Sabato 19 Gennaio 2019
   
Text Size

TENSIONI IN MAGGIORANZA: LA RIUNIONE

bovino-conferenza-fine-anno

E' ROTTURA VERA TRA BOVINO E TORRES?

Domani sera riunione di maggioranza: candidature, conferma o meno di Bovino, primarie e tensioni

 

Giovedì sera doveva riunirsi la maggioranza, e invece l’acuirsi delle tensioni interne, molto probabilmente ha fatto saltare tutto.

Intanto, però la riunione è stata rinviata a domani sera: a meno che il torcicollo del sindaco (questa la versione ufficiale) o il forte “maldipancia” di coloro che non lo vogliono più come candidato sindaco alle prossime elezioni non costringano a un ulteriore rinvio. 

Sul tavolo ci sono importanti questioni: la candidatura a sindaco nel centrodestra; lo strappo evidente (o strategico) tra il presidente del Consiglio Onofrio Torres e il sindaco Bovino; l’ipotesi di elezioni primarie per la scelta del candidato sindaco. Nel caso specifico della rottura con il Movimento Schittulli, voci di corridoio parlano di un Bovino irritato, pronto a vendicarsi servendo un bel rimpastino a Onofrio Torres che dichiara di essere al centro, affermazione tutt'altro che scontata.

Insomma, domani si ripeterà il fallimentare copione dell’ultimo summit riunitosi a Castellinaria? Ricordiamo che in quell’occasione molti, della maggioranza disertarono la riunione, mentre il dibattito sulle candidature e sulla riconferma o meno del sindaco uscente Bovino non si è, di fatto, mai aperto.

 

NODO PRIMARIE - E a proposito di elezioni primarie, il sindaco Angelo Bovino nella nostra intervista su La Voce del Paese di giovedì scorso, ha fatto sapere di non disdegnarle del tutto:

“Primarie? Perché no… solo però se fatte per bene, democraticamente parlando, con delle regole certe e che non diano spazio a giochi che vanifichino la qualità del risultato.”

Ma diciamolo pure, Bovino che apre all’ipotesi di elezioni primarie ammette l’esistenza di contraddizioni interne alla sua stessa maggioranza: un calderone di correnti con esponenti scettici rispetto alla sua riconferma come candidato sindaco. Se così non fosse, Bovino sarebbe stato riconfermato da un pezzo, senza necessariamente passare all’esame delle primarie, uno strumento (tra l’altro) che non è proprio del modus operandi e della natura del Pdl. Le primarie potrebbero essere lo scudo dietro il quale si rifugiano vertici regionali e locali del Pdl – ma anche semplici esponenti – pur di non esprimere chiaramente il loro disappunto rispetto a una riconferma del candidato sindaco uscente, Bovino.

A questo punto è il caso che la maggioranza si decida su possibili candidati alternativi a Bovino. Le insofferenze e le inquietudini da parte di esponenti della maggioranza verso una sua possibile riconferma, sono ormai come il segreto di Pulcinella: tutti lo sanno, nessuno parla. 

Commenti  

 
#8 BELL FATT 2011-11-17 12:41
non capisco una cosa...è da un po' di tempo che esce fuori il nome di Montanaro...dite che sarebbe meglio di Bovino. scusate ma cosa ve lo fa credere?
mio marito sta aspettando ancora il posto di lavoro...e non aggiungo altro.
per quanto riguarda Vitto, bè se pensate che con lui ci sia rinnovamento state proprio frecati...
 
 
#7 e si!!! 2011-11-16 16:19
pensiamo a fare il film x adesso......
 
 
#6 la denuncia 2011-11-14 18:34
concordo con quanto commentato da "paura"?Ritengo che il centro destra abbia bisogno di un cambio di guardia. Ha bisogno di gente che faccia politica per il paese! Angelo bovino sta dimostrando un attaccamento alla poltrona che va oltre Berlusconi:entrambi sono sulla scena politica come attori protagonisti dal lontano 1993.Berlusconi ha avuto il buon senso di dimettersi per il "bene" del paese,Bovino neanche questo! Mi chiedo come può un uomo che continua a dire di non volersi candidare, che sono gli altri che gli offrono la candidatura, a volersi nuovamente, è la 5^volta, concorrere per la poltrona di primo cittadino anche quando è perdente e i suoi grandi alleati non lo vogliono Caro nicola perchè non chiedi in modo diretto a Onofrio Torres, a Eugenio Scagliusi, a Lorenzo Lamanna se sosterrebbero Angelo Bovino: se così non fosse ci dica, bovino, chi sono coloro che lo sosterrebbero. Ha fatto fuori in un colpo solo tutti quelli che 2007 lo sostenevano: Donato Amodio segretario dell'UDC, Modesto Scagliusi assessore e tutto l'UDC; Assunta maringelli segretario di alleanza nazionale, Antonio panaro eccellente ingegnere dei vigili del fuoco, fabio pellegrini impiegato di banca, luigi Scagliusi. Chi gli rimane? dicono a polignano i "ramasuglie". Io ho sempre votato centro destra a tutti i livelli, ma se Bovino continuerà a proporsi e nessuno avrà il coraggio di dirgli di rimanere fuori dal ring (se non vuole essere messo KO da Vitto) io voterò centrosinistra e come me lo faranno tutti coloro che candidati con Bovino nel 2007 non hanno mai ricevuto una sola telefonata in 5 anni. Chi sta commentando, penso si è capito, è stato candidato nel 2007 con Bovino: non ho mai avuto il piacere di essere invitato ad una maggioranza, ad una riunione...ho ricevuto giorni fa una telefonata dove mi si chiedeva di fare la tessera alla Pdl...naturalmente ho rifiutato. caro bovino non ho ancora l'anello al naso! Un appello ad EUGENIO SCAGLIUSI: non candidarti con nico messa a sostegno di Angelo Bovino, non fare le primarie, vai per la tua strada (fabio colella non lo pensare più) la gente ti stima come persona e come professionista. Ti prego,Eugenio, dai una lezione di vita a questo megalomane della politica...lascialo "perdere"...in tutti i sensi.
 
 
#5 capavacant 2011-11-14 14:05
bovino facesse una opera d amore verso il paese , lasciasse la politica e si ritirasse nel suo buen ritiro , il paese ha bisogno di uno scatto di orgoglio e lasciar via gli anni passati di inciuci e arricchimenti personali o dei propri amici
 
 
#4 lettore1 2011-11-14 11:39
Logico pensare che Stefano Montanaro sia un candidato più che degno di ricoprire la carica di primo cittadino. Vero è che i 3/4 dei polignanesi avrebbero la medesima caratteristica, dal momento che il confronto con certi personaggi è facile da vincere. Il problema, tuttavia, è il solito: è sufficiente candidare una personalità non invischiata nelle note beghe di paese se poi è costretto ad allearsi con certi personaggi? Giusto per intenderci ridendoci su: credo che uno splendido quadro possa essere rovinato da una pessima "cornice". Al contrario, all'attuale natura morta basta pure un pico-glass per far "bella" mostra di sè
 
 
#3 U POVERE CRIST 2011-11-14 08:39
Concordo in pieno quanto detto da Ultimo, vuol dire che sei sulla mia stessa lunghezza d'onda, ;-) ma devono andare via tutti sia coloro che hanno fatto danni e non.
Bacioni U Povere Crist
 
 
#2 paura??? 2011-11-13 23:38
Secondo me Bovino non vuole fare le primarie perchè ha troppa paura di perderle...E' evidente del resto che se fosse messo al confronto di uno Stefano Montanaro il risultato sarebbe scontato. Bovino sarebbe praticamente finito e lo stesso Vitto dovrebbe stare molto attento. Ecco spiegato il motivo per cui la sinistra vuole Bovino come candidato sindaco. Sa che è perdente e che con Montanaro invece il risultato non sarebbe per niente scontato. Bovino se vuole evitare l'onta dell'umiliazione con Vitto, lasciasse spazio ad altri che sicuramente avrebbero piu possibilità di lui di vincere le elezioni o in alternativa se si crede così popolare da poter battere Vitto si misurasse in un confronto democratico alle primarie senza nascondersi dietro la scusa dell'inquinamento dei risultati. Di questo, piuttosto, dovrebbe essere contento, visto che eventuali infiltrazioni tra i votanti avrebbero tutto l'interesse a favorire lui che appunto è perdente agli occhi dell'attuale opposizione.
 
 
#1 Ultimo 2011-11-13 23:14
Basta che vanno via tutti quelli che non fanno o che fanno danni !!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI