Domenica 24 Marzo 2019
   
Text Size

Parcheggi e viabilità. Per Mancini la colpa è del turista

francomanciniunesco

Tratto da "La Voce del Paese" del 25 luglio 2013

 

 

“Manca la mentalità, nel turista, di parcheggiare lontano dal centro.” In questo modo, il consigliere Franco Mancini, con delega alla viabilità, ha esordito quando gli abbiamo chiesto spiegazioni sulla situazione dei parcheggi a Polignano, soprattutto quello di Largo Marco Polo (zona campo sportivo). Da qualche mese, quel parcheggio è stato dato in gestione ad una azienda privata, la quale si è impegnata ad attivare le luci di segnalazione e a garantire i bus navetta per i turisti. Risultato dopo un mese di gestione? Scarso!

 

La viabilità è stato il vostro cavallo vincente in campagna elettorale, ma ancora non avete trovato il bandolo della matassa cosa manca?

“Di sicuro siamo partiti di corsa presi dall’entusiasmo, ma alla fine non siamo riusciti ancora a spostare il traffico dai parcheggi centrali. Abbiamo chiesto alla ditta vincitrice della gara di perfezionare la situazione dei segnalatori a led, di dare maggiore risalto al parcheggio con delle brochure informative. Stiamo cercando di creare una correlazione tra il museo, la passeggiata turistica e quindi la possibilità di parcheggiare.”

 

Anche quando il parcheggio di San Francesco è pieno gli altri sono vuoti, come mai?

“Questo perche il turista vuole parcheggiare sempre più vicino al centro. Poi, comunque anche se indirizziamo il traffico verso Marco Polo e vedono il costo del biglietto, preferiscono e riescono a trovare posto nelle strade alternative come via parco del Lauro. Il problema del costo del biglietto si è verificato con i bus dei croceristi. Abbiamo cercato di indirizzarli verso quella zona, ma non è stato possibile continuare. Possono sostare solo quindici minuti e quindi diventa difficile per i turisti andare dall’altra parte del paese.”

 

Altra zona al collasso è il Gelso, non riuscite proprio a trovare una soluzione?

“Proprio partendo dalla difficoltà dei parcheggi di Marco Polo, è nata l’esigenza di rivedere la viabilità della zona Gelso e di grotta Ardito. Abbiamo preparato uno studio di fattibilità per la zona di grotta Ardito per farla diventare zona “Ru” come il Gelso. Intanto partirà a breve l’esperimento per la zona Aschitelli. Per evitare il traffico sull’accesso ponte panoramico, sarà consentito il passaggio in via Aschitelli solo per i residenti.”

 

Passiamo ora a chiarire il tanto acclamato sito Unesco, tuo cavallo di battaglia da sempre. Dall’incontro con il Ministro Quagliarello venne fuori la proposta di abbandonare il tuo progetto. Tu e il sindaco eravate d’accordo, quindi una battaglia già persa?

“No. I ragazzi del mio gruppo in primis e poi questa amministrazione vogliono fortemente il sito Unesco. Polignano in quanto sito Unesco è una strada difficile da seguire. Entro il 1 ottobre presenteremo in collaborazione con il tavolo tecnico che si sta istituendo presso la Polizia Municipale il Geo-Parco Unesco. Si tratta di una tutela delle nostre grotte marine. Su questo abbiamo annuito e siamo d’accordo con il Ministro.”

 

Però la tua battaglia è sempre stata su Polignano sito Unesco?

“Certo, però a Polignano sito Unesco o Geo-parco Unesco, la differenza è minima. L’importante che Polignano riceve un riconoscimento cosi prestigioso da diventare il nono Geo-parco Unesco in Italia. Questo ci permetterà di destagionalizzare il turismo”.

 

La destagionalizzazione del turismo è sempre stato il sogno ambito da tante amministrazioni, per attuarla c’è bisogno di un progetto serio e realizzabile e se Franco Mancini ci riuscirà e soprattutto se avrà l’appoggio giusto da parte di tutta l’amministrazione, senza dissidenti o ostruzionismo, Polignano avrà fatto un passo da gigante nel settore turistico.

 


Commenti  

 
#21 uepaisan 2013-08-12 19:40
nonostante....la scrittura e l'affissione del manifesto propagandistico, in merito correttezza di spirito ed animo, nell'affrontare una saggia decisione.
.....Oggi, come hai votato.
conta prima fino a 10..e dopo falla :roll:
 
 
#20 Gianpiero Galeazzi 2013-08-08 12:01
grande Franco, risolutore di tutti i problemi, risolto Largo Ardito, risolta pista Ciclabile, trovato vero problema di Polignano "i Turisti" ...anche tu MI-TI-CO
 
 
#19 cimino 2013-08-06 21:55
mancini quel manifesto affisso in polignano è troppo criptato non lo capirebbero neanche coloro che stanno in difetto, io personalmente per aprirlo ho digitato il codice pin e poi il codice puk ma senza alcun risultato.....la prossima volta sii più chiaro.
 
 
#18 jimmy fontana 2013-08-06 07:42
Sindaco ma le fontane del lungo mare quando le mettiamo in funzione????? sai la gente fa footing in quella zona è sempre assetata.
 
 
#17 Piero 2013-08-05 23:14
La nostra pessima amministrazione dovrebbe pensare a cose molto ma molto più utili anche per la cittadinanza che ci vive.
Mentre in tutti i comuni limitrofi ci sono normative che fanno rispettare e lo sottolineo 3 volte in altri paesi si pensa a fare altro per spostare l attenzione. Perché l amministrazione non si concentra a questi camper sparsi dappertutto? Scaricano in mare inquinando il nostro mare? Dove sono i vigili? Dormono o fanno altro? Vicino Tuccino c'è ne sono circa 15/20 camper alimentati da fili volanti di corrente elettrica. Dové franco mancini quando passa con la macchina? E il sindaco? La sera quando si passa di li c'è una puzza di merda.
Dove sono i nostri politici? Invece di andare dietro le processioni in alta uniforme perché non guardano queste cose a tutela dei cittadini? Che pagano le tasse? I camper vanno messi nelle aree di sosta altrimenti multati e mandati via.
Leggete leggete leggete.
Grazie
 
 
#16 Arturo Paganelli 2013-08-05 21:54
Siamo alle comiche finali,il riso fa buon sangue!!
 
 
#15 Polignanese stanco 2013-08-05 14:12
Mancini si dimetta.
 
 
#14 polignanoforever 2013-08-05 10:41
Ha ragione giambattista:
Bisogna disincentivare l'ingresso nel paese bloccando i cosiddetti turisti alla fonte(per inciso, il turista non è quello che viene a prendere il gelato il quale sporca ed intasa il paese);trasformare tutte le strade a pagamento a due euro al centro e 50 centesimi in periferia (tranne per i residenti ).Il sabato e la domenica è un inferno ma l'estate è proprio una bolgia.
Scaricare le competente ad altri non è un bella figura per un assessore alla viabilità: l'estate sta finendo ma le chiacchiere continuano a riscaldare le giornate....
 
 
#13 Nicola Lamanna 2013-08-04 09:51
Io modestamente non capisco come mai l'assessore e i tecnici compreso i vigili urbani non hanno ancora capito che fino a quando i parcheggi in centro saranno gratis (tranne alcune strade) ed in periferi a pagamento tutti si verseranno in centro pur di non pagare, questo è elementare. Chi va ad Alberobello (paese veramente turistico) trova invece parcheggi a pagamento ovunque ma con i dovuti servizi Noi potremmo imparare solo andando lì e chedere come hanno risolto loro il problema dei parcheggi. Considerando anche che l'affluenza a quel paese à decine di volte superiore alla nostra ed hanno un centro molto più ampio del nostro e una viabilità più complessa.
 
 
#12 uepaisan 2013-08-03 12:54
ormai falliti, nel vostro ruolo
abbiate il coraggio di una buona azione.
quella di dimmettervi
Io mi vergognerei, a farmi vedere tra la gente.
 
 
#11 turista 2013-08-03 11:57
Nelle grandi città chi viene da fuori lascia le auto nei parcheggi delle periferie a costi bassissimi e poi si sposta con i mezzi pubblici.Polignano non è un metropoli basterebbe inserire nel prezzo del biglietto del parcheggio la navetta gratuita da e per il parcheggio e vedrete che l'incentivo a lasciare la macchina in periferia di certo non mancherà.Funziona in tutti i paesi turistici,(andate in liguria e documentatevi, solo come esperienza)il problema è che polignano vuole essere sempre l'ombelico del mondo delle cagate e non ci riuscirà mai.
 
 
#10 x willy signori 2013-08-03 08:10
http://www.unesco.it/cni/index.php/candidature
 
 
#9 facciamo ordine 2013-08-02 21:13
Che i turisti (ma anche il barese che viene a prendere un gelato è classificato turista?) non vogliano pagare, nè andare troppo distanti dal centro storico è un dato assodato dall'esperienza quotidiana. Che ognuno tenti di arrivare con la macchina ovunque lo si deve accettare come legge biologica per la quale le chiappe del conducente si calamitano fortissimamente al sedile (ho veduto persone far la spesa al salumiere da dentro la macchina... e io ero in coda dietro, vabbè). A ciò si aggiunga che la delega è senza portafoglio e si sa che senza soldi... Ma tutto questo considerato non scusa la pochezza del piano del traffico, pensato a pezzi, realizzato a tentativi, senza considerare i veri flussi (a Noci il turista è incanalato sin dalla statale), senza adeguarsi alla conformazione pessima delle strade piccole, storte, morte, deformi, dettata da un'edilizia follemente e costantemente asservita al privato, e, purtroppo, impossibilitata ad appoggiarsi al supporto dei vigili che non hanno intenzione di far rispettare per davvero le regole e anche quando ci provano poi viene il politico o dirigente di turno che ne annulla l'autorità.
Per quanto riguarda l'Unesco, è sempre stata una bufala o se si preferisce uno di quei sogni che si fanno perchè si prova soddisfazione nel farli anche se si è consapevoli che non si realizzeranno mai. L'Unesco vuole l'unicità del sito AL MONDO e con tutto rispetto Polignano non ce l'ha, inoltre ci vuole il rispetto di tante regole, tra le quali la conservazione del territorio, del panorama persino, il che urta con tutta l'edilizia fatta nel mentre e già in programma, compreso il porto, figurarsi gli alberghi di santa Caterina; poi l'Italia ha avuto più riconoscimenti di tutti al mondo e ora l'Unesco è diventata un po' restia, cioè se sei italiano bisogna essere più degli altri. Inoltre dubito che alla maggior parte dei politici evidenti e soprattutto occulti piacerebbero i vincoli che l'Unesco porrebbe in essere.
Infine, non credo che l'esperienza sia davvero il valore da considerare nel dare una carica, l'assessore all'agricoltura laureato in agraria e che lavora nel settore, del settore non mi pare gli importi molto. Facendo finta che poi dipenda tutto da loro, e così non è, ché sindaco, commissioni, dirigenti, consiglieri finanche l'impiegato ci mette lo zampino, causa l'anarchia sovrana del non mi guardare che non ti guardo, basterebbe semplicemente mettere persone oneste e intelligenti (non furbe). Però, se poi ognuno questua, chiede, pretende, si nega, s'infila negli uffici, si rivolge al patronus consigliere perchè interceda o faccia in vece, perchè poi lamentarsi se quel che fanno per te lo fanno anche agli altri? in fondo anche il malaffare quando diventa legge generale è uguale per tutti (certo in rapporto all'importanza, ma in fondo anche la legge è così o no?)
Chiudo con un appello: chi può dia una mano disinteressata a 'sti disgraziati, non per loro, per noi! Sapete, l'occhio del padrone...
 
 
#8 x trasparenza 2013-08-02 18:36
e l'Assessore all'ambiente?
 
 
#7 Mi piace 2013-08-02 18:34
Concordo in pieno quel che dice il Sig. Giambattista Giuliani, è proprio così che funziona nei centri turistici di gran voga e aggiungerei anche che mi è capitato di pagare l' utilizzo di un bagno pubblico a San Francesco D' Assise.
 
 
#6 coerenza manciniana 2013-08-02 18:26
Consentitemi, il signor Mancini che ha fatto della coerenza il suo vero cavallo di battaglia,non è per caso lo stesso Mancini che parlava con Divella ma contestualmente prendeva ...di da Ulivieri per fargli la campagna elettorale alle regionali?, non è lo stesso Mancini che alle amministrative stava con Vitto , ma allo stesso tempo stava anche con Di Giorgio per il fantomatico terzo polo, parlava con l'IDV ma voleva fare la lista anche con l'altro, si vantava di essere amico del sindaco di Bari, ma chiedeva ancora lumi a Divella?. Ma insomma da questi signori dobbiamo farci dettare le linee guida di discorsi seri che dovrebbero essere discussi solo ed esclusivamente da tecnici, ed il fatto di essere un'istruttore di scuola guida non ti dà certo la "patente" di tecnico.Ed io non me la prendo con il signor Mancini per come è fatto dato che probabilmente è davvero "fatto" in quel modo , ma con me stesso, dato che mi domando sul come perda ancora tempo a leggere cotanto pensiero sublime.
 
 
#5 willy signori 2013-08-02 15:29
il sito unesco a polignano possiamo riceverlo solo se vuole il sindaco in persona, sfruttando tutti i contatti che ha a roma, quindi non ti sgolare che ti può venire un mal di gola.
 
 
#4 trasparenza 2013-08-02 13:30
Mi consenta art. 3 dovevi continuare in questa kermess assessorile.
Vogliamo parlare di Abbatepaolo agrario assessore Uff. tecnico che c'entra boooo.
Vogliamo parlare dell'altro agrario assessore comando polizia municipale che c'entra boooo.
Vogliamo parlare di daniele pzill assessore allo spettacolo che c'entra boooo.
Allora caro art. 3 di che cosa stiamo parlando.
Riflettendo o tirato la somma se il Sindaco Agricoltore dichiarato ha la delega al turismo che cosa possiamo pretendere dagli altri.
 
 
#3 Assessori 2013-08-02 11:52
Franco Mancini, siccome lavori in una scuola guida ti promoviamo ASSESSORE ALLA VIABILITA'.

Mimmo Ruggiero, siccome hai aperto un' agenzia immobiliare, sei la persona giusta per fare l'ASSESSORE AL TURISMO.

Matteo Colella, siccome fai l' impiegato presso un commercialista, chi meglio di te puo' fare l' ASSESSORE AL BILANCIO ?

E questi sono solo tre dei tanti umoristici esempi della lunga storia polignanese.

Questo è sempre stato il livello culturale dei nostri politicucoli locali, che cosa altro ci potevamo aspettare di diverso ? Fate piu' ridere dei comici di Zelig.
 
 
#2 giambattista giulian 2013-08-02 11:33
per spostare il traffico e parcheggio verso le periferie occorre adottare semplici accorgimenti.
1) chiusura del centro cittadino tutti i giorni dalle ore 17.
2) i costi di parcheggio devono essere differenziati, 2 euro all'ora in centro, 0,5 euro in periferia.
3) suddivisione di polignano in aree di parcheggio in base ai quartieri, solo il residente con contrassegno può parcheggiare gratis. Forestieri, turisti o residenti in un quartiere diverso devono pagare.
Non ci vuole molto, se solo sapeste da dove cominciare.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI