Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

Olio dalla Turchia. Silvestris vota contro

sergio-silvestris-trivellazioni-adriatico

 Riceviamo e Pubblichiamo


 

Accordi su importazioni olio d'oliva dalla Turchia, i poteri alla Commissione

Silvestris (Pdl) vota contro "la misura che penalizza produttori e consumatori"

 

 

STRASBURGO - "In materia di accordi sulle importazioni di olio d'oliva dalla Turchia, il ruolo del Parlamento Europeo deve rimanere centrale". Lo afferma l'eurodeputato del Pdl Sergio Silvestris dopo il voto con cui l'Europarlamento di Strasburgo ha inopportunamente conferito alla Commissione Europea piena delega sulla materia per i prossimi cinque anni.

Sarà quindi la Commissione Europea, purtroppo, ad avere il potere esclusivo di produrre atti che riguardano gli scambi commerciali di olio d'oliva e altri prodotti agricoli tra Unione Europea e Turchia, mentre il Parlamento potrà soltanto obiettare a un progetto di atto delegato. E ciò non può che prefigurare nuove sciagurate politiche di apertura all'importazione di olio di dubbia qualità e tracciabilità da produttori extra Ue.

"Ho votato contro - dichiara Silvestris - un provvedimento che prevede, in vista di nuovi accordi commerciali con la Turchia, anche una riduzione dei dazi doganali. In questo momento di difficoltà per i nostri agricoltori non è ammissibile favorire ulteriormente le importazioni di olio d'oliva da Paesi esterni all'Unione Europea. La riduzione delle integrazioni sulle olive, il crollo dei prezzi e la volatilità dei mercati stanno già mettendo in ginocchio l'intero comparto olivicolo. Inoltre, questa apertura alla Turchia non tutela nemmeno i consumatori. L'introduzione nel mercato europeo di grandi quantità di olio extravergine turco favorirà il fenomeno delle truffe e delle sofisticazioni, andando a compromettere la tracciabilità e la qualità del prodotto". 

Commenti  

 
#5 arturo 2012-09-22 14:09
nella UE l'Italia è un colabrodo.La nostra agricoltura è stata abbandonata dalla politica da almeno 30 anni ed è stata svenduta a danno degli agricoltori e della preziosa manodopera che è fuggita dalle campagne.. :sad:
 
 
#4 up 2012-09-21 16:10
alla fin fine succede che i paesi forti come la Germania fanno quello che vogliono ,che certe volte pure i francesi si impuntano e la spuntano e che gli unici cretini nel Club Europa siamo noi meridionali che abbiamo prodotti simili a quelli dei paesi del Nord Africa o del Medio Oriente che vengono costantemente sacrificati ,in quanto per poter esportare i propri prodotti industriali l'Europa concede aperture alle importazioni di prodotti agricoli di paesi terzi all'unione.
 
 
#3 arturo 2012-09-18 11:48
bene almeno fa qualcosa per il sud e per l'talia!!! con lo stipendio che prende......mi pare il minimo!
 
 
#2 belin 2012-09-18 07:26
questa pseudo europa, in realta' si chiama germania, dopo 70 anni siamo ancora sotto il controllo tedesco
 
 
#1 elly 2012-09-17 17:46
mi chiedo spesso perchè dobbiamo continuare ad ubbidire all'Europa!!!Prima del '92 l'Italia era un paese ricco!!! Poi l'europa e l'euro hanno rovinato tutto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI