Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Focarelli: "Nel PD tante delusioni, tante sconfitte"

angelo-focarelli

Angelo Focarelli, capogruppo in consiglio del Partito Democratico e esponente della maggioranza, alza la palla e schiaccia. A colloquio, lo invitiamo a riflettere su alcune questioni: Qual è il ruolo dei partiti oggi? Dove sono i luoghi della partecipazione attiva? Dov’è il Pd di Polignano? Chi è Focarelli? Può davvero considerarsi un “rottamatore” alla Renzi o alla Grillo?

“No, rottamatore no – spiega – il punto è che da quando faccio il consigliere, si di maggioranza che di opposizione, sono sempre stato un alternativo nelle idee, sempre nell’interesse pubblico. Basta vedere gli atti prodotti da me in consiglio (es. il cambio di destinazione d’uso dell’ex mattatoio nel 1996, oggi museo d’importanza culturale). L’interesse pubblico si è perso un po’ nella politica in generale. Si dà più risalto al privato. È in atto una personalizzazione della politica. Ciò che sta accadendo è figlio di un’epoca. Ma io non demordo, ho sempre fatto le mie battaglie all’interno degli schemi. A volte vincendo, talvolta perdendo”.

Le sconfitte, ci confida Focarelli, le ha sempre incassate sul campo, nel Partito Democratico, un partito “che ha bisogno di una rinfrescata, non solo nelle persone, ma anche nel metodo”.

“Io stesso – rivela – sono stato vittima. Avrei voluto candidarmi alle primarie per la scelta dei candidati parlamentari. In realtà stavo lanciando una provocazione per verificare quanto, il partito fosse aperto e disponibile. Invece la candidatura mi è stata impedita, perché il sistema era tutto imperniato sulla raccolta firme dei soli tesserati. A quel punto ero già fuori dai giochi, ho tirato i remi e ho firmato per la candidatura di Tina Lofano. È vero, mi sono scottato, ma non mi arrendo perché penso che il Pd sia l’unico partito vero. Mi è accaduto ancora quando votammo alle primarie per il segretario. In ogni caso, dopo la mazzata forte presa in Puglia alle ultime politiche, è il caso che il segretario e i dirigenti provinciali e regionali rimettano il mandato per riformare il partito, ridiscutere e ridisegnare un nuovo metodo da cui ricominciare.”

Dunque, Focarelli “rottamatore”, vittima nel Pd e alternativo nel Pd. Che parla di un partito dalla struttura ormai desueta. Che dichiara: “Il problema è anche di linguaggio; il Pd deve anche parlare ai giovani”. Ma allora non avrebbe più senso aderire al MoVimento 5 Stelle?

“No – risponde – ritengo che andando dietro a persone e personaggi, anche se hanno buone idee, si rischia di personalizzare troppo la politica. Si corre il rischio della degenerazione, com’è accaduto in un passato che è ancora amaro ricordare: fascismo e nazismo.”

Focarelli osserva criticamente la campagna elettorale di Bersani. “Certo – ammette – con Renzi avrebbe funzionato meglio. Ma penso che Bersani e il suo entourage (D’Alema e company, ndr), abbiano trasmesso dei messaggi in modo negativo. Abbiamo inseguito Monti, mentre lo stesso ci diceva di andare via. Dall’altra parte c’era Vendola a cui facevamo l’occhiolino ma che è stato messo da parte. Inoltre, il messaggio di Bersani non è mai stato chiaro, né preciso. Non ci sono messaggi che si ricordino. Invece Grillo ha trasmesso messaggi con positività, messaggi ovvi, promettendo cose mai fatte in passato e che non faremo neanche adesso.”

Invece, cosa c’è che non va nel Partito Democratico di Polignano?

“Il problema – secondo Focarelli – è che ora il Pd è concentrato soprattutto sull’amministrazione del paese, che richiede in questa fase iniziale e difficile una grande concentrazione, trascurando l’organizzazione del partito. Nel partito si sta ridiscutendo sulle nuove strategie. L’impegno è gravoso, poiché a breve ci attendono delle sfide importanti: dalla gara rifiuti, al PIP, dalla tutela della fascia costiera al piano delle coste, dalla riduzione dell’imposizione fiscale alle opere pubblici e all’arrivo della nuova estate. C’è bisogno di adeguata preparazione e del supporto di una organizzazione amministrativa che, quando abbiamo vinto le elezioni, abbiamo trovato smembrata.”

A proposito di passato, l’ex sindaco Bovino è tornato alla carica accusando l’attuale amministrazione e di un centro-sinistra con lobby affaristiche…

“Assurdità – sorride Focarelli – l’ex sindaco, ogni volta che interviene, parla sempre in maniera astratta e vaga, mai con documenti alla mano. La verità è che, per la prima volta nella storia, lobby affaristiche non ce ne sono più. La nuova amministrazione è fatta di giovani a cui tutto si può dire, tranne che uniti dagli affari. Finalmente, gli studi tecnici, gli imprenditori e gli operatori del settore hanno trovato le porte aperte e l’amministrazione ascolta le istanze di tutti.” 

 

*foto Nicola Teofilo

 

Commenti  

 
#17 olis47 2013-03-23 13:25
x vanni cultura significa anche sapere il dialetto di un paese in cui si vive da bambino, il vernacolo lo si dovrebbe insegnare a scuola o no!
 
 
#16 x veggente 2013-03-23 12:26
.... e speriamo che nel frattempo non succedono cose molto pesanti che circolano fuori paese per le parti alte della classifica!
 
 
#15 VEGGENTE 2013-03-18 18:32
Vox populi...quei 6289 voti presi da vitto si sono ridotti a circa un terzo..nei prossimi 4 anni perdera' anche il resto,
 
 
#14 ricci e birra 2013-03-14 21:06
Se di vecchio dobbiamo parlare caro Flavio Oliva sai bene che Vitto sta lì ormai da venti anni. Proprio il 1993 come te. E come te lo vedi ancora giovanotto ?
Ma il fatto grave e che i giovani (non in senso anagrafico) per caso si sentono ? e se si sentono (vedi Paolo Mazzone assesore) che cosa combina? alle assunzioni si dà assente per far credere ai noi che lui non era daccordo, o no ? Ma Voi vi illudete che abbiamo il prosciutto agli occhi? C'é seit pcchet ... ABBAST andate a CASA . I nostri voti non li avrete mai mai più.
Non parliamo delle votazioni ridicole e truccate che abbiamo fatto sotto la casa di Vitto. Era meglio a mangiare due ricci e una birra , naun a perd timp.
 
 
#13 vanni 2013-03-14 16:43
sono termini che nn conosco, la mia cultura è più elevata! Ahahahahah
 
 
#12 Zio ORAZIO 2013-03-12 20:19
Per GHINO.
Sia Focarelle come anche Colella, tutta roba vecchia.. da rottamare... a casa!!
E per Vanni io ti scrivo caratteri maiuscoli...sei nu' sciacualattugh!!!
 
 
#11 cristiano 2013-03-12 15:52
Caro ghino Colella per non parlare di lomelo, Bovino , Maiellaro. L'unico che non viene ben visto è focarelli perchè rompe le uova nel paniere neanchè Vitto voleva che entrava in maggioranza, ricordandovi che fù l'unico a non votare TRICOM.
 
 
#10 il mentore 2013-03-12 15:17
x chi vuol intendere.....
giovani ...vecchi..in quarant'anni e più di politica polignanese ..buoni,brutti cattivi ,marpioni e non voglio andare oltre..voglio solo godermi DUE BRAVI RAGAZZI che contro tanti ma tanti hanno coronato un sogno ...alla FACCIA DI TUTTI I GUFI...O CIVETTE..
 
 
#9 zappit 2013-03-12 12:13
a casa devono andare tutti coloro che hanno mangiato da na vita alle nostre spalle come fanno a roma..............VE NE DOVETE ANDARE ...............................
 
 
#8 ghino 2013-03-11 21:54
se Focarelli sa di vecchio Colella di che sa...
 
 
#7 vanni 2013-03-11 20:48
Meno male che c'è gente come Angelo Focarelli in amministrazione, competente e serio.Altro che vecchio! A te, zio Carlo, direi di stare sicuramente a casa, a fare " il tuo culpà" visto che nn sai nè cosa significa e nè come si scrive! Beata ignoranza!
 
 
#6 forse!,chissà??... 2013-03-11 19:24
Egregio Focarelli, cosa intende quando afferma: "È vero, mi sono scottato, ma... Mi è accaduto ancora quando votammo alle primarie per il segretario."??? vuol essere più chiaro?? ci sono state delle pressioni, o meglio dei suggerimenti??...e se SI, dov'è la DEMOCRAZIA???
 
 
#5 Flavio Oliva 2013-03-11 18:12
....Veramente è entrato in consiglio il 1993, ma il giudizio lo diamo sulla competenza, o sulle legislature ??? perchè non dite che Angelo è uno dei pochi a spulciarsi ogni carta, a leggersi le delibere fino all'ultimo rigo ??? quanti altri politici lo fanno ??? vedremo questo nuovo che avanza cosa ci darà....."GIOVINEZZA NON E' GARANZIA DI INNOVAZIONE" (JAMES BOND, SKYFALL)
 
 
#4 Masianello 2013-03-11 18:00
Complimenti Angelo le stronzate come le dici tu non le dice proprio nessuno. Il Pd impegnato a governare il paese, perche' noi abbiamo un governo cittadino?
non ci sono lobby affaristiche in questa amministrazione. ma se è nata dall'unione delle diverse lobby che animano da sempre il sottobosco cittadino. ( Vero zio Ninì).
 
 
#3 Io lo so 2013-03-11 17:25
Oltre ad essere vecchio è il primo ad ostacolare qualsiasi iniziativa che viene proposta dai cittadini. Lo fa per invidia,
 
 
#2 ZIO CARLO 2013-03-11 15:35
PERCHE' FOCARELLI CHE SA DI VECCHIO , NON FA IL MIO CULPA' E' DICE RESTO A CASA???ANGELO SAI DI VECCHIO, SEI DEL 1996 , RESTA A CASA!!!!!
 
 
#1 . 2013-03-11 09:42
...il renzi de noartri...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI