Domenica 21 Luglio 2019
   
Text Size

Dura replica dei socialisti. Il PSI fuori dalla coalizione

partito-socialista-polignano-centrone-martinelli

 "Vi incalzeremo"

 Il PSI all'Amministrazione: "Riteniamo esaurito il nostro contributo alla coalizione"

 

Ancora botta e risposta tra PSI (alleato del centrosinistra e ora critico verso l'operato di Vitto) e il Partito Democratico. Riceviamo e pubblichiamo, la seguente lettera, dal segretario del Partito Socialista, Stefano Martinelli.

*****

 

Egregio Direttore,

Le chiedo gentilmente ospitalità sul suo giornale, per esprimere i sentimenti dei socialisti di Polignano, dopo aver preso visione del comunicato del segretario del P.D. Domenico Scagliusi.

Dopo aver letto il comunicato di Scagliusi, in risposta al nostro articolo della settimana precedente, siamo rimasti attoniti. Ci ha sconcertato l’assenza di contenuti politici e le affermazioni gratuite contenute nel documento, in netto contrasto con quanto da noi detto. Mai negato di aver ricevuto l’e-mail, al contrario abbiamo semplicemente detto che al momento di dare la nostra approvazione non ne avevamo preso visione, cosa che è avvenuta successivamente.

Ci siamo fidati delle sue affermazioni verbali, sbagliando. Da qui tuttavia ad affermare che le nostre dichiarazioni sono prive di fondamento, il passo è lungo, ma breve per il segretario del PD. Delle due l’una, o Scagliusi il nostro intervento se lo è fatto raccontare, o molto più verosimilmente non ne ha tenuto conto, avventurandosi in una serie di affermazioni, queste si, prive di fondamento.

Come vedete, noi usiamo il plurale che non è il plurale maiestatis, ma è la forma normale da usare in italiano, quando a scrivere è un gruppo di persone, che assiste e condivide con il segretario ogni passaggio politico, essendone pienamente informato. Ci sembrano pertanto affermazioni volutamente strumentali e devianti, poiché il vero intento era quello di spostare l’attenzione dal piano politico a quello dello scontro da cortile. Noi non ci stiamo!

Appare quanto meno curioso che tali affermazioni provengano da un segretario politico che di problemi di comunicazione con il proprio partito ne ha a iosa, basti dare uno sguardo ai titoli dei settimanali locali:

-     Il Partito Democratico non vuole essere escluso dalle scelte;

-     La base del partito lamenta di essere stata convocata appena il giorno prima del Consiglio sul Bilancio;

-     Per il PD si potevano evitare il raddoppio dell’Irpef intervenendo sull’IMU per la seconda casa.

Segue poi  lettera firmata dall’esponente PD Antonio Calderaro, dal titolo molto significativo:

“Irpef: un passo falso da correggere”.   

La questione potrebbe apparire inutile sul piano politico, se non fosse che questo stesso stile gestionale di assenza di comunicazione, si riflette nella pseudo condivisione, in maggioranza, di decisioni in realtà assunte da pochi e dettate ad una platea che ha il solo ruolo di mera ratifica. Fossimo il segretario del primo partito di questa maggioranza ci preoccuperemmo più di questo aspetto.

La verità è che non c’è la volontà politica di condividere alcunché. E la cura della cosa pubblica non può ridursi ad affermazione generaliste “stiamo lavorando per voi”. Ci perdoni il segretario del PD se disturbiamo il macchinista ma il nostro modo di fare politica è quello di curare gli interessi della comunità, condividendo le scelte con la comunità. Per noi la maggioranza sono i cittadini di Polignano, nei riguardi dei quali, come formazione politica, abbiamo il dovere di dire: cosa facciamo, perché lo facciamo e come vogliamo farlo, e soprattutto, se siamo tutti d’accordo nel farlo. Questa per noi è democrazia.

Il nostro segretario ha fatto presente la nostra contrarietà a scelte politiche poco convincenti, come la mancanza di deleghe nell’apparato amministrativo e l’aumento dell’addizionale Irpef. Citiamo queste scelte avevamo avuto, in fase di campagna elettorale, le più ampie assicurazioni. “La squadra di governo sarà formata in toto e da gente di grande professionalità, qualora questa qualità non emergesse al nostro interno, senza nessuno calcolo partitico ci rivolgeremo all’esterno. Non ci sarà alcun tipo di aumento delle tasse o di imposizione di nuove.”

Queste le assicurazioni ricevute, questi i primi impegni disattesi. Non è solo un fatto di metodo, ma di sostanza politica. Per questo riteniamo esaurito il nostro contributo alla coalizione, prendendo atto del nostro errore di valutazione sull’effettiva volontà di concretizzare il progetto politico al quale avevamo aderito. Per noi non è carta straccia ma un patto con i polignanesi, che deve essere rispettato. E su questo lavoreremo e vi incalzeremo.

PSI Polignano

 

VEDI ANCHE LA REPLICA DEL PD AI SOCIALISTI E I COMMENTI

Commenti  

 
#9 Nathan Never 2012-10-12 14:32
Credo che in realtà si dica che nessuno gli ha chiesto se avevano letto il documento e cosa ne pensassero, usando il silenzio-assenso come politica.
 
 
#8 XCITTADINANZA ATTIVA 2012-10-12 11:10
Prova a leggere il primo comunicato. Non fare ciò di cui accusi gli altri.
 
 
#7 Cittadinanza Attiva 2012-10-12 09:09
In primo luogo per i compagni socialisti e per quanti commentano a ruota libera e saltando di palo in frasca senza magari leggere con attenzione di cosa si discute. Nel vostro comunicato è scritto (da voi!): "mai negato di aver ricevuto l'email, al contrario abbiamo semplicemente detto che al momento di dare la nostra approvazione non ne avevamo preso visione, cosa avvenuta successivamente". Quindi, approvate documenti che vi inviano gli amici dell'alleanza, leggerli prima no?, salvo pentirvene e provare a rigirare la frittata. Non ci sembra serio e corretto.
 
 
#6 Ma mi faccia il .... 2012-10-11 23:02
Ma i socialisti non sono quelli che in barba ai patti della coalizione scrissero il nome di VITTO sotto il loro simbolo ?? e quando loro spadroneggiavano grazie al sen.Putignano tutti salivano sul loro carro, rimanendone quasi sempre con un pugno di mosche o, nel caso del 1988, facendo assumere in maniera a dir poco scandalosa, un gruppo di candidati o parenti di candidati, negli uffici del Lavoro, nelle capitanerie di Porto, al Lotto a Bari ..... e nei banchi del consiglio non sedeva il signor V.L.? era quella la politica di sinistra ??? allora andava bene ??? quando miss Centrone entrava nel consiglio di amministrazione di qualche ente ospedaliero li nessuno protestava ? ma mi facciano il piacere
 
 
#5 delusionetotale 2012-10-11 17:54
si è travestito da agnellino per raggirare tutta polignano. eppure qualcuno lo diceva...non vi fidate di vitto! voi non lo conoscete bene!! avevano ragione, e infatti i partiti hanno tirato più di lui, quindi i suoi candidati erano di certo più credibili di lui!!la giunta? una nullità, messi lì per contare poco.i socialisti? sono solo la punta di un iceberg......e l'IDV dov'é?? vitto go home!!!
 
 
#4 the white russian 2012-10-11 16:50
alla fine dei soliti sospetti kevin Spacey dice: il piu' grande scherzo che il diavolo abbia fatto è quello di far credere che lui non esiste. ora se voi avete creduto al lupo travestito da agnello con chi ve la volete prendere se non con voi stessi....troppo facile saltare sul carro dei vincitori, apparte il rischio di essere gettati fuori dal carro in corsa.......come godo...come godo.
p.s. i soliti sospetti..che film
 
 
#3 aria triste 2012-10-11 16:35
Crediamo di non sbagliare se ricordiamo che Vitto già nel 2006 con accordi sotterranei e trasversali costrinse i Socialisti ad uscire dalla maggioranza. Cosa centra Vitto? dirà qualcuno. Semplice, anche allora pur soldato di truppa (finto) Vitto comandava Di Giorgio. Vero o no ? E' passato poco tempo .... Vedrete ...
 
 
#2 Vitto..perde pezzi 2012-10-11 09:42
Caro sindaco, i tempi dei festeggiamenti sono finiti. Prendiamo atto delle dichiarazioni "politiche" avvilenti del PSI che l'ha sostenuto con forza nella passata competizione elettorale. Complimenti ha imbarcato il primo "riteniamo esaurito il nostro contributo alla coalizione". E guarda un pò le rinfacciano giusto la mancata "collegialità nelle decisioni" e le "decisioni in realtà assunte da pochi e dettate ad una platea che ha il solo ruolo di mera ratifica". Ed attenzione è TUTTO MERITO dei SUOI PARTITI, qui l'opposizione non c'entra niente. Non aleggia neanche lo spettro di Bovino con il quale prendersela. Francamente non pensavamo a questa debacle nei primi 6 mesi dove al presunto "nuovo corso" promessoci hanno fatto seguito solo litigi e lotte fratricide nella maggioranza. Tocca dirlo Sindaco, inizia presto a deluderci!
 
 
#1 finalmente 2012-10-11 06:58
ho rilasciato un commento non certo positivo per i socialisti sull'intervista del segretario PD. Nel leggere questo comunicato devo fare 100 passi indietro e ammettere che il segretario PSI ha gli attributi! Bravo Martinelli e bravo tutto il direttivo per aver preso, come me, le distanze da questa falsa amministrazione di centro sinistra che di sinistra ha solo il posto in consiglio comunale!!!
Per la prima volta in consiglio non siede nessuno di sinistra. Consiglieri e assessori che li rappresentano degni della prima repubblica. Assessori che non gestiscono nulla.
1) Abbatepaolo Marilena : CULTURA (rappresenta il PD e oltre 2.000 voti;
2) Abbatepaolo Giovanni: Urbanistica ( lo avete mai sentito parlare sull'argomento e ne capisce qualcosa?);
3) Mazzone Paolo: servizi sociali;
4) Simone Daniele: ci è bastata l'estate polignanese (deleghe senza conto);
5) L'Abbate Paolo (vicesindaco e polizia municipale). La persona forte promessa in campagna elettorale per contrastare il potere dei dirigenti...
E il potere vero chi lo gestisce?
Volete vedere cari amici socialisti che diranno SI anche al campo da golf e alle ville di Parco dei Trulli tanto osteggiato quando erano all'opposizione? L'appetito vien mangiando dice un vecchio e saggio proverbio... Sicuramente si inventeranno qualche modifica per farlo digerire alla coalizione. E il cimitero che fine ha fatto? E la storia su Pedone?
Parole parole parole cantava la grande MINA...
Mi sa tanto, caro Martinelli, che anche questa volta ci hanno fregato...
Vi voglio bene
V.L.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI