Sabato 15 Giugno 2019
   
Text Size

Rivelazione: Bovino voleva sfilare la poltrona a Resta

bovino raffaele fitto magistà polignano - Copia

ESCLUSIVO La Voce del Paese

 

Con eleganza e destrezza. L’ex sindaco di Polignano, Angelo Bovino, consigliere provinciale di maggioranza, in quota “La Puglia prima di Tutto” (PPDT), voleva sfilare la poltrona all’ex assessore provinciale e ex sindaco di Turi, Onofrio Resta (anche lui PPDT). Ma gli è andata male... o poco bene.

A rivelarlo è lo stesso Resta durante una conferenza stampa tenutasi dal leader pugliese di PPDT, Tato Greco, giovedì 2 gennaio 2014, al caffè Riviera di Bari, luogo di ritrovo dei maggiori esponenti della Provincia di Bari, che sarà commissariata tra quattro mesi, allo scadere del mandato del presidente Schittulli.

Quando a metà dicembre 2013 Resta è stato costretto a rassegnare le dimissioni da sindaco di Turi, sotto il fuoco “amico” del PdL e di Michele Boccardi (ora Forza Italia), il professore turese mise sul piatto le proprie dimissioni anche da assessore provincial, per evitare rappresaglie e ritorsioni sia a livello locale che provinciale, da parte del PdL. Tuttavia Schittulli preferì congelare la decisione di Resta. Di conseguenza, il 16 dicembre Angelo Bovino e Claudio De Leonardis (i due consiglieri provinciali PPDT) inviarono una richiesta di verifica.

bovino raffaele fitto magistà polignano - Copia

“Qualcuno - rivela Resta - ha voluto sfruttare la debolezza di un collega consigliere provinciale che credeva di potermi sostituire...". Così, a nostra precisa domanda, Resta ha così spiegato: "Il collega è Bovino. Sì, è stato stato un debole... inconsciamente si aspettava di poter ottenere l’Assessorato, invece si è solo prestato ai giochi e alle interferenze del Pdl e di Forza Italia (di Fitto, ndr), intenti a promuovere una campagna acquisti, secondo la vecchia e becera logica delle casacche, da Prima Repubblica. Bovino poteva uscirsene meglio da questa storia...”.

In effetti Bovino non ha ottenuto la poltrona desiderata, assegnata da Schittulli il 30 dicembre a Franco Albore, guarda caso a uomo per tutte le stagioni, già assessore di Michele Emiliano e del centro-sinistra. Tato Greco e Resta, invece, volevano che quell’Assessorato spettasse alla PPDT, Bovino compreso. Scelta che confermerebbe la logica della campagna acquisti in atto.

Cosa ci ha guadagnato Bovino? Forse un posto in prima fila in Forza Italia? L’ex sindaco di Polignano, ancora oggi leader dell’opposizione locale, avrebbe cambiato casacca. Alla fine del 2013 è apparso in conferenza stampa con sullo sfondo il tricolore di Forza Italia. Della sua appartenenza alla PPDT si sono perse le tracce da diverso tempo. Così vuole il suo amico Fitto, lo stesso fondatore e oggi padre putativo della lista arancione, lealista e fedele a Silvio.

 

* foto di Nicola Teofilo. (Bovino, Fitto e... gli altri. Dall'archivio 2011 de La Voce del Paese)

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO SULLA CONFERENZA SU TURIWEB.IT

2011: clicca qui - QUANDO AGLI ALTRI ASPIRANTI SINDACI BOVINO COSì PREDICAVA: "VOGLIONO CANDIDARSI? SONO UMANE DEBOLEZZE..."

Commenti  

 
#10 x nicola teofilo 2014-01-10 18:58
L'ass. Onofrio Resta si è fatto cacciare sia da sindaco a Turi che da assessore alla Provincia. Provasse a chiedersi perchè ?
Individualista ? Pessimo carattere ? Innammorato del Nuovo Centro-Destra ?
I bene informati (da Schittulli?) parlano di tante assenze e quindi di fine annunciata. CHI MAL SI GOVERNA SPESSO SI DUOLE.
 
 
#9 x onest 2014-01-10 18:50
L'ombra di Bovino ossessiona le notti insonni di Vitto e Salvatore.
Noi poveri cittadini piccoli piccoli quale speranza...
Tanti raccomandati sistemati o accontentati (clientelismo di 1^ repubblica)altro che giustizia Vitto ...

Non ci resta che piangere.
E poi speriamo che non ci portano a PEPERNEL che tanti guai ci fece alla
democrazia: vero senatore di Noci?
 
 
#8 x il divin Bove 2014-01-10 14:01
La TRANSUMANZA possiamo identificarla come la molteplice ed ondivaga andatura di un certo onorevole barese che si è cucito il proprio credo politico su misura per la propria ripetuta elezione ... A Polignano il suo rappresentante oggi domina la scena di palazzo ! seguendo lo stesso percorso da diversi lustri: la TRANSUMANZA. Bovino è un grande come persona, come professionista e come amministratore.
Il resto mi sà MOLTO DI POCHEZZA oggi ... e di molto fumo e poco arrosto per noi del popolo.
 
 
#7 Orchestra 2014-01-09 21:34
Belin,nel caso in cui soffrissi di vuoti di memoria, ha fatto grandi opere e te ne elenco alcune...museo Pino Pascali,piazza Mazzini,piazza Trinita,lo splendido lungomare dove tutti andate a correre,l'asilo nido che a breve vedremo realizzare...ah dimenticavo e ci ha salvati dal disastro della Tri.com...e tanto altro ancora,lavorando a Palazzo di Citta e non nei bar!Ciao a tutti
 
 
#6 Il divin BOVE 2014-01-05 19:00
Il solito stile di Bovino, fare le scarpe a tutti. quando meno te lo aspetti...MA NON LO VUOLE PIÙ NESSUNO, continuasse nella sua TRANSUMANZA
 
 
#5 belin 2014-01-05 11:56
ha fat vecch
 
 
#4 lettore 2014-01-04 20:57
Fedele di Silvio come Dudù!
 
 
#3 Vai a casa 2014-01-04 14:58
Caro Resta, questa te la potevi risparmiare.
 
 
#2 Cittadinanza attiva 2014-01-04 11:25
Da questo punto di vista Vitto (Sindaco di Polignano, per chi non lo sapesse) è fortunato, decisamente. Spero solo, non si convinca che sia sufficiente fortuna e piccole operazioni di cabotaggio a farlo star tranquillo. Nel giro di poco si potrebbe trovare scavalcato e messo in difficoltà da chiunque. Lui, eletto con tanta ansia di liberazione, pensiero di una gran parte di paese!, sta deludendo più o meno tutti. Se potessi consigliarlo gli direi: recupera le parole d'ordine, la gioia e la voglia di cambiare di tanti sostenitori GENEROSAMENTE IMPEGNATI nella campagna elettorale (sostituisci alcuni Ass.ri della tua Giunta e tu sai di chi puoi farne a meno) e rilancia alla grande! Riuscirà a far fermare pessimismo e rassegnazione nel paese? Non lo so? Ma, almeno ci avrà provato.
 
 
#1 onest 2014-01-04 10:25
Il solito Bovino.....ti devi ritirare.....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI