Giovedì 20 Giugno 2019
   
Text Size

Si è insediata la Città Metropolitana - VIDEO - Decaro: "Primo Consiglio a Poggiorsini"

giuseppe valenzano domenico vitto maurodinoia

IN BASSO IL VIDEO A CURA DELLA NOSTRA REDAZIONE, INVITATA ALLA CERIMONIA UFFICIALE DI INSEDIAMENTO.

IL PRIMO VAGITO DELLA CITTÀ METROPOLITANA

 

14 ottobre 2014, ore 19, Palazzo della ex Provincia di Bari. Si è insediato il primo Consiglio Metropolitano di Bari della storia. Qualcuno azzarda: "Saremo sui libri di storia, perché questo è il primo Consiglio Metropolitano".

Il presidente della provincia Schittulli cede la poltrona al sindaco di Bari, Antonio Decaro, che sarà presidente del Consiglio Metropolitano. Durante la serata sono stati nominati gli eletti e si è insediato ufficialmente il nuovo organo.

Dopo uno scambio di battute ironiche con Schittulli sui volti dei presidenti dipinti nella sala, tra i quali figurerà anche il suo, il primo cittadino di Bari ha annunciato: "Il primo Consiglio Metropolitano si riunirà a Poggiorsini, nel comune più lontano della Provincia di Bari, per far sentire la nostra vicinanza", perché queste elezioni non sono state decise dal popolo. Quindi bisogna riavvicinare la periferia al centro.

CLICCA IN BASSO - VIDEO ESCLUSIVO DELLA CERIMONIA A CURA DE "LA VOCE DEL PAESE":

SE IL VIDEO NON SI APRE, CLICCA QUI

 

Particolari e approfondimenti sul prossimo numero de "La Voce del Paese", nelle edicole delle singole edizioni dei paesi di Rutigliano, Polignano, Putignano, Turi, Noicattaro, Gioia del Colle, Cassano, Casamassima, Acquaviva, Santeramo.

consiglio metropolitano di bari eletti vitto maurodinoia valenzano decaro schittulli

Commenti  

 
#7 x provinciale 2014-10-22 11:56
caro simpatizzante dipendente della Provincia vediamo che hai il nervo scoperto sui concorsi .... Allora spiega tutto alla gente di Polignano come ti trovi lì. Per le faccende di Polignano a parte il comizio farsa di Vitto dell'aprile 2012 per tutte le promesse-bugie a noi non risulta che Vitto ha bloccato i concorsi quindi erano regolari anche se a te fà comodo parlare di parenti o amici. A proposito indoviniamo noi il tuo amico n.1?
 
 
#6 Scandaloso 2014-10-19 18:16
Vi permettete di parlare in modo positivo di ciò che ha combinatoVitto da assessore provinciale? Speriamo(tempo ci vorrà)e lo scandalo ci sarà Zittite su parentopoli che i fatti vostri li sappiamo anche NOI
 
 
#5 trasparenza 2014-10-17 08:15
x commento: incominciate a fare vedere la vostra trasparenza quando stavate al governo. Poi un consiglio non parlate di concorsi altrimenti devo parlare di tutti quelli che sono entrati al comune nel periodo dei vostri cinque anni.
Che dite facciamo i nomi come volete.
 
 
#4 carino 2014-10-17 06:23
CHE CULO ...IL SINDACO DI BARI E' RIUSCITO A FAR ELEGGERE ...IL RAG.VITTO CHE HA DEI NUMERI ,FACENDO UN PARAGONE CALCISTICO....E' PARAGONABILE SOLAMENTE...."LIONEL MESSI"...SECONDO ME, TEMPO DUE ANNI GRAZIE A VITTO DIVENTA .."PRESIDENTE DEL CONSIGLIO" AMEN.
 
 
#3 x commento 1 2014-10-16 17:38
Non abbiamo visto mai in questi anni la trasparenza che forse ha fatto avere giovamento a te che l'hai avuto la fortuna di poterla vedere. Fortunato o altro? Noi stiamo ancora aspettando la trasparenza dei concorsi. Ad aprile del 2012 stavamo sotto il palco in piazza a sentire il comizio del tuo amico di centro sinistra. Ce ne mettiamo di onore. Taciamo almeno una volta per sempre.
 
 
#2 La sedia 2014-10-16 09:40
Probabilmente in Provincia c'è chi è stato seduto molto e chi molto meno.Vedi l'abolizione delle Provincie. Il riscaldamento delle sedie deriva principalmente dalla circonferenza e dalla carica; è noto che gli assessori riscaldano molto di più. Ci sono poi coloro che diventano dipendenti (della Provincia in questo caso) che scaldano sedie ... e chissà a quale titolo. Alla prossima mister trasparenza!
 
 
#1 trasparenza 2014-10-15 13:12
Domenico continua quello che hai lasciato quando facevi l'assessore Provinciale.
Viceversa altri di centro destra stavano solo a riscaldare le sedie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI