presso l’Università agli Studi di Bari, il giornalista freelance Fabio Leli è attivista del MoVimento 5 Stelle da ben cinque anni.

“Come giornalista e come attivista del MoVimento 5 Stelle – esordisce Fabio Leli – ritengo che la migliore presentazione per un candidato alla Regione Puglia siano i fatti, non le parole. Ho girato il territorio in cerca di sprechi e per denunciare situazioni che se dovessi essere eletto ho intenzione di risolvere insieme ai miei compagni. L’attivismo è di tutti, non ci sono individualismi nel MoVimento 5 Stelle, neanche in campagna elettorale”.

“Era il 2010 quando finalmente ho aperto gli occhi – afferma il candidato del Movimento 5 Stelle – e ho capito che per fare politica non bastano solo le parole ma serve armarsi di buone intenzioni. Fino ad oggi, abbiamo pensato che il politico fosse solo un lavoro ben retribuito, in realtà, come affermava Cicerone, fare politica è un privilegio e non un lavoro. Ecco perché nel MoVimento 5 Stelle, noi ci tagliamo lo stipendio ed abbiamo deciso di impegnarlo per il reddito di cittadinanza per chi non lavora e per il microcredito per i giovani, per le imprese in difficoltà e per i cittadini. Sono stato scelto dagli stessi attivisti perché nel MoVimento 5 Stelle non ci si candida, ma si viene candidati. Ho scelto il MoVimento 5 Stelle perché è l’unica forza politica che ha sempre detto quello che ha fatto e fatto quello che ha detto. La politica non è fatta di vane promesse in campagna elettorale ma di fatti concreti. E il MoVimento 5 Stelle agisce”.

Che cosa ha potuto constatare in questa campagna elettorale per le regionali?

“Assolutamente il fenomeno del voto di scambio, ho ricevuto moltissime segnalazioni di comitati elettorali utilizzati per assoldare ragazzi per fare volantinaggio, attacchinaggio e rappresentanti di lista a 30 euro con il proprio voto e quello della propria famiglia. Ho potuto constatare direttamente un giovane candidato del centrosinistra organizzare un evento a tema Garanzia Giovani dove però i partecipanti si presentavano con la tessera elettorale. Perché? A che serviva la tessera elettorale? Ci sarebbe molto altro da dire in realtà… solo che è in corso un’indagine e preferisco fermarmi qui. Naturalmente solo a parole perché, di fatto, continuerò a denunciare. Noi siamo per il voto libero, anzi liberato da quelle logiche che poi ci rendono schiavi. In caso vogliate denunciare segnalateci su  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ”.

Antonella Laricchia, candidata alla Presidenza della Regione Puglia, siederà probabilmente nei banchi del consiglio regionale per essersi candidata anche come consigliere nella lista di Bari. Ritiene che questo “stratagemma” possa danneggiare la vostra campagna elettorale, riducendo la possibilità degli altri candidati di essere eletti? Che cosa risponde alle polemiche sul caso?

“Innanzitutto la notizia è un po’ distorta perché Antonella si è candidata come consigliera regionale. Successivamente, seguendo il principio di democrazia che vige sovrano nel MoVimento 5 Stelle è stata scelta dalla base, che in questo caso sono tutti i candidati consiglieri regionali, me incluso, e candidata alla presidenza della Regione Puglia. Infatti, non dovrebbe fare scalpore la notizia che Antonella Laricchia sia candidata sia come presidente sia consigliere perché è una scelta democratica, ma dovrebbe fare scalpore che nelle altre coalizioni il presidente sia scelto non dai cittadini ma da gerarchie politiche. In questo modo che esempio di democrazia diamo?”

Perché i cittadini dovrebbero votare il MoVimento 5 Stelle e Fabio Leli al consiglio regionale?

“Perché ho sentito troppe volte le parole “sono tutti uguali” ma in realtà, ad onor del vero, mentre tutte le forze politiche hanno avuto l’opportunità di governare, ma in realtà non hanno fatto altro che impoverire il nostro territorio, il M5S non ha avuto l’occasione di dire la sua e di governare questa Regione. Che sia Fabio Leli o che sia un altro candidato non fa differenza. Se i cittadini giudicheranno il mio lavoro sul territorio concreto, vorrà dire che sarà corretto votare Fabio Leli. Parte del mio lavoro è raccolto in molte video-denunce che ho pubblicato sul mio profilo facebook, altrimenti ci sono altri 14 candidati da poter votare liberamente nella provincia di Bari agguerriti come me. Nel Movimento 5 Stelle ognuno vale uno. Le individualità le lasciamo alle altre coalizioni politiche”. 

Una promessa da mantenere a tutti i costi?

“Da buon attivista intendo sostenere Antonella Laricchia nell’attuazione del programma presentato per queste elezioni regionali, al fine di continuare ad essere l’unica forza politica che realizza quello che dice in campagna elettorale. Sono da sempre sensibile alle tematiche ambientali e sono un amante degli animali, ma se dovessi scegliere una promessa da mantenere a tutti i costi sceglierei di attuare e applicare il reddito di cittadinanza regionale che permetterebbe a tutti i disoccupati e alle famiglie in difficoltà di poter conseguire un reddito che andrà da circa 500 a circa 780 euro mensili per 3 anni, periodo in cui la Regione s’impegnerà a cercare un lavoro dignitoso e in linea con le attitudini dei cittadini pugliesi. Dicono che non ci sono i fondi? Io dico di no perché come fanno i nostri parlamentari da 2 anni, ci taglieremo lo stipendio per poterlo attuare. Chissà se lo farebbero anche le altre forze politiche… io non credo proprio, e voi?”

Che cosa ha potuto riscontrare nel Comune di Polignano a mare? 

“Una città turistica come Polignano senza un Informa giovani, progetto partorito dalla prima giunta regionale di centrosinistra insieme alle giunte locali di Conversano e Polignano (2004/2006). Uno spreco di denaro pubblico che avrebbe dovuto portare lavoro ai giovani nel campo turistico. Un asilo comunale costruito ma mai entrato in funzione per mancanza di fondi da parte dell'amministrazione comunale, una pista ciclabile costata più di un milione di euro e non ancora completata. Mi chiedo perché continuare a finanziare grandi opere che non danno lavoro alle imprese locali e che di fatto non si concludono neanche? Non sarebbe meglio investire meglio in opere più utili e contenute e far lavorare le imprese locali producendo lavoro ed efficenza?”.

“E per concludere parliamo di un elettrodotto che dall'Albania dovrebbe arrivare fino alla bellissima costa di Polignano a mare per giungere a Casamassima. In un primo momento l'opera è stata pensata per acquistare l'energia elettrica dall'Albania. Dal momento in cui ci si è resi conto che produciamo 3 volte il nostro fabbisogno, i nostri politicanti pur di non cancellare l'opera hanno addirittura pensato di vendere l'energia elettrica all'Albania. Così poco valgono le nostre coste? Perché il nostro territorio deve essere sempre deturpato dalle grandi opere che non portano mai posti di lavoro ma sprechi e scempi?”  

Commenti  

 
#10 31/05/15 2015-05-31 14:16
Oggi vedremo quanto vali. Se sei invisibile fai le valige, trovati un gommone e vai via.
 
 
#9 pop 2015-05-30 11:29
ieri sera il deputato locale 5* ha detto che dalla aratura e dalla potatura degli ulivi pugliesi si potevano far "uscire" circa
7 MILIONI DI GIORNATE DI LAVORO , da dar così lavoro ai disoccupati . NON HA DETTO CHI AVREBBE PAGATO PER QUESTE GIORNATE E RELATIVI CONTRIBUTI.
PARLAMENTARE LOCALE , non ha COMUNQUE capito che GLI ULIVETI VENGONO ABBANDONATI PERCHE' NON ECONOMICAMENTE SOSTENIBILI.
 
 
#8 X com 6 2015-05-30 07:49
E perché non rischiare come la maggior parte dei ragazzi che lo stipendio se lo sudano nelle campagne o magari investono a proprio rischio????? Forse perché a questo pupo piace vincere facile??? Vhe fateich
 
 
#7 opinione 2015-05-30 06:16
Guardate i siti di rutiglianoweb, casamassimaweb, putignanoweb è fatevi un'opinione.
 
 
#6 il mitico thor 2015-05-29 21:13
Ma lui come tutti che fanno e vorrebbero fare politica lo fanno per trovarsi un posto di lavoro.ma almeno i pentastellati si trattengono uno stipendio più o meno basico...
 
 
#5 opinione 2015-05-29 06:22
Sicuramente qualcuno ha fatto una scelta sbagliata nell'affidare la struttura. Ma vorrei ricordare che esistono leggi dello stato che devono essere rispettate per riavere il possesso della struttura. Faccio un esempio semplice: l'affittuario non paga il canone di locazione. Suono al citofono è lui libera l'immobile (magari), gli manco una lettera di cessazione del contratto ed è fatta (magari), cambio la serratura all'immobile (divento io il fuorilegge) ecc. ecc. Devo rivolgermi allo stato (LEGGE) per riavere la mia proprietà con un costo altissimo. Leggiamo Don Milani prima di tutto.
 
 
#4 Schiavo 2015-05-28 21:40
Perché non proponi più tosto che criticare????
 
 
#3 nonècosìchesicambia 2015-05-28 20:18
Se non sei di Polignano lascia perdere, hai solo detto nel video cose che ti sono state dette dai tuoi amici polignanesi, i quali non hanno eventualmente informazioni corrette. Hai toppato, è vero che l'informagiovani non ha mai funzionato, ma le ragioni sono complesse e diverse da quelle che dici tu, ci sono ragioni più grandi del semplice "il comune spreca soldi", questo tuo modo di fare è populismo. Ad ogni problematica diagnosticate subito il male come: sono tutti uguali, il comune spreca i soldi, pensano ai loro interessi.. ma molte volte ci sono problematiche burocratiche che rendono la vita impossibile agli amministratori, non è così semplice. Non è facendo video del genere che si cambiano le cose, ma ci si informa per bene, ci si documenta, e si prova a creare un dialogo con gli amministratori per fare la propria parte affinchè qualcosa migliori, e non solo osservare dall'esterno e criticare sempre, la gente è stufa anche di questo vostro comportamento sterile, poco costruttivo. Non è grazie al tuo video che ci siamo accorti della situazione dell'infogiovani, ce l'abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, quinndi..
E parlo da persona che in passato è stata vicino al movimento, quindi il dispiacere, non delusione, è doppio.
 
 
#2 vai a lavorare 2015-05-28 16:23
vai a lavorare
 
 
#1 Bocciato 2015-05-28 15:23
Fabio Leli, in merito agli eventi riscontrati su Polignano, devi sapere che dici solo fesserie. Quindi prima di fare l'inviato del cazzo almeno informati bene. Quindi al posto di fare il politico, vista la tenera età, trovati un lavoro
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI