Lunedì 25 Marzo 2019
   
Text Size

Tato saluta Fitto. Bovino che farà? Ipotesi e scenari

bovino-tato-greco-fitto

 

Tato e lo strappo da Fitto. Il sindaco Bovino (fittiano e de La Puglia Prima di Tutto) potrebbe passare all'opposizione della Provincia di Bari e dividere i banchi con l'amico Domenico Vitto. Quali ricadute avrà la rottura sulle elezioni comunali di Polignano?


 

Al Congresso provinciale del Pdl (in queste ore a Bari) si è consumato lo strappo (definitivo?) con “La Puglia Prima di Tutto”.

Salvatore Greco, per gli amici Tato, segretario regionale della lista “La Puglia Prima di Tutto” ha deciso di lasciare la maggioranza di governo della Provincia di Bari, in aperto scontro non solo con il presidente Francesco Schittulli ma anche con il padre fondatore della lista, Raffaele Fitto.

Ricordiamo che La Puglia Prima di Tutto è il partito del sindaco di Polignano, Angelo Bovino (un uomo di Fitto e di Greco). Il primo cittadino è presente ai lavori congressuali del Pdl ed è, lo ricordiamo, consigliere provinciale de “La Puglia prima di Tutto” nella maggioranza di Schittulli.

Tato vuota il sacco attraverso una nota scritta e letta durante i lavori: "Un anno fa con il Pdl la “Puglia prima di tutto” ha sottoscritto un patto federativo: lo scopo doveva essere consacrare il rapporto tra i due partiti come vasi comunicanti di idee progetti e consensi.

In realtà noi abbiamo avuto, in questo anno, la sensazione di essere considerati i cugini rompiscatole o i fratelli scemi, buoni soltanto durante i momenti elettorali. E' evidente che quel patto – recita Greco in platea, leggendo la nota scritta – ha bisogno di essere onorato perché possa produrre frutti, e questo credo sia il primo obiettivo che dovrà porsi la nuova dirigenza provinciale Pdl che il vostro congresso andrà a eleggere".

Il casus belli sembra essere il presidente Schittulli, contro cui Greco lancia strali: "Stessa mancanza di dialogo e di confronto da anni denunciamo al presidente Schittulli per ciò che riguarda la Provincia di Bari. Ecco perché annuncio che da oggi La Puglia prima di tutto comincia un lungo periodo di riflessione. Perché prima ancora della politica ci sono i rapporti di lealtà, di rispetto e di correttezza, valori che fin qui sono mancati".


CHE SUCCEDERA' A POLIGNANO?

L’IPOTESI 1 – L’ex Ministro Fitto non conferma la candidatura a sindaco di Angelo Bovino. Bovino, per ripicca,bovino-fitto-tato-greco segue le orme del suo amico Tato e passa all’opposizione dell’arco consiliare provinciale. In questo caso, Bovino dividerebbe i banchi dell’opposizione con il consigliere provinciale Domenico Vitto.

L’IPOTESI 2 – Il sindaco Bovino segue le orme del suo amico Raffaele Fitto, ex Ministro, solo su investitura a candidato sindaco.

L’IPOTESI 3 – I fatti di via Spalato (Provincia di Bari) non fanno una grinza per Polignano e per le elezioni amministrative. Si potrebbe convergere sulle primarie per la scelta del candidato sindaco in maggioranza. Ma il nodo da sciogliere è incagliato al pettine: primarie con o senza Bovino?

 

* foto di Nicola Teofilo

Commenti  

 
#13 x bartolang 2012-03-08 19:46
Siccome gli uomini onesti e giusti hanno il coraggio delle loro idee sarebbe interessante sapere nome e cognome di tanta cattiveria (o partigiano di Vitto?)Se poi Vitto ha il coraggio di confrontarsi conosceremo finalmente la verità su tutto l'operato del Sindaco Bovino che a detta anche dei suoi avversari ha lavorato bene !!! (vedi dichiarazioni pubbliche e televisive). Questa si chiama verità e la signorilità di Bovino è conosciuta in tutta l'Italia!
 
 
#12 Lorenzo L. 2012-03-06 21:20
al servizio di chi ???? scusami, mi ripeto, al servizio di chi ??
per non rendere , ridicolo e falso un importante aggettivo della lingua italiana, propongo di eliminarlo per questa campagna elettorale.
altrimenti ci
mette tutti nei guai
...
 
 
#11 Bartolang 2012-03-06 13:14
Non mi meraviglio quando un cittadino dice che non va più a votare perchè ha perso la fiducia nei politici...Ha ragione come può avere più fiducia un cittadino di questi uomini politici qua.qua.ra qua? Ok non voterò neanche io e tutti i miei amici!!! Basta con questa politica fasulla tutti attaccati alla poltrona.
 
 
#10 x LorenzoL 2012-03-06 11:14
Perchè la coerenza di Bovino che ha annunciato da mesi il fantomatico passo indietro per allargare la maggioranza dov'è?? questa sarebbe la coerenza? Io credo che Beatrice fosse determinata a non candidarsi e prova ne è la circostanza che si è spesa all'inverosimile per cercare un candidato nuovo che unisse tutti, ma i veti incrociati dei vari "attorini" della maggioranza, Sindaco in testa, hanno impedito il risultato. Fare politica significa innanzitutto mettersi AL SERVIZIO della squadra e dei cittadini e se alla fine ha dato la sua disponibilità, io credo lo stia facendo con questo spirito...quindi FORZA BEATRICE, VAI AVANTI
 
 
#9 Lorenzo L. 2012-03-05 19:32
SE è VERA la notizia che circola in Polgnano,
Beatrice De Donato candidato sindaco, antagonista di Angelo Bovino.
Fu cosi che morì la Parola coerenza..... Nè candidata alle Primarie e Nè candidato Sindaco.
Sono queste, le dichiarazioni che ho letto sui giornali.
invece ...Punto e accapo :-* :-*
 
 
#8 Mavala 2012-03-05 18:46
UN Partito a favore degli operai, come puo' candidare un commerciante? e che significa? E poi.....meno male che ci sono i commercianti che danno lavoro agli operai.....
Direttore.... Se per favore puo' gentilmente pubblicarlo questo intervento ,considerando che ,ha pubblicato quello a cui faccio riferimento , che Nn mi sembra molto rispettoso! La ringrazio
 
 
#7 cuore libero 2012-03-05 00:02
ma se ricordo,il porto il cimitero,ripagnola,non fu venduto dall'amministrazione di centro sinistra'? cambiamo polignano,primarima di tutto mandiamo a casa tutti i commercianti di ortofrutta che fanno solo i loro interessi.come puo' un partito come il pd,che anche un partito a favore degli operai,come puo candidare un commerciante
che pensa solo a tirare il sangue hai poveri braccianti?apriamo gli occhi stiamo attenti a chi affidare polignano
 
 
#6 Novità 2012-03-04 18:28
www.concorsi.regione.puglia.it
 
 
#5 Novità 2012-02-29 22:23
Ipotesi: Un importante Dirigente del nostro Comune lascia Polignano per La Regione Puglia.
Scenario: Prende il suo posto il Dottor.......... proposto in campagna elettorale dal centro.....
Sarà vera questa notizia.
 
 
#4 Bartolang 2012-02-28 13:12
Cittadini di polignano, come potete notare il cavaliere non vuole scendere da cavallo per nessuna ragione. Questo è il segno tangibile che fare il cavaliere a polignano senza contegno e dignità di uomo significa che sedere su quella poltrona è come fare i cazz..propri e per i suoi amici. Da quando ho saputo con certezza che il candidato sindaco del centro-destra è lui io sto godendo di gioia perchè solo così potrà andarsene a casa con una grande delusione e sconfitta come quella delle elezioni provinciale. Non gli basta ancora quello che gli fruttato il cimitero, il porto e i trulli di ripagnola."Il Signore esiste e non paga solo il sabato, ma anche la domenica"....
 
 
#3 augusto cernò 2012-02-27 21:09
il solito minuetto in salsa democristiana......
 
 
#2 barais 2012-02-27 11:43
tato greco un altro figlio di papa' senz arte ne parte in politica, la politica non ha bisogno di lui e dei suoi discepoli...via tutti via la puglia prima di tutto , partito plurinquisito
 
 
#1 la coerenza 2012-02-26 21:48
Quando ci si rivolge agli elettori attraverso i media ( programma di canale 7 ZOOM)bisogna necessariamente dare seguito a quel che si dice. Bovino è stato chiaro: non partecipo alle primarie. In un momento come questo, quando il popolo chiede il rinnovamento è giusto che Bovino si metta da parte come candidato sindaco e si candidi come consigliere, anche perchè se passa la nuova legge per le province potrà riproporre la sua candidatura ( riservata ai soli consiglieri comunali).
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI