Lunedì 25 Marzo 2019
   
Text Size

Vota Pinocchio: la rivoluzione in-civile è appena cominciata

lomelo-pinocchio-polignano

 

A volte la realtà supera di gran lunga l’immaginazione. Polignano, il paese delle “meraviglie” si è fatto reale, e in questi giorni è un full-metal, completamente confinato in tristi e lapidari pannelli elettorali. Certo, sarebbe bello vedere in giro più pannelli fotovoltaici… del resto, non avranno nulla in contrario gli amici sempre-verdi ambientalisti (vero?) che, archiviate ormai le battaglie civili di un tempo, si preparano alla grande “rivoluzione civile”. Ossia, sprecare quantità industriali di carta da parati e riempire ogni settimana comode e accomodanti pagine di giornale, nel tentativo vano di raschiare la gamella per qualche voto in più.

A proposito di giornale, o meglio, di cronache marziane, dopo il negato endorsement di Legambiente Polignano, che giustamente si dichiara apartitica e che non è tenuta a “inquadrarsi” per partito preso, la “mente benevola” ci riprova. Questa volta il messaggio è chiaro e diretto, a suon di minaccia: l’ultima “fax-ata” rammenta al presidente Vito Montalbò che il solito giornale ha sempre dato “visibilità alle iniziative di Legambiente o Hippocampus che dir si voglia” e si meraviglia del fatto che lo stesso Montalbò abbia preso “precipitosamente e pubblicamente le distanze” da Lomelo. Cos’è un avvertimento a Legambiente?

Eppure il dovere della stampa è scritto nei codici deontologici: non si deve mai oscurare l’attività di una associazione di qualsiasi genere essa sia, solo perché questa sceglie di schierarsi o non per questo o quel candidato più o meno vicino a questo o quel giornale. Per fortuna, anche in un contesto così locale, esiste il pluralismo dell’informazione, altrimenti sarebbero guai. La realtà raccontata e filtrata da un solo punto di vista politico o partitico negli anni passati ha seriamente danneggiato e plagiato la formazione di una opinione pubblica cosciente e civile.

Già, civile… Dicevamo, a volte la realtà supera la fantasia. Ed è una realtà triste e amara, che si può tutta sintetizzare in questa foto esclusiva, da noi realizzata durante la sfilata del Carnevale Polignanese di domenica scorsa, al passaggio del carro: “Vota Pinocchio”.


*foto a cura di Nicola Teofilo

 

Commenti  

 
#10 up 2013-02-21 17:19
Tutti i cittadini dovrebbero avere nel cuore l'ambiente l'ecologia la sostenibilità, senza distinzione di partito o orientamento politico. Purtroppo alcuni hanno usato ed usano queste definizioni, solo per agganciare la cometa della politica e con essa i propri interessi personali.
 
 
#9 Flavio Oliva 2013-02-21 16:45
mah, fino a prova contraria, sono andato io assieme ad altri 60 del Consiglio federale a votare a Roma il 5 Gennaio l'ufficializzazione della coalizione con Ingroia....non mi risulta peraltro che i Verdi si siano sciolti.....chiedilo magari a qualcuno a cui le scelte piovono dall'alto, io le mie le prendo sempre di testa mia !!!
 
 
#8 Domanda per Flavio 2013-02-21 13:40
Flavio,
ma anche ti cambi casacca automaticamente nel momento in cui la cambia il tuo capo ? O invece tu sei uno con le palle che rimane fedele alle proprie idee ?
In ogni caso caro Flavio, come tu possa accompagnarti ad un personaggio del genere per me rimane sempre un mistero.

Direttore, hai scattato una foto MEMORABILE così eloquente che più eloquente non si può !!!
Io personalmente tra le 2 facce nella foto preferisco quella di Pinocchio, mi da più fiducia di quell'altro con quella faccia da "Francia o Spagna basta che se magna".
 
 
#7 Vitalizio 2013-02-21 07:09
Lomelo oggi percepisce una pensione di 8.495 euro al mese frutto del suo "lavoro" da politico. Non dico chiacchiere leggete qua www.danielemartinelli.it/2010/06/27/regione-puglia-8-baby-pensionati/
"...dal verde Mimmo Lomelo e dal pidiellino Enrico Santaniello (8mila 495 euro per quattordici anni vissuti tra i banchi del Consiglio)..."
Buon voto a tutti!!!
 
 
#6 ancora 2013-02-21 00:26
ahah, il coraggio di cambiare.. angour? lomelo abbast, con quale Coraggio fai uno slogan simile..statt a cast't!
 
 
#5 Nicola Teofilo 2013-02-20 19:06
Carissimo Flavio, preferisco non rispondere alle tue provocazioni :-) tra l'altro, se fosse vero ciò che dici, non ci sarebbe la pubblicità di rivoluzione civile sui nostri giornali cartacei e web. Questo a conferma di quanto sia staccata la linea editoriale da quella commerciale, cosa che non accade per il giornale di riferimento :-)

comunque la foto mi ha ispirato, che ci devo fare...
 
 
#4 elly 2013-02-20 18:47
complimenti davvero direttore, concordo con il commento n°2: la fotografia "parla" da sola!!!
 
 
#3 Flavio Oliva 2013-02-20 18:14
Ma quali ire di Flavio....certo mi ha fatto piacere vedere la pubblicità di RIVOLUZIONE CIVILE non appena aprivo la pagina di POLIGNANOWEB.... Pecunia non olet, vero Direttore ????
 
 
#2 6 un artista 2013-02-20 17:24
Nicola sei il migliore! Se partecipi ad un concorso fotografico vinci di sicuro nella sezione: la fotografia racconta sempre la verità! Quante promesse non mantenute si racchiudono in quei pochi centimetri di carta. Vorrei dire tante cose... non lo farò per non suscitare le ire di FLAVIO. Il naso di Pinocchio è lungo... e l'altro?
 
 
#1 Credo che... 2013-02-20 16:55
..se votassimo sul serio Pinocchio forse otterremo per la prima volta un minimo di conformità!! Si sa che il mitico burattino ha sempre raccontato bugie e sempre menzogne si son rivelate... Diversamente dai politici che ci circondano! Prima promettono mari, monti e sempre più per poi...
Pinocchio invece è coerente in ciò che dice e non... Bugiardo per bugiardo... Almeno... Che tristezza:cry:
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI