Bovino alla maggioranza: "BRICCONI !". Show e comizio dell'ex sindaco [AUDIO]

aulenta angelo bovino eugenio scagliusi lucia brescia maria centrone nico vitto

8 ore di Consiglio: approvato il Bilancio

Bovino show: "Siete bricconi !"

Parte il comizio dell'ex sindaco che rimette il dito nella piaga della "Parentopoli"

Salvatore: "Bovino vuole ancora candidarsi a sindaco"


IN BASSO, A FINE ARTICOLO, AUDIO-VIDEO ESCLUSIVO

 

 

Otto ore di consiglio comunale fiume: il bilancio di previsione 2014 è passato pomeriggio, 30 settembre, con il sostegno della maggioranza (tranne Gianpiero Mancini e Angelo Focarelli, ques'ultimo assente per tutta la seduta) e con l’opposizione che abbandona l’aula al momento del voto.

Durante le dichiarazioni di voto non sono passati inosservati i lunghi interventi dell’ex sindaco Angelo Bovino (consigliere di minoranza), mai interrotti dal presidente del Consiglio Modesto Pellegrini. Interventi di propaganda politica. Veri e propri comizi incentrati non sugli argomenti in agenda, ma sulla sua precedente amministrazione e sui suoi presunti successi e insuccessi degli altri. A dimostrazione che l’ex primo cittadino non è affatto intenzionato ad abbandonare l’ipotesi di un suo ritorno alla carica di sindaco.  

Abbiamo scelto alcune dichiarazioni chiave di questo profluvio senza fine (clicca tasto play, audio in basso).

Ecco alcuni passaggi in cui Bovino ha dato del “bricconi” e “bricconcelli” ai consiglieri della maggioranza, citando il caso del Piano Coste e rimettendo il dito nella piaga delle Assunzioni di amici e parenti inscenate nel corso della sua amministrazione, e che gridano ancora oggi vendetta! Bovino difende quella "Parentopoli" (duramente denunciata anche da opinionisti che oggi, stranamente, lo sostengono).

Notate l’intercalare e traete voi stessi le conclusioni:

“Ho fatto una marea di sacrifici per farmi sindaco… rinunciando anche al lavoro del mio studio tecnico...”.

“Se il sindaco Bovino non avesse fatto le assunzioni e se voi non “avevate” (!) fatto i bricconi sulla questione assunzioni all’ufficio tributi, oggi “avevamo” (!) quattro ragazzi in più a lavorare, l’ufficio era coperto e dovevamo prendere più soldi dai furbi che non pagano le tasse…”.

Questo e tanto altro ascolterete in esclusiva nella finestra audio e video in basso. Ulteriori dettagli e approfondimenti nel prossimo numero de “La Voce del Paese”, in edicola venerdì 3 ottobre.


E poi, a fine consiglio, Bovino va di corsa al bar, assieme ad alcuni amici dell’opposizione, anche quelli assenti in aula, a distribuire veline e dettare linee…

QUI IN BASSO L'AUDIO - VIDEO DEL "COMIZIO" DI BOVINO. SE NON SI APRE, CLICCA QUI