SuperMario se ne va, anzi no. Bilancio all'Abbatepaolo

focarelli mario mazzone mancini cantatore lomelo polignano

SuperMario Mazzone rinuncia a una delega, ma non a tutte. Il bilancio va a Marilena Abbatepaolo. Tensioni nel Pd. Focarelli resta in silenzio, a guardare. Che faranno i dissidenti? Sono tornati all'ovile?

 


Aggiornamento ore 12:00 del 1 ottobre 2013 - Proprio come vi avevamo anticipato su “La Voce del Paese”, in edicola due settimane fa. Niente di nuovo: il consigliere del Partito Democratico, Mario Mazzone (uno dei dissidenti in bilico) ha rinunciato alla delega al bilancio, finanza e tributi. Il sindaco Vitto, nella riunione tenutasi ieri sera (vedi aggiornamento su polignanoweb e commenti in basso, a fine articolo) ha accettato la rinuncia.

La vera novità è che Mazzone, Super Mario, a dispetto delle previsioni, trattiene le deleghe al Patrimonio e Demanio. Dunque, Mazzone segue una strategia diversa rispetto al passato, quando per esempio l’ex presidente del consiglio, Onofrio Torres, prendendo le distanze dal sindaco Bovino, consegnò tutte le deleghe, libero di poter dissentire dal “capo”.

Confermate anche le indiscrezioni trapelate su questo sito a proposito dei rimpastini e dei mal di pancia: la delega al bilancio del rinunciatario Mazzone andrà all’assessora Marilena Abbatepaolo, dal 1 settembre preside di un istituto scolastico a Fasano. Non si capisce dove troverà il tempo per gestire Cultura, Pubblica Istruzione e adesso anche Bilancio, dato che la vediamo sempre meno presente a Palazzo di Città.

Ci raccontano di una riunione, quella di ieri sera, molto tesa. Angelo Focarelli (Pd) accusa dolori più acuti di mal di pancia, ma pare che ieri sera non abbia aperto bocca. Per strategia? Mentre il triumviro Mimmo Lomelo (Verdi) in un primo momento avrebbe proposto l’assegnazione della delega al bilancio al giovane consigliere Valerio Cantatore. Il sindaco lo avrebbe stoppato immediatamente, sostenendo che la delega sarebbe andata alla neo-preside, com’è stato.

Inoltre, i beninformati ci raccontano di una riunione accesa nella sede del Partito Democratico, al “palazzo di vetro”, in via Basile, tenutasi sabato scorso. Durante questa riunione, Focarelli si sarebbe inalberato poiché il partito (Vitto) avrebbe accettato la rinuncia di Mazzone senza battere ciglio, senza un minimo confronto, come un partito che si definisce tale, quindi democratico, richiede. Focarelli non ci stava, chiedendo maggiore etica e trasparenza. Durante la riunione, l’assessora Abbatepaolo avrebbe attaccato duramente le modalità di gestione della delega al bilancio, compito gravoso che adesso spetterà a lei.

Intanto il bilancio tarda ad arrivare. Aspettando Godot!

****

Aggiornamento ore 20:00- del 30 settembre -

la stanza del sindaco vitto a polignano comune municipio

È ancora in corso la riunione di maggioranza. Sono le ore 20 del 30 settembre, e la stanza del sindaco (vedi foto) luccica nel buio della notte… e delle ombre che si oscurano la tenuta della maggioranza. Ci informano che sarà una riunione tesa. Il bilancio sarà il banco di prova per riportare all’ovile i dissidenti o, al contrario, rompere definitivamente alcuni equilibri. Angelo Focarelli, Gianpiero Mancini, Mario Mazzone: prenderanno definitivamente le distanze da questa maggioranza? Il sindaco riuscirà ad accontentare tutti o potrà fare a meno di alcuni consiglieri? E degli altri che ne sarà? Vi terremo aggiornati, per quel che possiamo, dato che la paventata trasparenza si è persa nel buio della notte… dei tempi.

****


Aggiornamento ore 11:00 - Questa sera tornerà a riunirsi, in gran segreto, la maggioranza.

IMG_0087

Tema di discussione: il bilancio. Tema da approfondire: come far rientrare all’ovile i dissidenti Gianpiero Mancini (Sel) e Angelo Focarelli (Pd).

Riusciranno i nostri supereroi a ricompattare la maggioranza? Come faranno a convincere i dissidenti? Chi altro dovrà accontentare Vitto (fuori dalla giunta e dal consiglio), per garantire unità e longevità a una maggioranza a pezzi? Intanto, trapelano possibili e ipotetici scenari in vista del bilancio, che sarà probabilmente approvato a fine ottobre.

Si parla di possibili rimpastini di deleghe.

Ipotesi che circola: Marilena Abbatepaolo, diventata preside, lascia la giunta. Mario Mazzone cede (quasi certamente, come vi avevamo anticipato) la delega al bilancio che passa a Francesco La Volpe, il quale, a sua volta farebbe da trait d’union tra Focarelli e il sindaco.

Tutto ciò dovrebbe accadere in prossimità del bilancio, che l’amministrazione si augura di non approvare con l’astensione di Focarelli e Mancini, altrimenti sarebbe certificata la crisi interna.