Sabato 23 Marzo 2019
   
Text Size

Più trasparenza su edilizia e su Parco dei Trulli

Giuseppe L'Abbate e Emanuele Scagliusi con Beppe Grillo




Il M5S chiede più trasparenza nell’edilizia e nella pianificazione “spartizione” del territorio

“Parco dei Trulli avvenga alla luce del sole” 

 

Per evitare che i costruttori tirino per la giacca gli amministratori comunali, gli Attivisti 5 Stelle di Polignano chiedono trasparenza e coinvolgimento dei cittadini nelle decisioni da intraprendere. Ne vale del futuro economico di Polignano

 

Gli Andidero, attraverso una missiva indirizzata al Sindaco Vitto, sollecitano l’approvazione in consiglio comunale della delibera regionale su “Parco dei Trulli”. Una questione che risale all’Accordo di Programma del 2000, oramai decaduto, torna di attualità dopo le prescrizioni della Regione Puglia che ne ridimensionano la volumetria. Adesso la questione torna all’Amministrazione Comunale, chiamata a determinarne le sorti. Di recente, la stessa Amministrazione, rende nota la discussione di maggioranza in corso ed i proponenti dell’opera non perdono occasione per sollecitare l’amministrazione attraverso la stampa. Fino ad oggi, il Sindaco non si è mai espresso chiaramente sulla situazione. Chiara, invece, è la posizione espressa dal Movimento 5 Stelle da almeno un paio di anni: ovvero da quel 5 agosto 2012, quando portarono la discussione su Parco dei Trulli in Piazza Moro con un’agorà.

Non possiamo che ricordare al Sindaco Vitto ed all’Amministrazione che la questione va affrontata solamente dopo aver elaborato una chiara ed efficace pianificazione urbanistica e turistica, che permetta a Polignano uno sviluppo adeguato e sostenibile nei prossimi annidichiarano gli Attivisti M5S Questioni delicate e cruciali come queste non vanno discusse nelle segrete stanze, ma alla luce del sole e sotto gli occhi di tutti. Qui, infatti, non si tratta di una semplice ratifica della delibera regionale, ma di un atto politico di cui l’Amministrazione deve farsi carico, assumendosi la responsabilità di bocciare questo accordo di programma risalente a più di 15 anni fa.

Le piogge di portata eccezionale di questi giornicontinuano i 5 Stelleci ricordano come da una inadeguata pianificazione territoriale, dai restringimenti del flusso delle acque lungo il corso delle lame e la continua impermeabilizzazione dei suoli (dovuta ad asfalto e cemento) creano rischi idrogeologici anche in zone come Polignano che potevano ritenersi fino a qualche tempo fa relativamente sicure. Chiediamo nuovamente all’Amministrazione di coinvolgere i cittadini di Polignano e dei comuni limitrofi così come stabilito dalla legge regionale n. 21 del 2008 e di evitare di farsi tirare per le giacchetta da i soliti portatori di interessi, evitando di usare due pesi e due misure in tema di concessioni edilizie. Riproponiamo le stesse domande già poste agli amministratori ma che non hanno ancora ricevuto risposta: perché per l’edificazione di queste strutture non si utilizzano le aree già previste dal PRG senza varianti “ad hoc”? Perché non si chiede il parere ai cittadini, quando si pianificano opere a forte impatto ambientale, urbanistico ed economico? Dove sono il PUG e il piano delle coste? Qual è la visione del Sindaco sulla questione, visto che in questi anni non si è mai espresso in merito, tranne nel 2010 quando era all’opposizione?

Ricordiamo, infine, con una celebre citazioneconcludono gli Attivisti M5Sche la Terra su cui viviamo non l’abbiamo ereditata dai nostri padri, l’abbiamo presa in prestito dai nostri figli. Pensiamo sia importante evitare la costruzione di megastrutture che mal si integrerebbero nel paesaggio e che possano finanche condizionare le potenzialità inespresse del territorio in termini di sostenibilità ambientale e turismo”.

Commenti  

 
#3 luigi laselva 2014-11-29 16:05
forza M.5 S famo vede a questi cialtroni cosa siamo capace di fare noi M5S.
 
 
#2 Jerry Lewis 2014-06-25 14:03
il mio ricordo di beppe grillo non è legato ad attivismo politico alcuno ma per 40 anni ha fatto il comico...ora mi chiedo : come può un comico diventare una stratega della politica nel giro di 5 anni ? semplice, soggiogando la gente con l'esperienza da comico ! " ma mi faccia il piacere !"direbbe un tale!
 
 
#1 m. 2014-06-25 09:27
Stamane ho letto la Gazzetta Ufficiale,abbastanza soddisfatta....per i nostrani avv. :Ricordate l' art. 136 n.2 del DPR 30/05/2002 n.115???????? L'avv. Designato avra` il DOVERE di esaminare la pratica in modo anche piu` approfondito del normale,tenendo conto della sua specifica funzione e del fatto che il suo lavoro verra` retrivuito con denaro pubblico...a buon intenditore...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI