Lunedì 25 Marzo 2019
   
Text Size

"Palafitte" di cemento e lussuose ville a mare

porto cavallo polignano

Editoriale de "La Voce del Paese - ediz. Polignano", nelle edicole da venerdì 19 dicembre.

 

Via San Vito e Porto Cavallo

Quel cemento che grida ancora vendetta 

 

Un post su Facebook di Giovanni Pedote ha riaperto vecchie ferite, che lacerano l’animo e la dignità dei polignanesi. Giope ha pubblicato una foto che ritrae i “muri” della vergogna lungo la spiaggia di Porto Cavallo, una delle poche insenature sabbiose e miste di Polignano. Muri anche lungo tutta via San Vito, dove negli anni ’70, come arraffoni - professioni, raccomandati, politici, personaggi influenti e costruttori, forti delle vacatio legis e della gestione clientelare del mattone - confinarono la costa, fino alla battigia, cancellando la costa dallo spazio e dalla vista, come se il mare e la costa fossero una proprietà privata da conquistare. Come se il mare fosse solo un privilegio di pochi, ricchi e potenti (lo scempio a Grottone è inqualificabile!). 

Il post di Giope ha alimentato una cascata di commenti, a dimostrazione di quanto pesino quei macigni di cemento. Gialluisi torna a chiede l’agognato Convegno per il Parco Costiero. Intanto, non condivido l’atteggiamento pilatesco di Eugenio Scagliusi, che sibillino commenta invitando a rivolgere uno sguardo più in là, girando inevitabilmente la vista, dimenticando complici pigrizie delle passate amministrazioni: “Ops...veramente quelle sono ville che risalgono agli anni '70. Più avanti, guarda un po' più avanti...” – mi suggerisce l’avvocato-consigliere. Come se una legge sbagliata o un modus operandi scarsamente lungimirante per il benessere futuro, giustificassero gli orrori del passato.

Sorprende invece la sensibilità della consigliera di maggioranza Tina Lofano che invoca le ruspe: “Quello è abusivismo edilizio che meriterebbe interventi di ruspe...”. La pediatra in effetti non ha tutti i torti. Caro avvocato Scagliusi, nel 2012, Melendugno, stellare località turistico-balneare del Salento, è stata premiata con bandiere blu e vele di tutti i colori per aver bonificato la costa dagli abusi edilizi che in passato erano consentiti. Anziché sanare, Melendugno ha avuto il coraggio di voltare pagina, seriamente, con le ruspe o con le buone, trattando in molti casi con i proprietari predoni del mare e della costa. All’antico cemento, Melendugno ha scelto alberghi e strutture ricettive, dimostrando che agli abusi e alle leggi assurde del passato, è possibile porre rimedio. Dalle ceneri di Melendugno, risorge oggi una nuova Araba Fenice.

Purtroppo, nella storia polignanese, mentre vassalli e valvassori si gestivano il proprio feudo (la costa sopra cui erigere dorate e lussuose residenze estive), gli schiavi liberti dell’Impero “carolingio” polignanese coltivavano la terra, tacendo sotto ricatto o umile compenso. Gli amministratori del passato, anche recente, complici e servitori, non hanno mai investito in programmi lungimiranti, che consentissero uno sviluppo economico e culturale del paese.

Il mancato allargamento-spostamento della statale 16 a monte, gli alberghi al posto delle colate del cemento, il depuratore a mare, la fabbrica del ghiaccio e la “punta perotti” di Grottone, sono solo alcuni degli eco-mostri della nostra bella Polignano. Nulla hanno fatto i politici e gli amministratori del passato e quelli precedenti all’attuale amministrazione, per seguire l’esempio di Melendugno o per investire nel nostro futuro. Gran parte di essi, siedono ancora su quelle poltrone e moralizzano dai giornali e dall’opposizione. Speriamo tanto che “Parco dei Trulli” non sia una nuova Neapolis.

Commenti  

 
#24 onda 2014-12-31 17:57
Informazione giusta, ma non si muove niente lo stesso
 
 
#23 settan 2014-12-31 09:39
perchè non rendiamo tutte le stradine verso mare di san vito chiuse con cancelli di uso pubblico, cosi si potrà andare a mare piu0 tranquillamente ci vuole solo coraggio ,
 
 
#22 Informiamo. 2014-12-30 20:31
In anni recentissimi, fino a prima di essere eletto in parlamento, a grottone veniva a nuotare, anche, un dei due deputati. Peccato, che a tutt'oggi, non risulti abbia fatto una iniziativa e/o richiesta al ministro competente! Parodiando un personaggio di un noto film sulla Roma Papalina/clericale: "Io so io e voi nun siete un cazzo".
 
 
#21 mr. Polignano 2014-12-30 16:51
MA DICO è mai possibile che io da bambino,,bambino sono sempre andato al mare a Grottone.
E ricordo, come se fossi ieri quel fabbricato fatiscente, e con lui anche l'indimenticabile Carlino.
Oggi la beffa,
sia il fabbricato divenuto Ristorante, con tutta l'area di pertinenza.....inclusa la mia scalinata è divenuta una proprietà privata, con annesso divieto di scendere la mia scalinata.
AUTORITA' COMPETENTI,ASSIDUI FREQUENTATORI negli anni passatiiiii...del lido Grottone.
non vi sentite arrabbiatiiii....di tale abuso
.
 
 
#20 Grottone 2014-12-30 10:20
E già!! L'appropiarsi della scalinata di grottone con il suo bel panorama.....fess jè?
 
 
#19 pop 2014-12-30 08:47
obbiettivamente è una
analisi ben fatta
 
 
#18 Obiettivamente! 2014-12-29 16:05
X pop e tanti altri, che, illudendosi!, credono di aver ben individuato i soli responsabili del decadimento e dello sfascio politico ed istituzionale del paese. Ricordatevi, "penna bianca e/o rischiatutto" è uno dei responsabili delle tante colate di cemento e brutture estetiche disseminate per ogni dove! Però, va detto, ve ne sono tanti altri, in tutti i settori politici, economici e sociali! Rischiatutto, fra gli altri, fu graziato e condonato dai ragazzi del circolo F. Lorusso, grazie al duo delle rivoluzioni annunciate e tradite. Per il tramite ed il merito della Bea, Lattanziana doc, che li portò, come grazioso dono omaggio, nella giunta del Sindaco Putignano! I due, con celerità, lasciarono, ad abbaiare alla luna, il terzo furente polemista, che ancora abbaia e si illude di difendere costa e territori, e grazie ai loro furbeschi modi di fare si sono tutelati e ben piazzati! Il primo, con una pensione d'oro, il secondo con un incarico ben retribuito e di lunga e partitocratica durata! Ovviamente, date le loro incombenze personali, si sono ben presto dimenticati e/o se la ridono dei bisogni dei ceti popolari e degli ultimi!
 
 
#17 u pandor 2014-12-29 15:40
x il 7, prenditi subito il Malox tre volte al giorno , poi vai a leggerti le carte, sempre se sei all'altezza....
 
 
#16 pop 2014-12-29 09:37
2 persone hanno rovinato polignano
baffone e penna bianca
 
 
#15 onda 2014-12-28 19:46
ggs non hanno la capacità di intervenire sulla scalinata di grottone,bene pubblico che ci ridicolizza grazie a qualcuno che non si sa
 
 
#14 dopo la neve 2014-12-27 17:46
Dopo le ville "nel mare" di porto cavallo mi ricordo del mostro di Grottone (fà ancora schifo), poi il palazzo nella lama di s. oronzo, .... e adesso un fungo davanti alla stazione della ferrovia. Sempre lo stesso signore dai capelli sempre più bianchi.....
Vitto perchè dormi! Quando si squaglia la neve ....
 
 
#13 troppo tardi? 2014-12-27 09:00
Non è mai troppo tardi per le ruspe, credetemi si può fare dipende dalla nostra volontà e della volontà degli amministratori.
 
 
#12 Mappamondo web 2014-12-26 15:17
Vedete su google Earth sulla zona di porto cavallo e porta contessa tra il 2004 e il 2011 le nuove costruzioni che hanno fatto . Meditiamo gente , l'occhio del cielo ci osserva ;-) :cry: :o :P
 
 
#11 EX SINISTRO-IDE 2014-12-26 12:49
DOPO LA GRANDE MURAGLIA A POLIGNANO C'è LA PICCOLA MURAGLIA COMPLIMENTI
 
 
#10 belin 2014-12-26 12:26
infatti tutti scarichi a mare, perchè non obbligate con la messa in funzione della fogna ...chissa' quando...tutte le ville a san vito ad attaccarsi anche se hanno altre soluzioni? non vedo mai camion dello spurgo o se passano vedo che si fermano 2 minuti giusto il tempo di firmare bollettini..
 
 
#9 E ci è, la melma 2014-12-25 16:08
Controllate gli scarichi fognari di tutte le case sulla costa e sequestrate quelle non a norma. Sarebbe un inizio. Nuotiamo nella meLMa.
 
 
#8 G.G.S. 2014-12-24 14:18
X "gozzo portocavallo", essendo anonimo e difficile saperne di più e chiaramente delle cose da te scritte. Quindi? A proposito del mio primo commento, fatto anche su fb, e le mie richieste esplicite inviate a chi rappresenta le istituzioni locali, tutti possono constatare il loro, e di tutti gli eletti e nominati, imbarazzante silenzio! La miglior dimostrazione per evidenziare che loro "giocano alle verbali contrapposizioni a seconda delle posizioni che occupano"! Vale per il centro-destra, ma ancor di più ed è ancor più grave, per i verdi, sel e l'intero centro-sinistra! A parole -verba volant- tutti difensori della costa e dei diritti di tutti di accedervi e civilmente utilizzarla, nei fatti -scripta manent- continuano scientemente ad ignorare la richiesta di finanziare uno studio serio ed approfondito per il parco costiero!
 
 
#7 u panttoun 2014-12-23 20:35
Ma voi vi siete accorti di quella porcheria davanti al comune prima della stazione ferroviaria? Ma quello schifo chi lo ha visto mai. Dicono che la non si poteva costruire. Soliti furbi???? La mattina andando a bari mi viene il dolore di stomaco.
 
 
#6 gozzo portocavallo 2014-12-23 19:54
g.g.s., e.scagluisi era interessato a farmi sequestrare il mio gozzo ormeggiato in una insenatura guarda caso dava fastidio ad uno dei proprietari del muraglione con annesso scivolo......
vorrei segnalare un'altra cosa dove stanno costruendo il nuovo albero hanno interrato una grotta bella grande con mangiatoie ed altro se a qualcuno interessa per un esposto alle autorità competenti mi può contattare e vi porto direttamente sul posto...
 
 
#5 i belli 2014-12-23 08:46
ma poveri si accontentano di stare all'aricone" o alla "marisciana" di quei muri indecenti :sad:
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI