Mercoledì 16 Gennaio 2019
   
Text Size

Targa Crocifisso. Scagliusi: 'Occorre ripensarla'

eugenio-scagliusi-maratona-bari

 

Archiviata anche la 63a edizione della "Targa Crocifisso", il consigliere di minoranza Eugenio Scagliusi (PdL) ha inviato una nota alla nostra redazione per riaprire il dibattito sulla manifestazione che, a suo avviso “occorre ripensare” e sulla mobilità sostenibile.

“La manifestazione – scrive il consigliere Scagliusi – ha una valenza tradizionale e storica per Polignano e per i polignanesi tutti. Nel tempo, molte cose sono cambiate, dal percorso fino all'ultimo degli aspetti organizzativi. Per questi, un plauso va fatto alla "Polisport Polignano", al suo presidente Nicola Pellegrini e a tutti i suoi collaboratori.
Le diverse amministrazioni si sono sempre adoperate, per quanto in maniera diversa, per contribuire allo svolgimento della gara.
Anche quest'anno lo sforzo organizzativo ha prodotto risultati positivi.”

“Ma a manifestazione conclusa – prosegue la nota del consigliere, che da anni offre un proprio contributo alla manifestazione e tenta una personale testimonianza di utilizzo della bicicletta – ci si deve interrogare - con serenità - se e quanto la manifestazione, così come si svolge, sia ancora utile; quali siano gli obiettivi che si vogliono raggiungere; se, soprattutto, agli sforzi organizzativi, anche economici, seguano risultati corrispondenti.

A me sembra che occorra ripensarla. Una manifestazione del genere, che costa circa €. 25.000,00, deve andare oltre la gara vera e propria. Essa deve diventare strumento di promozione di una diversa mobilità e, soprattutto, occasione per favorire l'utilizzo quotidiano della bicicletta in paese. Magari accompagnando la manifestazione ad altre iniziative che non siano limitate alle due settimane che la precedono." 

"Sarebbe bello - conclude in proposito Scagliusi - che anche per noi amministratori la bicicletta diventi mezzo privilegiato per gli spostamenti. Credo che in certi casi il valore della testimonianza, anche a fini educativi, valga anche più di corsie preferenziali o piste ciclabili."

Commenti  

 
#6 O mio Dio.... 2012-10-16 20:33
Hai avuto 5 anni in maggioranza e ti ricordi ora che bisogna ripensarla ??? forse non te ne sei accorto, ma quest'anno l'Amministrazione l'ha davvero ripensata, facendo agire assieme ben 3 assessorati, con diverse iniziative e iniziando a coinvolgere la popolazione dalla settimana precedente.
 
 
#5 Ciccio 2012-10-10 14:25
Per prima cosa riporterei la data alla prima domenica di Settembre. Ad Ottobre la stagione ciclistica è ormai terminata. Per seconda cosa ritornerei al circuito tradizionale da Monopoli, quell'andirivieni sulla complanare è da gara amatoriale.
 
 
#4 elly 2012-10-09 16:04
utilizzare le biciclette anche per lunghi tratti deve prevedere una adeguata logistica del terrirorio!!! quella su via S.Vito non può di certo chiamarsi pista ciclabile!!! Anzi, se le voci che ho sentito rispondono al vero, pare che l'aver transitato su detta pista ciclabile sia costata la milza ad un dodicenne del Paese...
 
 
#3 giambattista giulian 2012-10-09 10:42
Utilizzare la corsa per promuovere l'utilizzo delle biciclette è una buona iniziativa, ma può avere effetto sui bambini, non di certo sulle pessime abitudini degli adulti Polignanesi. Sono appena tornato da Conversano e ho visto che stanno costruendo piste ciclabili in centro, strade che stanno diventando a senso unico per lasciare spazio alle bici. La politica polignanese sarà mai in grado di proporre cose simili? a quando la pedonalizzazione del centro storico? e del ponte lama monachile e via tritone? Perchè Polignano ha bisogno di 20 anni per realizzare processi che altrove richiedono 2-3 anni?
 
 
#2 giannon 2012-10-08 18:23
e giusto quest'anno va ripensata caro e stimato avv.? nei passati anni dove stavamo? sono anni ormai che questo evento va "scemando" lasciati sempre nell'abbandono a chi organizza. Erano gli anni d'oro quando via Pompeo Sarnelli e via M. di Dogali erano abbellite di bandierine colorate, la paglia in curva x la sicurazza al monumento, siamo arrivati ai bustoni pieni di cosa? bòò mè scià sveglia x i prox anni
 
 
#1 Pasqualino Modugno 2012-10-08 15:32
Caro Eugenio, la CORSA-Targa Crocifisso, non ha bisogno di essere ripensata, ha bisogno di essere riconosciuta con la presenza di una stanza presso il Museo Pino Pascali, dove mettere in mostra la storia della nostra Corsa. Non potete immaginare minimamente lo sforzo per organizzarla. La Targa Crocifisso è la storia, è la cultura è la tradizione della nostra intera comunità è per questo che deve aver il giusto riconoscimento. Il giorno della Targa Crocifisso è giorno di festa e di allegria per Polignano, a prescindere del valore tecnico della stessa. Dare un spazio presso il Museo Pino Pascali o presso il porticato del centro storico, sia la cosa più giusta per la manifestazione più "vecchia" che Polignano celebra. Lo spazio sarà arricchito di immagini, magliette dei vincitori, da ritagli di giornali delle passate edizioni e tanti altri ricordi incancellabili della nostra amata "A CORS".
Per quando riguarda l'utilizzo della bici, sono perfettamente d'accordo con te.
Cordiali saluti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI