Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

"Dopo l'addio di Amodio, partito libero da laccetti"

nicola-menna-zazzera-idv-polignano  

Ci scrive Nicola Menna: "L'IdV non è morta. Ora il partito è libero da laccetti”

 

 

Gentilissimo Direttore,

dalla stampa locale apprendiamo della lettera di Nico Amodio che definisce morta l'esperienza dell'IDV a Polignano.

Un partito non muore se alcuni lasciano, vive comunque e anzi in qualche caso vive meglio, libero da laccetti a cui finora era imbrigliato.

Sicuramente, non abbiamo dato il meglio di noi, come partito a livello nazionale e circolo cittadino abbiamo in parte tradito il mandato datoci dai cittadini bisognosi di rappresentanza delle loro esigenze.

Sicuramente abbiamo sbagliato ma, se si riconosce l'errore si può rimediare e allontanare le mele marce che distraggono dal vero obiettivo.

Finalmente siamo all'epilogo di una stagione travagliata e contrastata per i metodi di alcuni personaggi che hanno tentato di conquistare posizioni importanti grazie al simbolo dell'IDV.

Pericolo scampato, dopo mesi di assurdi silenzi, finalmente chi era stato designato da tutti a reggere le sorti del circolo cittadino dell'IDV ha lasciato.

In realtà tale richiesta era già giunta da parte del "Cantiere dei Valori" subito dopo la campagna elettorale ma, pur di continuare a restare come "uditore" nelle stanze del potere cittadino quella richiesta finì nel nulla.

Oggi il coordinatore cittadino ci dice che tutta la lista lascia l'IDV, dice però qualcosa di strano e di non vero, perché dopo le elezioni gli iscritti lasciarono il circolo pur rimanendo iscritti all'IDV e mentre gli altri facevano politica nelle riunioni di maggioranza, il Cantiere promuoveva iniziative tra i cittadini.

Dov'era Nico Amodio quando il Cantiere promuoveva le iniziative pubbliche contro le mafie e la mal politica? Dov'era durante la raccolta firme per i referendum? 

Forse era nei seggi per le primarie del PD già conscio di voler abbandonare una barchetta in balia delle onde e trasferirsi su una nave da crociera più comoda.

Dunque, oggi Amodio lascia l'Idv per convogliare le sue forze su altri lidi forse più favorevoli per una politica allineata al mantenimento dell'esistente.

Lascia l'Idv con alcuni, non tutti. 

Noi invece ci siamo, il Cantiere dei Valori esiste ed é l'IDV a Polignano.

La stessa IDV che ha denunciato, proposto, novità per la Città. 

La stessa IDV che oggi non si annulla e, libera da politicanti asserviti al "potere", entra di diritto nella RIVOLUZIONE CIVILE di INGROIA.

Il 12 Gennaio 2013 a Bari, presso la sede regionale dell'Idv, sono stati nominati i delegati ai comitati elettorali della lista capitanata da Ingroia e Polignano é rappresentata dal Cantiere dei Valori, costola strategica dell'Idv in terra di Bari insieme agli amici dei Verdi, e i movimenti di sinistra e della "società civile".

Amodio lascia? 

Noi ringraziamo Amodio per il contributo dato nei mesi prima delle elezioni e per aver finalmente lasciato un ruolo che ormai non deteneva più da mesi, così da ricostruire il nostro Partito, sicuri che le idee espresse da Di Pietro, Ingroia, De Magistris saranno la linea che ci premierà tra i cittadini disillusi ormai da un modo di fare politica dedito solo alle spartizioni del potere e al mantenimento dei privilegi.

 

Il Cantiere dei Valori

Nicola Menna

 

VEDI ANCHE LETTERA DI NICO AMODIO E COMMENTI

Commenti  

 
#19 Sputnik 2013-01-29 09:41
Sigue sigue,
Io ho letto una citazione del periodo fascista solo in riferimento alla deriva dovuta al potente che governa un partito grazie al consenso personale.
Non so lei cosa ha letto.
Dottoressa lei non è mai chiara, parla come i politici in televisione, lancia accuse, cita cose senza senso: lavapiatti, associazioni sportive fittizie.... Lascia supporre ma non dice.
Se bastasse una laurea per intelligenti saremmo il popolo più importante della terra, considerato l'alto tasso di "dottori" ma, meno male che ci sono anche tanti uomini che nella vita oltre alla laurea hanno aguzzato il loro ingegno in altro modo.
Che tristezza mi fa....... Lei é arrabbiata/o con il mondo si fermi un attimo e gli sorrida, vedrà che starà meglio
 
 
#18 sigue sigue sputnik 2013-01-28 17:15
Egregio signor sputnik, legga il commento n. 14 dove il suo socio accenna a periodi fascistoidi. Il mio evocare Salò era riferito a quello.
Si sono dottoressa poichè titolare di una laurea, sa oggi tale titolo non lo si nega a nessuno, pare che anche il suo Antonio nazionale ne abbia una ( mal supportata dalla padronanza della lingua italiana).Poi magari se lei mi scrive che in Italia con tali studi non ci si riesce a far capire , potrei mettermi a lavare i vetri ,magari li produco anche o giusto per perder tempo vado a lavare i piatti nei ristoranti per arrotondare ,se poi non basta potrei per assurdo anche inventarmi società sportive per truffare qualche genio/a . Cosa mi consiglia Lei ,in attesa dei fantasmagorici risultati elettorali?
P.s. se non sono stata chiara posso eventualmente fare disegnini, segnali di fumo o altro per rendermi più comprensibile. Tanto anche a lei dovevo, distinti saluti.
 
 
#17 Sputnik 2013-01-27 04:58
Bho?!? Io sull'altro mò commento di sigue sigue non ci ho capito nulla.
Evoca Salò ma Antonio nazionale direbbe.... Che c'azzecca?
Se poi é dottoressa é proprio messa male...
A fine febbraio ci rivediamo in questo spazio e commentiamo, chi prende più voti tra centro democratico e rivoluzione civile?
 
 
#16 x sigue sigue 2013-01-26 09:16
Dottoressa , come sempre le sue critiche colgono pienamente. Il silenzio è assenzio.
IDV è morta
 
 
#15 sigue sigue sputnik 2013-01-24 19:44
Così va già meglio. Ma solo per puro chiacchiericcio ,mi sembrava che si discutesse sul simbolo IDV e non su una futuribile lista riempitive e di ripiego.Deve sapere che io nella vita per professione lavoro con i numeri, e so benissimo che le sommatorie di molti 0,9% o 1,2% possono arrivare anche ad un probabile 5 % , ma ripeto si scriveva del IDV, che come già scritto ora vale meno del 1% a livello nazionale. Lei scrive evocando di epoche fasciste, giustamente indignato,non vorrei rievocarLe gli ultimi 100 giorni della Repubblica di Salò dove tutti cercavano di rubare il più possibile ben sapendo il risultato finale.Corsi e ricorsi storici , sa in Italia molti politici che sanno di morire (politicamente parlando )cercano spiagge/aggregazioni/apparentamenti assurdi. Comunque contento Lei di sentirsi rappresentato da tali personaggi , mi sembra giusto preannunciarle un grande successo elettorale in Puglia della lista di Tabacci e Donadi, con successiva ricollocazione alle prossime elezioni regionali, da attenta osservatrice non credo di poter dire lo stesso della aggregazione a lei tanto cara.Tanto le dovevo, un grosso in bocca al lupo.
 
 
#14 Nicola Menna 2013-01-24 13:51
Per sigue sigue

Signora, non mi va molto di polemizzare soprattutto non avendo cognizione di chi ho di fronte e tanto meno perché da quanto scrive no mi conosce affatto.
Le specifico che come lei giustamente enuncia, nell'IDV é possibile inviare l'iscrizione online direttamente al nazionale per poi procedere all'inoltro cartaceo (fax o raccomandata) alla sede regionale del form sottoscritto insieme alla copia del bonifico di avvenuto pagamento della quota associativa. Fatto ciò tale richiesta poi viene trasmessa alla sede comunale di appartenenza.
Inoltre un responsabile di circolo non ha l'impegno di essere un grande elettore attivo ma ha il compito di regolare i rapporti all'interno e all'esterno del circolo e propugnare la linea del Partito. Mi creda quando il partito si identifica con il potente di turno spesso non siamo nella piena espressione di partecipazione democratica.
Per quanto riguarda il resto, non prendo meriti personali per la questione dei buoni pasto perché altre persone si sono distinte in questa materia.
Per le altre cose lascio a lei decidere chi ha cognizione di causa sulle diverse materie.... Non sono un cooperatizzato, neppure un esperto tuttologo ma amo acculturarmi quando una questione mi interessa.
É la parola "politica" che pone una persona davanti alla scelta di interessarsi di un argomento, altrimenti avremmo non politici ma esponenti delle arti e professioni come in epoca fascista a dirigere la nostra vita.
1, 2.... per cento, é oggi ininfluente c'è un'idea di ricoluzione civile da portare avanti e differentemente da quanto lei esprime oggi è al 4,6% anche grazie a partiti come idv, verdi, rc e liste civiche mentre tabacci e donadi non superano l'1,5% con scarse possibilità di rappresentarci in Parlamento.
Ognuno ha i suoi sogni, sperando diventino realtà e soprattutto realizzino idee nuove.
Nicola menna
 
 
#13 sigue sigue sputnik 2013-01-24 09:24
per il commento n. 10 , 1)mi auguro che Lei sappia (spero) che si può essere iscritte/i ad un partito a livello nazionale e non necessariamente frequentare una sezione locale dove si deve condividere scelte propositive di iniziative credibili e mi scusi con cognizioni di cause. Nella vita, le chiedo, se una persona di professione fa il farmacista può improvvisarsi panettiere? non credo. Quando si tenta di fare una battaglia , o meglio cercare di alzare l'attenzione pubblica su un determinato argomento lo si deve fare in modo da non far sorridere gli addetti al lavoro, mi spiego meglio, un piccolo plauso se pur simbolico da parte nostra Le è stato fatto per la polemica dei buoni pasto, ma sul problema dell'appalto dei rifiuti , Le assicuro che si vedeva lontano un miglio che non si aveva dimestichezza sulla materia. Ricordi che non si deve far polemica a tutti i costi se non si è supportati da dati oggettivi , Le assicuro che un ingegnere esige un contradittorio almeno con un suo pari, un medico ascolta si un infermiere , ma lo stesso infermiere non credo si arroghi la pretesa di erudirlo nella materia. Un cooperativizzato se pur nell'immondizia può si parlare di nettezza , ma non certamente di bandi di gara.
2)Donadi ha un solo problema credo , che è quello di aver preso le distanze da chi andava urlando demeriti altrui per costruirsi una fortuna personale e famigliare, poi magari basta una piccola trasmissione per distruggere un partito che a livello nazionale aveva i suoi sostenitori ( mi creda e riuscito anche con la sottoscritta), e che conta ora , spero di non sbagliare meno del 1% del consenso elettorale .Quindi la mia nei suoi 15 voti non vuol essere polemica , ma il giusto constatare a ben vedere che tali equilibri si rispecchiano sul suo risultato elettorale,tenga sempre a mente che a livello locale non esistono voti di ricaduta, esistono voti personali e basta,uno vale quello che raccoglie, è brutto scriverlo ma è la legge dei numeri, piaccia o no. Fa bene Lei se crede ancora in quel simbolo a cercare di mantenerlo, nessuno può impedirglielo, ne tanto meno nessuno può impedermi di fare un grossissimo in bocca al lupo agli eventuali sostenitori dell'IDV qualora dovessero ancora esistere localmente.
 
 
#12 yoghi 2013-01-23 21:57
ha ragione sputnik, lasciatelo fare...
 
 
#11 Sputnik 2013-01-23 18:13
Ma io mi domando, se questo Menna ha voglia di esprimere un concetto politico e vuol farlo con l'IDV qual è il problema di ex socialisti, ed idv?
In questo schifo é meglio chi a seconda del vento cambia il suo sentire politico oppure chi decide di seguire una linea?
Sicuramente non é colpa sua se l'IDV a livello nazionale ha avuto problemi (quale partito non ne ha avuti?) ci crede e lasciatelo fare.
Io me lo ricordo al begula con il cantiere e poi in piazza San Benedetto per l'incontro sulla mafia.
Sicuramente non promette nulla in cambio dei voti e poi ne prende pochi ma, se prende un impegno su qualcosa che gli sta a cuore anche da solo lo porta a compimento.
Io ci ho parlato spesso, é un pò burbero ma, ci crede.
A proposito Amodio quanti dei comunicati fatti durante il tuo mandato di segretario erano tuoi e quanti di Menna, quante iniziative erano tue e quante proposte da Menna?
 
 
#10 x nico amodio 2013-01-23 17:39
se fossi nico amodio, sapresti che ti ho già chiamato e parlato con te personalmente, dunque nulla di personale e per quanto riguarda Vitto ho fatto anche io campagna elettorale per lui e per la coalizione ma, sempre tenedo presente il nostro programma comune.

X sigue sigue............. mirincresce sapere di avere avuto iscritta al nostro partito una donna mai vista in sezione in due anni, sarebbe stato piacevole avere il suo contributo ma, non fa nulla lei non si sente rappresentata da un partito che ha diversi amministratori locali, Sindaci e parlamentari ancora in carica ma si sente rappresentata da Donadi fuoriuscito per necessità elettorali che ad oggi non ha un riferimento istituzionale.
è vero sono solo una 15ina di voti e so che elettoralmente non ho un seguitocosì forte ma a veder bene la lista non è che altri dirigenti fossero poi così supportati ;-)
Per quanto riguarda lo stomaco ognuno pensi al suo con Donadi oggi c'è Canonico, Schiavone, Olivieri........

ex socialista...... tutti siamo un pò ex di qualcosa a onor del vero ero un dirigente del pds - ds di origine socialista, andato via nel 1997 dal partito per motivi di lavoro poi rientrato, in patria mi sono avvicinato 5 anni fa all'IDV con Zazzera (dopo una parentesi di 2 mesi come iscritto socialista nella sezione di polignano.
Svelato l'arcano?

Mi domando solo: che paura può fare un partito retto da uno che ha solo 17 voti?

Forse il problema è che pur non avendo una forza elettorale alle spalle da anni si fanno delle battaglie che altri non vorranno mai fare.......................
 
 
#9 davigian 2013-01-23 14:33
A prima vista Rivoluzione Civile può sembrare un aggregato disomogeneo ma se si guarda il panorama politico complessivo si nota che essa raggruppa quegli ideali di solidarietà,trasparenza,democrazia vera non quella delle primarie truffa,laicità(il PD dov'è?),rispetto per il capo dello stato ma nei limiti della costituzione,risoluzione dei conflitti di interesse(mediaset,fiat,montepaschi,ecc.,e in futuro cambio della legge elettorale affinché i migliori possano emergere e mettersi al servizio dei cittadini con un compenso dignitoso ma non lurido come ora.Grillo ci è molto vicino come idee e queste realtà finiranno per fondersi se non lo faranno i vertici lo faranno le rispettive basi.
 
 
#8 Nico Amodio 2013-01-23 11:18
Avevo deciso di non intervenire più,in merito all'argomento.Dopo aver letto alcuni commenti,mi preme fare alcune precisazioni.Nicola Menna aveva chiesto non le mie dimissioni ma l'azzeramento di tutte le cariche della sezione di Polignano durante l'ultimo direttivo.Presentò un documento con tali richieste,che venne acettato in toto.Il signor Menna in coerenza con quanto richiesto ritirò il documento.In quanto a coerenza,se il sindaco vitto e la sua coalizione non erano di suo gradimento avrebbe potuto non partecipare alla competizione elettorale.Personalmente come ho dichiarato più volte e per coerenza aspetto almeno un anno prima di giudicare l'operato di una amministrazione,il fatto di non avere rappresentanza in consiglio non cambia il mio giudizio sul sindaco,perchè ho chiesto i voti anche per lui.Quale opinione si farebbero i nostri elettori se il giorno dopo aver chiesto il voto per una persona vai da loro per dire scusate mi sono sbagliato.La credibilità e la fiducia della gente si conquista col tempo,la stima della gente la guadagni giorno per giorno.Visto che ho dovuto fare questo intervento,preciserò alcune cose.Rivoluzione civile non mi piace perchè:a mia opinione sembra un operazione elettorale fatta da disperati della politica che si nascondono dietro la figura di Ingroia perssona che gode della mia stima.Troppe anime che dopo le elezioni rivendicheranno la propia autonomia alla faccia di chi li ha guidati.L'IDV è morta non a Polignano ma in tutta Italia.Infine caro Nicola mentre io penso di aver dato giustificazioni Politiche per l'abbandono del del partito,non nominando e non facendo minimamente cenno alle vicende locali,Dalle tue esternazioni sembra quasi un fatto personale nei miei confronti.Per cui ti prego se hai qualcosa da chiarire mi telefoni così potrai avere tutta la soddisfazione possibile,alla gente delle beghe personali non frega niente.
 
 
#7 ex socialista 2013-01-23 09:50
per sputnik.... sbagli nel dire che menna militava nel idv..... ti voglio ricordare che menna aveva la tessera del partito socialista ... chiedere ai socialisti di Polignano e Monopoli se è vero e del perchè poi ha cambiato partito ...
per commento di Nicola Menna.... non puoi dire di appoggiare Mimmo Lomelo alle comunali ti sei opposto alla richiesta di mimmo lomelo di fare una lista unica idv e verdi insieme ....
 
 
#6 sigue sigue sputnik 2013-01-23 09:47
Io sono stata iscritta IDV fino al 2012,ora insieme ad altri non mi sento per nulla rappresentata da un partito inesistente a livello nazionale e men che nulla locale.
Ho chiesto gentilmente di essere cancellata dalla mailing list di un partito truffa,che mi ha rubato 2 anni di vita politica.
personalmente mi riconosco nel pensiero di Donadi accetto la sua scelta di rivolta di partito contro un presidente truffa di partito, confluisco con tutti i miei parenti nel suo movimento e non mi riconoscerei mai in un partito che non ha rappresentatività e credibilità in un paese civile , men che meno in polignano visto che il suo referente attuale conta una quindicina di voti il che vuol dire il nulla politico.Comunque se esistono ancora persone che si riconoscono in quella sigla auguro loro un sentito in bocca al lupo e tanto stomaco e coraggio.Grazie
 
 
#5 yoghi 2013-01-22 23:06
forse si fa finta di non capire che italia dei valori non esiste più e perciò le prospettive sono solo di rivoluzione civile con i suoi eletti e suoi iscritti, chi vale ,vale, poi sono solo chiacchiere i grillini in questo sono un po' più avanti
 
 
#4 Sputnik 2013-01-22 18:41
Finalmente un pò di chiarezza.
Io non capisco qual'è la differenza sostanziale da cui deriva il primo commento.
Il Cantiere dei Valori esisteva prima dell'apertura del circolo a Polignano, Menna preesistesa a Amodio (arrivato al partito solo con Olivieri) come iscritto Idv essendo stato dirigente a Monopoli, quando Colella governava l'Idv di Polignano.
Lo stesso è stato sempre lineare nel considerare l'Idv il partito dove militava e milita.
Ha chiesto le dimissioni di Amodio pubblicamente in dissenso con la linea politica di asservimento alla giunta Vitto.
Conosciamo ormai tutti il suo pensiero e in coerenza a ciò continua a sventolare la bandiera del suo partito.
Non sempre l'elettorato privilegia chi fa determinate battaglie a scapito di chi entra nelle liste solo perché possiede pacchetti di voti per contrattare posizioni di potere.
Speriamo che continui così anche in Rivoluzione Civile, io ci credo!
Forse però la verità è un'altra Amodio ha sbagliato ancora il tempo d'azione. Fosse rimasto altri 10 giorni segretario oggi sarebbe rappresentato in giunta e in consiglio comunale e forse domani in parlamento ahahah.
 
 
#3 Nicola menna 2013-01-22 18:17
Yoghi purtroppo si sbaglia, sabato 12 gennaio il coordinamento dei circoli della provincia di bari preso atto che ci sono iscritti idv a polignano che rimangono nell'Idv ha deciso di noninare il referente cittadino idv che insieme agli altri soggetti organizzati organizzerà la campagna elettorale della Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia e che vede Mimmo Lomelo candidato alla Camera dei Deputati.
Per giusta informazione.
 
 
#2 X Nico 2013-01-22 17:16
Nico batti un colpo se ci sei.
Troppo fango su una persona per bene.
 
 
#1 yoghi 2013-01-21 22:16
deve dire cantiere dei valori e non idv perché non c'è nessuno che ha l'autorità per nominare nessuno specie se non rappresentano nessuno
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI